I SE­GRE­TI CURVIFORMI DEL­LA CUPOLA DI BRUNELLESCHI

Mate - - L’editoriale - Di GIU­SEP­PE CON­TI

Brunelleschi non spie­gò mai co­me avreb­be rea­liz­za­to la sua cupola a ba­se ot­ta­go­na­le. So­lo og­gi si ap­prez­za­no i pro­di­gio­si cal­co­li che la ispi­ra­ro­no

La cupola di San­ta Ma­ria del Fio­re, co­strui­ta da Filippo Brunelleschi fra il 1420 ed il 1436, è una strut­tu­ra uni­ca nel suo ge­ne­re. Per se­co­li es­sa è sta­ta og­get­to di ri­cer­che da par­te di stu­dio­si che han­no cer­ca­to di co­glie­re il “se­gre­to” del­la sua co­stru­zio­ne. In­fat­ti Brunelleschi non ne ha mai ri­ve­la­to le mo­da­li­tà di rea­liz­za­zio­ne; esi­sto­no dei do­cu­men­ti nei qua­li egli di­ce co­me sa­reb­be sta­ta la cupola, ma non co­me l’avreb­be co­strui­ta.

La cupola è, in real­tà, co­sti­tui­ta da due cu­po­le: una in­ter­na e una ester­na, en­tram­be a ba­se ot­ta­go­na­le. Il dia­me­tro dell’ot­ta­go­no di ba­se del­la cupola in­ter­na mi­su­ra 45 m cir­ca, men­tre il dia­me­tro dell’ot­ta­go­no di quel­la ester­na mi­su­ra 54 m cir­ca. Al­tre cu­po­le fa­mo­se han­no, in­ve­ce, per ba­se del­le cir­con­fe­ren­ze (cu­po­le di ro­ta­zio­ne), co­me quel­le di San­ta So­fia (a Istan­bul) e di San Pao­lo (a Lon­dra), en­tram­be con un dia­me­tro di cir­ca 31 m; an­che le ba­si del­le cu­po­le del Pan­theon e di San Pie­tro a Ro­ma so­no del­le cir­con­fe­ren­ze i cui dia­me­tri mi­su­ra­no ri­spet­ti­va­men­te cir­ca 43,5 m e 41,5 m.

Lo spes­so­re del­la cupola in­ter­na è pres­so­ché co­stan­te (220 cm), men­tre quel­lo dell’ester­na es­so va­ria da 90 cm (al­la ba­se) a 60 cm. Nell’in­ter­ca­pe­di­ne fra le due cu­po­le si tro­va la sca­la che per­met­te di sa­li­re al­la sua som­mi­tà. La cupola ini­zia da un’al­tez­za di cir­ca 54 m dal suo­lo, rag­giun­gen­do com­ples­si­va­men­te cir­ca 115 m dal suo­lo.

La so­la cupola (esclu­sa la lan­ter­na) è al­ta qua­si 36 m e pe­sa cir­ca 30 mi­la ton­nel­la­te.

Ol­tre al­le sue enor­mi di­men­sio­ni, uno dei pro­ble­mi del­la cupola di Fi­ren­ze è la sua ba­se ot­ta­go­na­le. Men­tre in quel­le a ba­se cir­co­la­re gli sfor­zi so­no ugual­men­te di­stri­bui­ti, in quel­le a ba­se ot­ta­go­na­le gli sfor­zi mag­gio­ri si con­cen­tra­no nei suoi ver­ti­ci, do­ve la strut­tu­ra è più de­bo­le. Brunelleschi riu­scì a edi­fi­ca­re una cupola “im­pos­si­bi­le” gra­zie al suo genio ed al­le sue co­no­scen­ze scien­ti­fi­co-ma­te­ma­ti­che. Le cur­ve, ot­te­nu­te in­ter­se­can­do cia­scu­na ve­la con pia­ni con­te­nen­ti l’as­se del­la cupola (li­nee me­ri­dia­ne), so­no de­gli ar­chi di el­lis­si, ec­cet­to i co­sto­lo­ni di spi­go­lo che so­no ar­chi di cir­con­fe­ren­za. I mat­to­ni dell’ope­ra non so­no col­lo­ca­ti se­con­do le ge­ne­ra­tri­ci dei ci­lin­dri che for­ma­no le vele, co­me sem­bre­reb­be più sem­pli­ce e na­tu­ra­le. Se per­cor­ria­mo la sca­la che si tro­va fra la cupola in­ter­na e quel­la ester­na, ve­dia­mo che, in cor­ri­spon­den­za dei co­sto­lo­ni di spi­go­lo e in­ter­me­di, i mat­to­ni so­no po­si­zio­na­ti ra­dial­men­te ver­so l’as­se, con

E AC L DB F

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.