AGNESI, LA “STREGA” CHE VISSE TRE VOL­TE

Mate - - L’editoriale -

Ta­len­to nel­le lin­gue, genio ma­te­ma­ti­co, in­fer­mie­ra per gli an­zia­ni... Ri­trat­to di Ma­ria Gae­ta­na Agnesi e del­le sue scel­te con­tro­cor­ren­te, in­com­pre­se da­gli uo­mi­ni po­ten­ti

MMNU­na don­na che visse tre vol­te: un ta­len­to nel­le lin­gue, che si sco­prì genio del­la ma­te­ma­ti­ca ma de­ci­se di oc­cu­par­si sol­tan­to di don­ne po­ve­re e an­zia­ne. È la sto­ria di Ma­ria Gae­ta­na Agnesi, la più gran­de ma­te­ma­ti­ca ita­lia­na del pas­sa­to (al­me­no tra le stu­dio­se co­no­sciu­te). Il suo va­lo­re fu ri­co­no­sciu­to da tut­ti, per­fi­no dal Pa­pa, che le of­frì una cat­te­dra uni­ver­si­ta­ria. Ma Gae­ta­na, fi­glia del se­co­lo dei Lu­mi, pron­ta a bat­ter­si per l’istru­zio­ne fem­mi­ni­le, ri­fiu­tò tut­to. Una scel­ta di vi­ta ra­di­ca­le che fa pen­sa­re ad al­tri ge­ni co­me Et­to­re Ma­jo­ra­na e Gri­go­ri Pe­rel­man. Ma lei lo fe­ce per po­ter­si de­di­ca­re to­tal­men­te al­le “ul­ti­me”. Tut­to ciò pre­mes­so, la ri­cor­dia­mo so­prat­tut­to per mo­ti­vi scien­ti­fi­ci: per una cur­va, la ver­sie­ra di Agnesi, che in real­tà non è una sua in­ven­zio­ne. La cur­va è de­scrit­ta nel­le Isti­tu­zio­ni ana­li­ti­che ad uso del­la gio­ven­tù ita­lia­na, il te­sto di­vul­ga­ti­vo di analisi che la Agnesi pub­bli­cò nel 1748, giu­di­ca­to già all’epo­ca, da­gli ac­ca­de­mi­ci di Fran­cia, il mi­glio­re mai scrit­to sul te­ma. La ver­sie­ra è il luo­go dei pun­ti P, in­ter­se­zio­ne di una ret­ta pa­ral­le­la all’as­se x e pas­san­te per e una ret­ta per­pen­di­co­la­re all’as­se x e pas­san­te per al va­ria­re del pun­to sul­la cir­con­fe­ren­za di rag­gio a. L’equa­zio­ne che la espri­me è x²y=4a² (2a- y). In ter­mi­ni matematici, la ver­sie­ra è una cu­bi­ca ra­zio­na­le aven­te l’as­se del­le x co­me asin­to­to d’in­fles­sio­ne.

LA CUR­VA “WITCH”

La cur­va si tro­va già in un pas­so del 1666 di Fer­mat. A ri­ven­di­car­ne no­me e sco­per­ta fu pe­rò Gui­do Gran­di nel 1718, se­con­do cui il no­me “ver­sie­ra” vie­ne dal la­ti­no “si­nus ver­sus”, ov­ve­ro cur­va con se­no ver­so, cioè con­tra­rio, ne­mi­co. All’epo­ca era il no­me at­tri­bui­to al­le stre­ghe (le ne­mi­che). Tan­to che gli in­gle­si chia­ma­no la cur­va Witch of Agnesi (strega di Agnesi).

Ma per­ché ce­le­bra­re una don­na che dà il no­me a una cur­va ma­te­ma­ti­ca che in real­tà non ha in­ven­ta­to? Il pun­to è che Ma­ria Gae­ta­na ha spie­ga­to que­sta e le al­tre com­po­nen­ti dell’analisi co­me nes­su­no ave­va mai fat­to pri­ma. Era la pri­mo­ge­ni­ta di Pie­tro Agnesi, la cui fa­mi­glia ave­va fat­to for­tu­na con la se­ta, e di An­na For­tu­na­ta Bri­vio che, do­po aver da­to al­la lu­ce ot­to fi­gli, mo­rì. Era il 1732: Gae­ta­na ave­va 14 an­ni. Il pa­dre si sa­reb­be ri­spo­sa­to al­tre due vol­te fi­nen­do col met­te­re al mon­do 21 o, for­se, ad­di­rit­tu­ra 23 fi­gli. Il prez­zo non l’avreb­be pa­ga­to lui. Ep­pu­re an­co­ra ci si stu­pi­sce che mol­te ra­gaz­ze non vo­les­se­ro spo­sar­si e, pur vo­ca­te al­le stu­dio (o so­prat-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.