PRO­ME­TEO O SA­TA­NA?

Medioevo Dossier - - Cosmogonia Il Nulla Come Inizio -

Un po’ dio e un po’ de­mo­ne, Lo­ki è la fi­gu­ra piú am­bi­gua del pan­theon nor­re­no. Al­cu­ni stu­dio­si lo han­no pa­ra­go­na­to a Sa­ta­na, al­tri a Pro­me­teo. Il suo com­por­ta­men­to, pe­rò, ri­sul­ta­va pri­vo di or­go­glio o di vo­lon­tà di potenza e si tra­du­ce­va in at­ti di sot­ti­le ma­li­zia, per il gu­sto di col­pi­re il pros­si­mo nel suo la­to de­bo­le, spes­so con l’in­gan­no. Seb­be­ne sia mol­to spes­so ri­trat­to come una crea­tu­ra del ma­le, Lo­ki rien­tra nel­la ti­po­lo­gia del trick­ster, un es­se­re se­mi­di­vi­no o un ani­ma­le an­tro­po­mor­fo che in mol­te mi­to­lo­gie rie­sce a ri­sol­ve­re si­tua­zio­ni com­pli­ca­te gra­zie a una se­rie di in­gan­ni. A que­sto pro­po­si­to Geor­ges Du­mé­zil lo ha pa­ra­go­na­to a Syr­don, una del­le prin­ci­pa­li di­vi­ni­tà del­la mi­to­lo­gia os­se­ta. Non sem­pre, pe­rò, il rag­gi­ro si ri­ve­la fi­ne a se stes­so o per­pe­tra­to per fi­ni egoi­sti­ci. Piú di una vol­ta Lo­ki, con i suoi stra­ta­gem­mi e i suoi truc­chi, aiu­ta gli dèi a sbro­glia­re fac­cen­de in­tri­ca­te o li sal­va da gra­vi pe­ri­co­li, di­mo­stran­do­si in­di­spen­sa­bi­le per con­ser­va­re lo sta­tus quo nei va­ri mon­di. In un pas­so dell’Ed­da poe­ti­ca Lo­ki si ri­vol­ge a Odi­no, ri­cor­dan­do­gli che qual­co­sa li uni­va in mo­do in­dis­so­lu­bi­le: « Non di­men­ti­ca­re Odi­no // che nei tempi an­da­ti // me­sco­lam­mo il no­stro san­gue… ». Il giu­di­zio sul dio piú enig­ma­ti­co del pa­ga­ne­si­mo nor­di­co, tut­ta­via, è pre­va­len­te­men­te ne­ga­ti­vo, come pun­tua­liz­za lo sto­ri­co Clau­de Le­cou­teux: «Mol­ti trat­ti di Lo­ki so­no sem­pli­ci epi­fe­no­me­ni e il per­so­nag­gio è so­prat­tut­to l’in­car­na­zio­ne del ma­le, lo spi­ri­to cat­ti­vo che im­pe­di­sce al mon­do di es­se­re fe­li­ce, il so­bil­la­to­re di tor­bi­di, il se­mi­na­to­re di di­sor­di­ni e di­scor­die, e si ca­pi­sce per­ché non ab­bia la­scia­to al­cu­na traccia nel­la to­po­no­ma­sti­ca e nell’ono­ma­sti­ca. La pu­ni­zio­ne di Lo­ki è equi­pol­len­te al­la sua ma­li­gni­tà». In fon­do an­che lo stes­so Snor­ri, nel Gyl­fa­gin­ning, lo in­tro­du­ce in mo­do in­quie­tan­te: «Tra le po­ten­ze ce­le­sti si con­ta an­che un dio chia­ma­to At­tac­ca­bri­ghe e pri­mo pa­dre del­la men­zo­gna: è una ver­go­gna vi­ven­te per tutti, sia per i mor­ta­li che per gli im­mor­ta­li. Il suo ve­ro no­me è Lo­ki, ov­ve­ro Lop­tr, fi­glio di Fár­bau­ti il gi­gan­te (cioè Col­pi di pe­ri­co­lo), la ma­dre è Isola Fron­do­sa (Lau­fey) o Need­le Nál». No­no­stan­te l’in­do­le di­strut­ti­va, Lo­ki vie­ne tal­vol­ta ri­trat­to come un es­se­re ma­gne­ti­co e at­traen­te, for­se per met­te­re in evi­den­za l’in­si­dio­so fa­sci­no del ma­le che ir­re­ti­sce gli uo­mi­ni. Pos­sia­mo al­lo­ra ipo­tiz­za­re che fos­se que­sta la ra­gio­ne per cui era par­ti­co­lar­men­te ama­to dai Vichinghi?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.