Non di so­lo pa­ne

Meeting e Congressi - - Hot Topics Meeting Comment -

qual­che tem­po che stia­mo cer­can­do di col­lo­ca­re le at­ti­vi­tà del­la mee­ting in­du­stry – cioè di chi or­ga­niz­za gli even­ti e di chi li ospi­ta – in un am­bi­to non tra­di­zio­na­le: l’am­bi­to, più vol­te au­spi­ca­to dal go­ver­no e so­prat­tut­to da Pa­pa Fran­ce­sco, del­la re­spon­sa­bi­li­tà so­cia­le e del­lo spi­ri­to di fra­ter­ni­tà per i più de­bo­li. Sto par­lan­do del pro­get­to “Food for good”, che sta già fa­cen­do mol­to par­la­re di sé e che trae le pro­prie ra­di­ci dall’ac­cor­do tra Fe­der­con­gres­si&even­ti da un la­to e Ban­co Ali­men­ta­re ed Equoe­ven­to On­lus dall’al­tro, sti­pu­la­to a fi­ne mar­zo a Ro­ma e mi­ra­to al re­cu­pe­ro del ci­bo ec­ce­den­te dei con­ve­gni (che gra­zie al­la Leg­ge 155 del 2003 è di­ven­ta­to un pro­ble­ma di fa­ci­le so­lu­zio­ne). In forza di que­sto ac­cor­do, che si rin­no­ve­rà ta­ci­ta­men­te di an­no in an­no, la fon­da­zio­ne si ob­bli­ga ad adot­ta­re tut­te le mi­su­re ne­ces­sa­rie af­fin­ché le or­ga­niz­za­zio­ni del­la sua re­te re­cu­pe­ri­no le ec­ce­den­ze ali­men­ta­ri in oc­ca­sio­ne de­gli even­ti e nei luo­ghi se­gna­la­ti da Fe­der­con­gres­si&even­ti. Que­sto pro­get­to ri­spon­de a un im­pe­ra­ti­vo eti­co pri­ma an­co­ra che a una ne­ces­si­tà eco­no­mi­ca. In mol­ti ca­si i con­ve­gni si ri­ve­la­no fon­ti di spre­co ali­men­ta­re. Le ec­ce­den­ze, an­zi­ché sfa­ma­re chi ne ha bi­so­gno, fi­ni­sco­no per au­men­ta­re il ca­ri­co di ri­fiu­ti, e

Il pro­get­to “Food for good”, che ve­de Fe­der­con­gres­si&even­ti in part­ner­ship con Ban­co Ali­men­ta­re ed Equoe­ven­to On­lus ri­spon­de a un im­pe­ra­ti­vo eti­co: c’è tan­ta gen­te che ha fa­me e il no­stro ci­bo in ec­ces­so può dav­ve­ro ser­vi­re a sfa­mar­la

ciò è mo­ral­men­te, ci­vil­men­te e so­cial­men­te in­tol­le­ra­bi­le: ol­tre al fat­to che tra­sfor­ma­re il ci­bo in ri­fiu­ti è un co­sto an­co­ra mag­gio­re che ri­ci­clar­lo (per­ché i ri­fiu­ti van­no poi smal­ti­ti), c’è tan­ta gen­te che ha fa­me, e il no­stro ci­bo in ec­ces­so può dav­ve­ro ser­vi­re a sfa­mar­la. E poi re­cu­pe­ra­re il ci­bo è fa­ci­le, co­sta po­co tem­po ed ener­gie, e c’è una leg­ge (la 155 ap­pun­to) che con­sen­te di far­lo sen­za trop­pi ca­vil­li o in­ghip­pi di bu­ro­cra­zia. I be­ne­fi­ci so­no tan­ti, an­che al di là di quel­lo so­cia­le. C’è un be­ne­fi­cio eco­no­mi­co, per­ché at­tra­ver­so il re­cu­pe­ro del ci­bo si riu­ti­liz­za­no le ri­sor­se e se ne ot­ti­miz­za la di­spo­ni­bi­li­tà; ce n’è uno am­bien­ta­le: si crea me­no in­qui­na­men­to per­ché si but­ta­no me­no ali­men­ti nel­le di­sca­ri­che; e in­fi­ne uno edu­ca­ti­vo: si edu­ca al ri­spet­to per il va­lo­re del ci­bo e per la fa­ti­ca uma­na nel pre­pa­rar­lo. Da no­ta­re, poi, che tut­to ciò è per­fet­ta­men­te in li­nea col te­ma di Ex­po, Nu­tri­re il pia­ne­ta – ener­gia per la vi­ta. Spe­ria­mo, co­sì fa­cen­do, di da­re il no­stro con­tri- bu­to a che Ex­po di­ven­ga quel­lo che de­ve es­se­re, cioè un’oc­ca­sio­ne per da­re vi­si­bi­li­tà non so­lo all’Ita­lia co­me de­sti­na­zio­ne ma an­che agli ita­lia­ni co­me po­po­lo, al­la die­ta me­di­ter­ra­nea e a quan­to il mon­do in­te­ro può fa­re per tra­dur­re il con­cept dell’espo­si­zio­ne uni­ver­sa­le nel­la pra­ti­ca del­la quo­ti­dia­ni­tà. Com­men­to a mar­gi­ne: su que­sto pro­get­to la­vo­ra­no – e non po­co – col­le­ghi che dan­no vo­lon­ta­ria­men­te e gra­tui­ta­men­te il pro­prio tem­po e la pro­pria espe­rien­za a Fe­der­con­gres­si&even­ti. In­sie­me a lo­ro è at­ti­vo un nu­cleo sem­pre più am­pio di per­so­ne che si de­di­ca­no al­la so­li­da­rie­tà. Sic­co­me so­gna­re non è mai proi­bi­to, an­zi, vor­rei espri­me­re la spe­ran­za che la no­stra in­du­stria si evol­va sem­pre più in que­sto sen­so. D’al­tron­de, il no­stro ve­ro pun­to di forza è che sia­mo gen­te che la­vo­ra con la gen­te e per la gen­te, e che quin­di me­glio di al­tri può ca­pi­re la ne­ces­si­tà di sup­por­ta­re chi ha di me­no. Il più, co­me sem­pre, è ti­rar­si su le ma­ni­che e far­si ve­ni­re la vo­glia di co­min­cia­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.