La cit­tà che guar­da al fu­tu­ro

Meeting e Congressi - - Hot Topics - A CU­RA DEL­LA RE­DA­ZIO­NE COM­MER­CIA­LE

Af­fac­cia­ta sull’Ocea­no Atlan­ti­co, una cit­tà dal fa­sci­no ma­lin­co­ni­co ma con un’in­ten­sa vi­ta not­tur­na, un ca­rat­te­re po­po­la­re ma al tem­po stes­so un aspet­to co­smo­po­li­ta, se­co­li di in­fluen­ze cul­tu­ra­li che si me­sco­la­no con le più moderne ten­den­ze, Li­sbo­na è og­gi una del­le ca­pi­ta­li più di­na­mi­che e brio­se del vec­chio con­ti­nen­te. Con i suoi mil­le an­ni di sto­ria, ospi­ta mo­nu­men­ti di gran­de im­por­tan­za che ri­flet­to­no al­cu­ni dei mo­men­ti fon­da­men­ta­li del­la sto­ria del­la na­zio­ne. L’ac­qua è da sem­pre l’ele­men­to at­tor­no a cui si è svi­lup­pa­ta la sto­ria di un po­po­lo e del pre­sti­gio do­vu­to ai com­mer­ci ma­rit­ti­mi si­no agli an­ni più re­cen­ti, co­me nel 1998 quan­do per l’Espo­si­zio­ne Uni­ver­sa­le fu re­cu­pe­ra­to il ri­ver­front che è og­gi una del­le aree più in­te­res­san­ti del tes­su­to ur­ba­no. Il Park of Na­tions, che com­pren­de pro­prio l’area in cui si ten­ne l’Ex­po, ha uni­to la cit­tà con il fiu­me sfrut­tan­do un va­sto fron­te, con una ma­gni­fi­ca vi­sta sull’al­tra spon­da e il pon­te Va­sco da Ga­ma, tra i più lun­ghi d’Eu­ro­pa. Il Bar­rio Al­to è uno dei quar­tie­ri più pa­ra­dig­ma­ti­ci: ti­pi­co e po­po­la­re, è una del­le zo­ne più al­ter­na­ti­ve di Li­sbo­na ca­pa­ce di uni­re shop­ping e cul­tu­ra in un mix di gran­de vi­ta­li­tà e di­na­mi­smo. Qui si pos­so­no tro­va­re la­bo­ra­to­ri di pro­dot­ti tra­di­zio­na­li per ac­qui­sti dal sa­po­re an­ti­co, per esem­pio i va­ri Re­tro­sa­rias con sca­to­le e cas­set­ti col­mi di bot­to­ni, na­stri e piz­zi, ma la tra­di­zio­ne si espri­me in mol­te al­tre la­vo­ra­zio­ni co­me i fa­mo­sis­si­mi azu­le­jos, le ti­pi­che pia­strel­le blu e bian­che de­co­ra­te a ma­no, pre­sen­ti in nu­me­ro­si edi­fi­ci del­la cit­tà.

TRA BU­SI­NESS E STO­RIA

Non so­lo azu­le­jos o tram che si rin­cor­ro­no sui sa­li­scen­di del­le stra­de. Og­gi Li­sbo­na è una de­sti­na­zio­ne pri­vi­le­gia­ta per or­ga­niz­za­re con­gres­si, incentive o viag­gi d’af­fa­ri an­che gra­zie agli ot­ti­mi col­le­ga­men­ti con le al­tre ca­pi­ta­li eu­ro­pee, con le prin­ci­pa­li cit­tà ame­ri­ca­ne e al­la vi­ci­nan­za dell’ae­ro­por­to al cen­tro cit­tà. Il pun­to di ri­fe­ri­men­to per qual­sia­si ti­po di even­to è il Con­ven­tion Bu­reau di Li­sbo­na, fon­da­to nel 1987; un’as­so­cia­zio­ne a cui ade­ri­sco­no en­ti pub­bli­ci e pri­va­ti e che in­clu­de due­cen­to mem­bri tra cui ho­tel, agen­zie di even­ti e for­ni­to­ri di ser­vi­zi. Lo­ca­tion esclu­si­ve so­no in gra­do di sod­di­sfa­re qual­sia­si esi­gen­za bu­si­ness: dai pa­laz­zi sto­ri­ci ai con­ven­ti, ma an­che ri­sto­ran­ti al­la mo­da, lo­ca­li tra­di­zio­na­li co­me can­ti­ne o quin­tas, bar­che sul fiu­me, ser­re, ser­ba­toi d’ac­qua, sta­di di cal­cio. Qual­che esem­pio? La cin­que­cen­te­sca Torre di Be­lém, og­gi land­mark ur­ba­no e se­de di even­ti; il Ca­ste­lo São Jor­ge, uno spa­zio sug­ge­sti­vo e di gran­de fa­sci­no; il Cam­po Pe­que­no, uno dei più im­por­tan­ti edi­fi­ci in sti­le ara­bo ri­qua­li­fi­ca­to nel 2006; il Con­ven­to do Bea­to, che fu co­strui­to tra il 1580 e il1630; e an­co­ra il Mu­seo Na­zio­na­le de­gli azu­le­jos ospi­ta­to nel Con­ven­to Ma­dre de Deus. Ma an­che il Pá­tio da Ga­lé, con il suo spa­zio­so chio­stro che ospi­ta al­cu­ni dei più no­ti even­ti del­la cit­tà co­me il Li­sbon Fi­sh & Fla­vours e la Li­sbo­na Fa­shion Week, la Sa­la do Ri­sco o il Tor­reao Na­scen­te con la ca­rat­te­ri­sti­ca sa­la del­le colonne, fi­no a luo­ghi più in­so­li­ti per even­ti co­me lo zoo, il Li­sbon Ocea­na­rium, uno dei più gran­di d’Eu­ro­pa e ospi­ta­to nel Park of Na­tions. Sen­za di­men­ti­ca­re i nu­me­ro­si gran­di ho­tel dis­se­mi­na­ti in cit­tà co­me il Dou­ble Tree by Hil­ton che ha ri­con­fer­ma­to il pro­prio in­te­res­se per il Por­to­gal­lo, l’In­ter­Con­ti­nen­tal Li­sbon o il Lisboa Marriot Ho­tel, ri­strut­tu­ra­to pro­prio que­st’an­no.

Una tra­di­zio­ne mil­le­na­ria ric­ca di con­ta­mi­na­zio­ni e in­fluen­ze di­ver­se in­con­tra, lun­go le spon­de del Ta­go, una cit­tà mo­der­na e in­ter­na­zio­na­le nel­la qua­le po­ter or­ga­niz­za­re even­ti in spazi sor­pren­den­te­men­te in­so­li­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.