74 e non sen­tir­li

Nautica - - Nautimondo - Ne­ro

TOR­NA IN MA­RE NON­NA VE­LA

Se scri­via­mo So­cra­tes la mag­gior par­te dei let­to­ri pen­se­rà al cam­pio­ne del cal­cio ca­pi­ta­no del­la na­zio­na­le bra­si­lia­na ai Mon­dia­li del 1982 e dell’86. C’è un al­tro So­cra­tes, an­zi una si­gno­ra, per me­glio di­re una non­na, il cui va­lo­re spor­ti­vo non è in­fe­rio­re. Si trat­ta di Jean­ne, ca­pa­ce nel 2013 di en­tra­re nel Guin­ness dei pri­ma­ti co­me la don­na più an­zia­na a cir­cum­na­vi­ga­re il mon­do a ve­la, in so­li­ta­rio, sen­za scalo e sen­za as­si­sten­za. Po­ten­za del­la te­na­cia, che l’ha con­dot­ta a que­sto ri­sul­ta­to al suo ter­zo ten­ta­ti­vo e del pas­sa­re del tem­po, che sul lei pa­re non ave­re ef­fet­ti tan­gi­bi­li. Ma a quan­to pa­re il ri­sul­ta­to non l’ha ap­pa­ga­ta del tut­to e ora, a 74 an­ni, ri­par­te per la quar­ta vol­ta. Lo sche­ma è il me­de­si­mo, la bar­ca an­che, un Na­jad 380, la po­sta in pa­lio an­co­ra su­pe­rio­re. Di­ven­ta­re il più an­zia­no in as­so­lu­to a por­ta­re a ca­sa l’im­pre­sa, su­pe­ran­do il pri­ma­to del giap­po­ne­se Mi­no­ru Sai­to. Par­ten­za dal Ca­na­da e i tre gran­di Ca­pi da dop­pia­re, Buo­na Spe­ran­za, Leeu­win e Horn, per far ri­tor­no a ca­sa. Un ter­mi­ne che for­se per Jean­ne ha per­so di si­gni­fi­ca­to, po­sto che na­vi­ga pra­ti­ca­men­te inin­ter­rot­ta­men­te da quin­di­ci an­ni, cioè dal­la

pen­sio­ne. Nel 2003 è man­ca­to suo ma­ri­to Geor­ge, con il qua­le con­di­vi­de­va la sua pas­sio­ne e da al­lo­ra ha con­ti­nua­to da so­la e pra­ti­ca­men­te sen­za so­sta.du­ran­te il suo pri­mo ten­ta­ti­vo di gi­ro del mon­do, com­piu­to dal mar­zo 2007 al giu­gno 2008, a mez­za gior­na­ta dal com­ple­ta­men­to ave­va fat­to nau­fra­gio nei pres­si di Aca­pul­co, in Mes­si­co. Ma co­me se nien­te fos­se ave­va at­trez­za­to una nuo­va bar­ca ri­par­ten­do già a ot­to­bre dell’an­no suc­ces­si­vo ver­so Ca­po Ver­de, per poi ta­glia­re l’equa­to­re in di­re­zio­ne su­do­ve­st, lam­ben­do le co­ste del Bra­si­le e pro­se­gui­re ver­so il Sud Afri­ca.

Do­po aver cam­bia­to il Na­jad 361 con il più mo­der­no 380 nel 2009 ha af­fron­ta­to la pri­ma cir­cum­na­vi­ga­zio­ne sen­za scalo, su­bi­to in­fi­cia­ta da una lun­ga so­sta a Ca­pe To­wn a cau­sa di un gua­sto al mo­to­re. Poi il ter­zo as­sal­to, l’an­no suc­ces­si­vo: ar­ri­va a Ca­po Horn, ma an­co­ra una vol­ta un gua­sto la co­strin­ge a ri­pa­ra­re a Ushua­ia. Nel 2012 è di nuo­vo in ma­re, con par­ten­za da Vic­to­ria. Tem­po­ra­li, col­pi di ven­to, raf­fi­che paz­ze­sche, qual­che pic­co­la va­ria, non c’è mai nul­la ca­pa­ce di con­tra­sta­re la sua vo­lon­tà d’ac­cia­io. Lei è più de­ter­mi­na­ta che mai e fi­nal­men­te co­ro­na il suo so­gno, do­po 259 gior­ni di ma­re in so­li­ta­rio. Ne ve­dre­mo an­co­ra del­le bel­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.