58 C’era una vol­ta la na­ve!

Una vol­ta gli ya­cht era­no con­ce­pi­ti co­me una na­ve, ov­ve­ro uno spa­zio si­cu­ro all’in­ter­no di un gu­scio chiu­so e inac­ces­si­bi­le in cui gli oc­cu­pan­ti era­no pro­tet­ti dai pe­ri­co­li ester­ni, dal­la fu­ria del ma­re.

Nautica - - Sommario - Di An­drea Man­ci­ni

Una vol­ta gli ya­cht era­no con­ce­pi­ti co­me una na­ve, ov­ve­ro uno spa­zio si­cu­ro all’in­ter­no di un gu­scio chiu­so e inac­ces­si­bi­le in cui gli oc­cu­pan­ti era­no pro­tet­ti dai pe­ri­co­li ester­ni, dal­la fu­ria del ma­re.

Dal gu­scio chiu­so di ie­ri al­le bar­che aper­te di og­gi

Og­gi gli ya­cht, gran­di o pic­co­li che sia­no, so­no in­ve­ce sem­pre più aper­ti ver­so l’ester­no, a par­ti­re dai pon­ti sco­per­ti che, con il cre­sce­re del­le di­men­sio­ni, di­ven­ta­no sem­pre più am­pi e at­trez­za­ti di ogni ame­ni­tà: aree pren­di­so­le, zo­ne li­ving, bea­ch area, fi­no ad ar­ri­va­re, su­gli ya­cht più gran­di, al­le pi­sci­ne e, ad­di­rit­tu­ra, al­le ca­sca­te. Ma stia­mo par­lan­do pur sem­pre di am­bien­ti ester­ni do­ta­ti, al li­mi­te, di ar­re­di mo­bi­li che pos­so­no es­se­re al­le­sti­ti e di­sal­le­sti­ti, che quin­di ri­man­go­no sem­pre am­bien­ti ester­ni.

Di­ver­so è il di­scor­so dell’in­ter­no che vie­ne mes­so in co­mu­ni­ca­zio­ne con l’ester­no, con por­tel­lo­ni che si sol­le­va­no, ter­raz­ze che si apro­no, co­per­tu­re che scor­ro­no dan­do lu­ce e aria agli am­bien­ti sot­to­stan­ti: so­no tut­te dia­vo­le­rie che ne­gli ul­ti­mi an­ni si stan­no dif­fon­den­do gra­zie al­le mo­der­ne tec­no­lo­gie che per­met­to­no di ap­pli­ca­re com­ples­si ci­ne­ma­ti­smi di mo­vi­men­ta­zio­ne an­che al­le gran­di e pe­san­ti par­ti mo­bi­li di cui è spes­so do­ta­to un mo­der­no ya­cht.

Qual è la ra­gio­ne di que­sti espe­dien­ti, per­chè le aree ester­ne so­no sem­pre più am­pie e gli spa­zi in­ter­ni di­ven­ta­no ester­ni? Il mo­ti­vo è quel­lo ti­pi­co e pe­cu­lia­re del di­por­to nau­ti­co: chi na­vi­ga per pia­ce­re, per di­por­to, lo fa per vi­ve­re a con­tat­to del ma­re. E, per sta­re il più possibile vi­ci­no al ma­re, la mi­glio­re bar­ca sa­rà quel­la che ne ren­de fa­ci­le l’ac­ces­so: quin­di una bar­ca bas­sa sul ma­re e ine­vi­ta­bil­men­te pic­co­la. Pe­rò, con il cre­sce­re del­le di­men­sio­ni de­gli ya­cht il ma­re si al­lon­ta­na sem­pre di più e na­sce il pro­ble­ma di ar­ri­va­re al ma­re. Ma, quel­lo di av­vi­ci­nar­si al ma­re, di ar­ri­va­re fa­cil­men­te al ma­re, è co­mun­que un pro­ble­ma che ri­guar­da ogni bar­ca, an­che la più pic­co­la. Ad esem­pio, su un pic­co­lo goz­zo di po­chi me­tri è fa­ci­le ar­ri­va­re al ma­re sem­pli­ce­men­te spor­gen­do­si dal bor­do e im­mer­gen­do la ma­no in ac­qua. Ma, se si vuo­le fa­re un ba­gno, c’è bi­so­gno di una sca­let­ta per ri­sa­li­re a bor­do (fig. 1). Vo­len­do poi ren­de­re l’ope­ra­zio­ne di di­sce­sa e ri­sa­li­ta più age­vo­le, la sca­let­ta sa­rà po­si­zio­na­ta su una pic­co­la piat­ta­for­ma po­sta a pop­pa (fig. 2). Stia­mo pe­rò par­lan­do di una ag­giun­ta na­ta da un’esi­gen­za esclu­si­va­men­te di­por­ti­sti­ca: i pe­sca­to­ri, che van­no in ma­re per pe­sca­re e non per fa­re il ba­gno, non han­no la piat­ta­for­ma a pop­pa per­ché, sem­pli­ce­men­te, non ser­ve! An­zi, sa­reb­be di in­tral­cio nel­le ope­ra­zio­ni di pe­sca. Dai pic­co­li goz­zi sia­mo co­sì ar­ri­va­ti ai mo­der­ni mo­to­sca­fi sem­pre più aper­ti e “bal­nea­ri”, al­cu­ni dei qua­li con­ce­pi­ti e di­se­gna­ti per es­se­re pri­ma una di­sce­sa a ma­re e poi una

bar­ca (fig. 3). In que­sti de­cen­ni, per ogni ti­po­lo­gia di bar­ca, so­no sta­te stu­dia­te for­me ed espe­dien­ti che per­met­tes­se­ro una mag­gio­re vi­ci­nan­za e fa­ci­li­tà di ac­ces­so al ma­re. An­che per le bar­che a ve­la il gu­scio chiu­so, che do­ve­va pro­teg­ge­re gli oc­cu­pan­ti, pian pia­no si è aper­to e si sta apren­do sem­pre più all’ester­no (fig. 4).

Gli estre­mi di que­sta ten­den­za li tro­via­mo og­gi in al­cu­ni mo­to­sca­fi co­me l’evo o il Wi­der (fig. 7), dei ve­ri e pro­pri “tran­sfor­mer” in cui ciò che re­sta del gu­scio pri­mor­dia­le si tra­sfor­ma in una stra­na crea­tu­ra che si apre pro­ten­den­do­si ver­so il ma­re as­su­men­do con­fi­gu­ra­zio­ni che con una bar­ca clas­si­ca han­no or­mai ve­ra­men­te po­co a che fa­re. Se per le pic­co­le bar­che av­vi­ci­nar­si all’ac­qua può già es­se­re un pro­ble­ma, con il cre­sce­re del­le di­men­sio­ni de­gli ya­cht il ma­re si al­lon­ta­na sem­pre di più e il pro­ble­ma di av­vi­ci­nar­si all’ac­qua, si fa più com­pli­ca­to. In pas­sa­to a bor­do dei gran­di ya­cht, che con le lo­ro al­te mu­ra­te e i pon­ti ine­vi­ta­bil­men­te di­stan­ti dal ma­re este­rior­men­te era­no mol­to si­mi­li a una na­ve com­mer­cia­le, il ma­re si po­te­va rag­giun­ge­re so­lo con sca­le più o me­no lun­ghe e più o me­no co­mo­de (fig. 8). D’al­tron­de le for­me e il de­si­gn di ogni bar­ca, e an­cor di più quel­lo di una na­ve qual è un gran­de ya­cht, so­no fi­gli di un’evo­lu­zio­ne mil­le­na­ria, fat­ta di sto­ria e tra­di­zio­ne ma an­che di nor­me tec­ni­che che han­no sem­pre mes­so al pri­mo po­sto, giu­sta­men­te, la si­cu­rez­za del­la na­ve e dei suoi oc­cu­pan­ti. Co­sì an­che l’architettura del­le na­vi nel tempo si è ade­gua­ta e tra­sfor­ma­ta al fi­ne di po­ter svol­ge­re, nel­la mas­si­ma si­cu­rez­za possibile, la mis­sio­ne as­se­gna­ta e re­si­ste­re al me­glio a con­di­zio­ni me­teo-ma­ri­ne av­ver­se, adot­tan­do for­me e di­spo­si­zio­ni dei vo­lu­mi che ga­ran­tis­se­ro al me­glio la si­cu­rez­za de­gli oc­cu­pan­ti e del ca­ri­co tra­spor­ta­to. Gli spa­zi all’aper­to, i pon­ti, so­no sta­ti co­sì do­ta­ti di am­pie pro­te­zio­ni e ge­ne­ral­men­te, quan­do possibile, po­sti in al­to, lon­ta­no dal pe­ri­co­lo rap­pre­sen­ta­to dal ma­re agi­ta­to.

Ma, co­me det­to, su uno ya­cht, una bar­ca con­ce­pi­ta per il relax e il di­ver­ti­men­to, le esi­gen­ze so­no ben di­ver­se, per­ché è di­ver­so il mo­do con cui si vi­ve il ma­re a bor­do di uno ya­cht, spe­cie og­gi. Co­sì quan­do si pro­get­ta una im­bar­ca­zio­ne da di­por­to og­gi si ha il pro­ble­ma di con­ci­lia­re esi­gen­ze op­po­ste: da una par­te ren­de­re la bar­ca si­cu­ra, ido­nea a pro­teg­ge­re i suoi oc­cu­pan­ti in ca­so di con­di­zio­ni me­teo-ma­ri­ne av­ver­se; dall’al­tra da­re la pos­si­bi­li­tà ai pas­seg­ge­ri di vi­ve­re a con­tat­to con ciò che co­sti­tui­sce il sen­so di uno ya­cht: il ma­re. Quin­di da una par­te una bar­ca “chiu­sa”, che dia ade­gua­ta pro­te­zio­ne

con­tro le on­de, dall’al­tra una bar­ca “aper­ta”, che sia il più vi­ci­no possibile al ma­re. Ec­co quin­di na­sce­re quel­le soluzioni in cui le so­vra­strut­tu­re so­no spo­sta­te tut­te ver­so prua, men­tre la pop­pa ri­ma­ne bas­sa sull’ac­qua, con un pon­te com­ple­ta­men­te frui­bi­le che va a ba­gnar­si di­ret­ta­men­te nel ma­re gra­zie a qual­che sca­li­no o a gran­di sca­li­na­te mo­nu­men­ta­li. Un ti­po di architettura in cui i vo­lu­mi pro­die­ri, ol­tre a for­ni­re i ne­ces­sa­ri spa­zi al chiu­so, fun­zio­na­no da pro­te­zio­ne con­tro le on­de per la re­tro­stan­te par­te pop­pie­ra. In que­sto mo­do a pop­pa si crea­no del­le ve­re e pro­prie spiag­ge a di­ret­to con­tat­to con il ma­re. In tal sen­so ha fat­to sto­ria uno dei pri­mi su­pe­rya­cht pro­get­ta­to e co­strui­to se­con­do que­sta fi­lo­so­fia: lo ya­cht di 82 me­tri “Al­fa Ne­ro”, di­se­gna­to da Nu­vo­la­ri e Le­nard e va­ra­to or­mai die­ci an­ni fa, nel 2007. Su “Al­fa Ne­ro” il ter­zo pop­pie­ro del­lo sca­fo è in­fat­ti libero da so­vra­strut­tu­re e com­ple­ta­men­te de­di­ca­to al­la vi­ta all’aper­to, con un am­pio bea­ch deck in di­ret­to col­le­ga­men­to con il ma­re com­ple­to di un’enor­me (an­che per un su­pe­rya­cht) pi­sci­na di 11,60 x 3,70 me­tri (fig. 9). E og­gi non è ra­ro ve­de­re pro­po­ste per ve­ri e pro­pri “bea­ch ya­cht”, su­pe­rya­cht im­ma­gi­na­ti per es­se­re pri­ma di tut­to del­le enor­mi e spet­ta­co­la­ri spiag­ge mo­bi­li (fig. 10). La fi­lo­so­fia adot­ta­ta per un su­pe­rya­cht co­me “Al­fa Ne­ro” la ri­tro­via­mo an­che su ya­cht di di­men­sio­ni più “nor­ma­li”. Ad esem­pio an­che su “Sher­pa”, il 58 pie­di del can­tie­re cam­pa­no Ar­ca­dia, le so­vra­strut­tu­re so­no com­ple­ta­men­te spo­sta­te a prua per pro­teg­ge­re ad­di­rit­tu­ra i due ter­zi del re­stan­te pon­te di co­per­ta a pop­pa. Par­lia­mo di ben 40 me­tri qua­dra­ti di su­per­fi­cie in­te­ra­men­te de­sti­na­ti al relax e al­lo sva­go all’aria aper­ta che, na­tu­ral­men­te, ter­mi­na­no nel ma­re con la clas­si­ca enor­me spiag­gia pop­pie­ra (fig. 11). Ol­tre a di­se­gna­re aree ester­ne co­me le bea­ch area, og­gi le tec­no­lo­gie mo­der­ne per­met­to­no an­che al­tre soluzioni per “apri­re” la bar­ca ver­so il ma­re, soluzioni a vol­te al li­mi­te del­la fan­ta­scien­za: por­tel­lo­ni che si sol­le­va­no, ter­raz­ze che si apro­no, co­per­tu­re che scor­ro­no dan­do lu­ce e aria agli am­bien­ti sot­to­stan­ti, so­no tut­ti stra­ta­gem­mi per apri­re il gu­scio del­la na­ve o del­la bar­ca, gran­de o pic­co­la bar­ca che sia.

Ab­bia­mo già ac­cen­na­to all’evo de­fi­nen­do­lo un ve­ro e pro­prio “tran­sfor­mer”, una bar­ca che pro­prio gra­zie ai mo­der­ni ci­ne­ma­ti­smi di mo­vi­men­ta­zio­ne di­spo­ni­bi­li og­gi si “apre” fi­no ad au­men­ta­re la pro­pria lar­ghez­za qua­si del 50% (fig. 12). Ma an­che nel cam­po dei gom­mo­ni, la bar­ca “open”, aper­ta per de­fi­ni­zio­ne, qual­cu­no ha sen­ti­to la ne­ces­si­tà di “apri­re” ul­te­rior­men­te que­sto mez­zo per ren­de­re il ma­re an­co­ra più vi­ci­no. Par­lia­mo ad esem­pio dei gom­mo­ni An­ve­ra, dei 55 pie­di sui qua­li l’ul­ti­mo 20-30 % di tu­bo­la­re

pop­pie­ro si ri­bal­ta all’ester­no per au­men­ta­re la su­per­fi­cie cal­pe­sta­bi­le ed eli­mi­na­re la già esi­gua bar­rie­ra di pro­te­zio­ne rap­pre­sen­ta­ta dal tu­bo­la­re stes­so (fig. 13).

Pas­san­do poi a bar­che più gran­di, uno de­gli ya­cht che me­glio rap­pre­sen­ta que­sta ten­den­za è si­cu­ra­men­te il Wi­der 150 “Ge­ne­si”, uno ya­cht con­se­gna­to lo scor­so an­no che, no­no­stan­te non ar­ri­vi a 50 me­tri, di­spo­ne di nu­me­ro­se in­ge­gno­se soluzioni che apro­no lo ya­cht all’ester­no e au­men­ta­no gli spa­zi all’aper­to, soluzioni che ge­ne­ral­men­te si ini­zia­no a ve­de­re so­lo su ya­cht ben più gran­di: il Wi­der 150 van­ta in­fat­ti ben 350 me­tri qua­dra­ti di aree ester­ne, of­fren­do agli ospi­ti un nu­me­ro ele­va­to di am­bien­ti per il relax a con­tat­to di­ret­to con il ma­re (fig. 14). Tra que­ste, una spet­ta­co­la­re bea­ch area di 90 me­tri qua­dra­ti, la più gran­de di ogni al­tro ya­cht di que­sta ca­te­go­ria, che vie­ne crea­ta con una se­rie di por­tel­li che si apro­no e cam­bia­no la lo­ro fun­zio­ne. In pra­ti­ca la pop­pa si apre su tre la­ti crean­do una bea­ch area do­ta­ta di in­cre­di­bi­li spa­zi per sdra­iar­si al so­le e un age­vo­le ac­ces­so al ma­re. Ma non so­lo! Que­ste enor­mi aper­tu­re dan­no poi lu­ce a una pi­sci­na in­ter­na di ac­qua sa­la­ta lun­ga 7 me­tri che esal­ta il con­tat­to con l’am­bien­te ma­ri­no, una pi­sci­na che, aven­do la stes­sa for­ma del­la ca­re­na del Wi­der 32, per­met­te an­che di al­log­gia­re al suo in­ter­no qua­si 10 me­tri di ten­der. La di­spo­ni­bi­li­tà di tut­to que­sto spa­zio a pop­pa è sta­ta re­sa possibile dal­la par­ti­co­la­ris­si­ma scel­ta pro­pul­si­va in cui i mo­to­ri die­sel so­no sta­ti so­sti­tui­ti con due POD com­ple­ta­men­te elet­tri­ci. In que­sto mo­do la clas­si­ca sa­la mac­chi­ne pop­pie­ra è sta­ta eli­mi­na­ta

e so­sti­tui­ta da una ve­ra e pro­pria cen­tra­le elet­tri­ca po­si­zio­na­ta a prua, co­sti­tui­ta da 4 ge­ne­ra­to­ri die­sel in li­nea che for­ni­sco­no elet­tri­ci­tà sia per la pro­pul­sio­ne sia per tut­ti i ser­vi­zi di bor­do, con­sen­ten­do di li­be­ra­re gli spa­zi pop­pie­ri più no­bi­li. In pra­ti­ca per il Wi­der 150 è sta­to pro­get­ta­to un ve­ro e pro­prio die­sel-elet­tri­co co­me si usa da an­ni per le gran­di na­vi da crociera, gua­da­gnan­do in con­fort, ef­fi­cien­za e, per quel che ri­guar­da il te­ma che stia­mo svi­lup­pan­do, un mi­glior uti­liz­zo de­gli spa­zi di bor­do. Ma lo ya­cht non si apre so­lo a pop­pa. Or­mai, per ya­cht di cer­te di­men­sio­ni, è un clas­si­co ave­re le ca­bi­ne più im­por­tan­ti do­ta­te di una ter­raz­za apri­bi­le che si af­fac­cia sul ma­re. Co­sì, an­che sul Wi­der 150 l’ap­par­ta­men­to ri­ser­va­to all’ar­ma­to­re ha una ter­raz­za, com­ple­ta­men­te au­to­ma­tiz­za­ta, che com­pa­re e scom- pa­re sem­pli­ce­men­te pre­men­do un bot­to­ne. An­che per le im­bar­ca­zio­ni de­ci­sa­men­te più pic­co­le l’ado­zio­ne di nuo­ve tec­no­lo­gie ed in­no­va­ti­ve soluzioni pro­pul­si­ve stan­no per­met­ten­do ai designer di sca­te­na­re la pro­pria fan­ta­sia. Ad esem­pio con il suo nuo­vo pro­get­to Bea­ch­club 600, il cui pri­mo esem­pla­re do­vreb­be es­se­re va­ra­to que­st’an­no, il pre­sti­gio­so can­tie­re olan­de­se Van der Valk rie­sce a po­si­zio­na­re mol­to vi­ci­no al ma­re, qua­si nel ma­re, ad­di­rit­tu­ra la zo­na li­ving in­ter­na di un mo­to­rya­cht di 60 pie­di (fig. 15). Ciò è sta­to re­so possibile gra­zie a una si­ste­ma­zio­ne dell’in­te­ro ap­pa­ra­to pro­pul­si­vo tal­men­te par­ti­co­la­re e in­no­va­ti­va da es­se­re sta­ta bre­vet­ta­ta. Sfrut­tan­do al mas­si­mo la com­pat­tez­za del­la pro­pul­sio­ne IPS di cui è do­ta­ta la bar­ca, il team di pro­get­ta­zio­ne, com­po­sto da Cor D. Ro­ver de­si­gners e Gin­ton Na­val Ar­chi­tec­ts, ha si­ste­ma­to la sa­la mac­chi­ne sot­to il pia­no del­la bea­ch area, do­ve si ha an­co­ra un’al­tez­za di 1,60 me­tri suf­fi­cien­te per al­log­gia­re i mo­to­ri. In que­sto mo­do, a pop­pa, è sta­to li­be­ra­to un sac­co di spa­zio che, sul Bea­ch­club 600, è uti­liz­za­to per una gran­de li­ving room pa­no­ra­mi­ca dal­la qua­le si ha la sen­sa­zio­ne di sta­re nel ma­re an­che stan­do al suo in­ter­no, al chiu­so, gra­zie al­le por­te ve­tra­te scor­re­vo­li, che per­met­to­no l’ac­ces­so di­ret­to al­la spiag­gia pop­pie­ra di ben 14 me­tri qua­dra­ti, e agli am­pi in­ser­ti ve­tra­ti la­te­ra­li che ca­rat­te­riz­za­no la si­lhouet­te del­la bar­ca. Co­me ap­pe­na vi­sto, la vo­glia di apri­re la bar­ca è tal­men­te sen­ti­ta che, a vol­te, si cer­ca­no soluzioni an­che per quel­le si­tua­zio­ni am­bien­ta­li in cui la lo­gi­ca e il buon sen­so con­si­glie­reb­be­ro esclu­si­va­men­te spa­zi chiu­si e ri­pa­ra­ti. Par­lia­mo di que­gli ar­ma­to­ri che con i lo­ro ya­cht de­si­de­ra­no na­vi­ga­re in ma­ri fred­di, ai con­fi­ni con le zo­ne ar­ti­che. Pro­prio per que­sti ar­ma­to­ri, Vri­pack, uno de­gli stu­di di architettura na­va­le più di­na­mi­ci e in­tra­pren­den­ti nel pa­no­ra­ma in­ter­na­zio­na­le, ha ela­bo­ra­to al­cu­ne pro­po­ste estre­ma­men­te in­te­res­san­ti sot­to que­sto pun­to di vi­sta, che apro­no de­gli spa­zi del­lo ya­cht ver­so l’ester­no ma, al tempo stes­so, li pro­teg­go­no. È il ca­so di FLOW, un con­cept per uno ya­cht di 51 me­tri che pre­ve­de la “all-glass bea­ch hou­se”, una sor­ta di “giar­di­no d’in­ver­no” co­sti­tui­to da una gran­de stan­za di vetro po­si­zio­na­ta sul pon­te di co­per­ta a estre­ma pop­pa e af­fac­cia­ta di­ret­ta­men­te sul­la “spiag­gia” pop­pie­ra, pro­prio co­me in cer­te splen­di­de vil­le sull’ocea­no. In que­sto mo­do, ad esem­pio, du­ran­te la na­vi­ga­zio­ne o quan­do è più fred­do, si può sta­re al chiu­so ma sen­za pri­var­si del pia­ce­re del ma­re men­tre, quan­do si è all’an­co­ra, ba­sta apri­re tut­te le por­te e fi­ne­stre per go­der­si la brez­za marina (fig. 16). Que­sta bre­ve car­rel­la­ta di ya­cht e di idee mo­stra quan­to for­te sia l’esi­gen­za di av­vi­ci­nar­si al ma­re. Ya­cht che sem­bra­no spiag­ge, ya­cht che si “apro­no” per con­sen­ti­re il con­tat­to di­ret­to con il ma­re, fi­no a toc­car­lo! Ma mol­te di que­ste soluzioni e di­spo­si­ti­vi, per ov­vi mo­ti­vi di si­cu­rez­za del­la na­vi­ga­zio­ne, pos­so­no es­se­re usa­te so­lo quan­do la bar­ca è fer­ma, a con­fer­ma che lo ya­cht in que­sti ul­ti­mi an­ni sta di­ven­tan­do sem­pre me­no un mez­zo di tra­spor­to e sem­pre più un og­get­to pen­sa­to e pro­get­ta­to per es­se­re un’iso­la gal­leg­gian­te nei luo­ghi più bel­li del mon­do…

C’era­no una vol­ta le na­vi!

“Al­fa Ne­ro”, uno dei pri­mi bea­ch ya­cht com­ple­ta­men­te aper­to a pop­pa per es­se­re in di­ret­to col­le­ga­men­to con il ma­re.

1) Su un goz­zo di po­chi me­tri en­tra­re in con­tat­to con il ma­re è fa­ci­le, ma è pur sem­pre ne­ces­sa­ria una sca­let­ta per ri­sa­li­re a bor­do. 2) Vo­len­do poi ren­de­re l’ope­ra­zio­ne di di­sce­sa e ri­sa­li­ta più age­vo­le, la sca­let­ta può es­se­re po­si­zio­na­ta su una pic­co­la piat­ta­for­ma po­sta a pop­pa (fo­to a dx). 3) I mo­der­ni mo­to­sca­fi di og­gi so­no spes­so sem­pre più aper­ti e “bal­nea­ri”, al­cu­ni dei qua­li con­ce­pi­ti e di­se­gna­ti per es­se­re pri­ma una di­sce­sa a ma­re e poi una bar­ca.

4, 5, 6) An­che per le bar­che a ve­la il gu­scio chiu­so, che do­ve­va pro­teg­ge­re gli oc­cu­pan­ti, pian pia­no si è aper­to e si sta apren­do sem­pre più all’ester­no.

9) La pi­sci­na di “Al­fa Ne­ro”, su­pe­rya­cht lun­go 82 me­tri, di­se­gna­to da Nu­vo­la­ri e Le­nard e va­ra­to nel 2007.

8) Sui gran­di ya­cht del pas­sa­to il ma­re si po­te­va rag­giun­ge­re so­lo con sca­le più o me­no lun­ghe e più o me­no co­mo­de. Nel­la fo­to la co­sid­det­ta sca­la rea­le a mu­ra­ta.

7) Con il Wi­der 42 il con­cet­to di “apri­re la bar­ca” vie­ne estre­miz­za­to.

10) H2 è un’estre­miz­za­zio­ne del con­cept di “bea­ch ya­cht”. Pro­po­sto dal­la H2-ya­ch­ts, par­lia­mo di 65 me­tri di bar­ca con aree sva­go e relax lo­ca­liz­za­te ovun­que, da prua a pop­pa do­ve, con la piat­ta­for­ma che si apre sul ma­re, si rea­liz­za una bea­ch area di ben 480 me­tri qua­dra­ti.

11) Con “Sher­pa”, un 58 pie­di del can­tie­re cam­pa­no Ar­ca­dia, la so­lu­zio­ne di spo­sta­re le so­vra­strut­tu­re tut­te a prua, a pro­te­zio­ne del pon­te di co­per­ta pop­pie­ro, non è più con­fi­na­ta ai so­li su­pe­rya­cht.

14) Il nuo­vo Wi­der 150 “Ge­ne­si” (a si­ni­stra e in que­sta fo­to), è uno de­gli ya­cht che me­glio rap­pre­sen­ta la ten­den­za di que­sti an­ni ad “apri­re” la bar­ca ver­so il ma­re. Per que­sto ya­cht so­no sta­ti pre­vi­sti ben 350 mq di aree ester­ne, tra cui una spet­ta­co­la­re Bea­ch Area. Le ter­raz­ze apri­bi­li che si af­fac­cia­no sul ma­re (a si­ni­stra), or­mai un clas­si­co per ogni ya­cht di gran­di di­men­sio­ni, so­no for­se il sim­bo­lo dell’esi­gen­za di

“apri­re” lo ya­cht.

13) Il gom­mo­ne è una bar­ca open, aper­ta per de­fi­ni­zio­ne.

Ma i gom­mo­ni An­ve­ra si “apro­no” ul­te­rior­men­te gra­zie al tu­bo­la­re pop­pie­ro che si ri­bal­ta all’ester­no.

12) L’EVO 43 è un ve­ro e pro­prio “tran­sfor­mer” che, quan­do è “aper­to”, au­men­ta la pro­pria lar­ghez­za qua­si del 50%.

15) Su Bea­ch­club 600, del can­tie­re olan­de­se Van der Valk, per la pri­ma vol­ta su un’im­bar­ca­zio­ne di ta­glia me­dia (60 pie­di) la zo­na li­ving in­ter­na si tro­va mol­to vi­ci­no al ma­re, qua­si nel ma­re.

16) Con il con­cept FLOW, i designer di Vri­pack han­no idea­to la “all-glass bea­ch hou­se”, una sor­ta di “giar­di­no d’in­ver­no” (in bas­so, a si­ni­stra), che pro­teg­ge que­gli ar­ma­to­ri che con i lo­ro ya­cht de­si­de­ra­no na­vi­ga­re in ma­ri più fred­di sen­za pri­var­si del pia­ce­re del ma­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.