Il con­su­len­te (a cura di Gi­no Ci­ria­ci)

Nautica - - Sommario -

È lu­glio, me­se in cui si par­te per la cro­cie­ra, fi­nal­men­te con­ten­ti di po­ter­si sva­ga­re e ri­po­sa­re, sognando quel­la se­re­ni­tà che for­se du­ran­te l’an­no è man­ca­ta. Ho no­ta­to pe­rò che mol­ti non so­no pronti a even­tua­li in­con­ve­nien­ti, per­ché i cor­si per la patente nau­ti­ca so­no mol­to por­ta­ti al­la con­du­zio­ne del­la bar­ca, ma me­no al­le emer­gen­ze, che so­no in­ve­ce im­por­tan­ti per­ché im­prov­vi­se e ina­spet­ta­te. Pur sen­za do­ver vi­ve­re nell’an­sia di im­ma­gi­na­re che pro­ble­mi po­treb­be ave­re la bar­ca, è op­por­tu­no es­se­re pre­pa­ra­ti a qual­che in­con­ve­nien­te tra quel­li più fre­quen­ti an­che da un pun­to di vi­sta as­si­cu­ra­ti­vo. Que­sti so­no: ac­qua in sen­ti­na - ar­go­men­to di cui par­lo og­gi - ci­ma nell’eli­ca, in­ca­glio e ava­ria del mo­to­re - che af­fron­te­rò nel pros­si­mo nu­me­ro del­la ri­vi­sta. Quan­do chie­do a qual­che pro­prie­ta­rio di bar­ca co­sa fa­reb­be se si tro­vas­se in una si­tua­zio­ne an­ti­pa­ti­ca tra quel­le che ho ci­ta­to so­pra, tro­vo una no­te­vo­le quan­to pe­ri­co­lo­sa man­can­za di pre­pa­ra­zio­ne. Ac­qua a bor­do. Quan­do si tro­va im­prov­vi­sa­men­te ac­qua in sen­ti­na che non c’era mai sta­ta pri­ma, bi­so­gna as­sag­giar­la su­bi­to per ca­pi­re se è sa­la­ta (ov­via­men­te se si na­vi­ga in ma­re) o se è dol­ce, ca­so que­st’ul­ti­mo non in­fre­quen­te, per­ché un ser­ba­to­io può per­de­re da una sal­da­tu­ra, un tu­bo si può es­se­re stac­ca­to da un at­tac­co, per­ché una fa­scet­ta si è al­len­ta­ta, op­pu­re per­ché l’ac­qua di con­den­sa del fri­go­ri­fe­ro è fi­ni­ta in sen­ti­na o per al­tri mo­ti­vi ba­na­li. Se l’ac­qua è dol­ce non c’è bi­so­gno di spa­ven­tar­si, ma è me­glio spe­gne­re su­bi­to il mo­to­re o am­mai­na­re le ve­le, far ta­ce­re tut­ti a bor­do e, ten­den­do l’orec­chio, ca­pi­re da do­ve vie­ne. Se per esem­pio l’en­tra­ta d’ac­qua si ve­ri­fi­ca dal­lo sca­fo, co­me può av­ve­ni­re dal­lo sca­ri­co in ma­re di un wc, in cui il tu­bo si è stac­ca­to dal por­ta­gom­ma del­la sa­ra­ci­ne­sca, sen­ti­re­mo il ru­mo­re e ci af­fret­te­re­mo a in­fi­la­re nuo­va­men­te il tu­bo nel por­ta­gom­ma, strin­gen­do la fa­scet­ta o al­me­no le­gan­do­lo stret­ta­men­te per­ché non si muo­va più. Non bi­so­gna di­men­ti­ca­re che uno sca­ri­co da un pol­li­ce e mez­zo fa­rà en­tra­re sem­pre più ac­qua, man ma­no che la sen­ti­na si riem­pie, per­ché più af­fon­da lo sca­fo nell’ac­qua, più au­men­ta la pres­sio­ne idro­sta­ti­ca: que­sto si­gni­fi­ca che l’ac­qua en­tre­rà sem­pre più ra­pi­da­men­te e pre­po­ten­te­men­te col pas­sa­re dei mi­nu­ti. Dun­que as­sag­gia­te l’ac­qua che tro­va­te in sen­ti­na, per ca­pir­ne l’ori­gi­ne e in­di­vi­dua­re gli in­ter­ven­ti del ca­so. Na­tu­ral­men­te, una vol­ta tor­na­ti a ter­ra, sa­rà fon­da­men­ta­le evi­ta­re che l’en­tra­ta d’ac­qua si pos­sa ri­pe­te­re nel fu­tu­ro: so­sti­tui­te dei tu­bi trop­po cor­ti con al­tri ben più lun­ghi e che fac­cia­no un col­lo d’oca più al­to pos­si­bi­le, al­me­no 30 cm so­pra al gal­leg­gia­men­to per le bar­che a mo­to­re e in­ve­ce con il go­mi­to qua­si sot­to al pon­te di co­per­ta nel­le bar­che a vela, che na­vi­ga­no tan­to spes­so sban­da­te. Ri­cor­da­te che le com­pa­gnie di as­si­cu­ra­zio­ne chie­do­no sem­pre che i tu­bi di sca­ri­co dei mo­to­ri sia­no mon­ta­ti in mo­do che sia im­pos­si­bi­le un’en­tra­ta d’ac­qua da es­si, quan­do la bar­ca è fer­ma, ec­co per­ché i tu­bi di sca­ri­co deb­bo­no es­se­re al­ti, scendere al­la mar­mit­ta e ri­sa­li­re poi per ar­ri­va­re all’usci­ta dal­lo sca­fo con un se­con­do col­lo d’oca. Se que­sto non av­vie­ne c’è il ri­schio che, con la bar­ca fer­ma all’or­meg­gio e in ca­so di ri­sac­ca, il tu­bo si riem­pia d’ac­qua sot­to pres­sio­ne del­le on­de, ar­ri­van­do poi al mo­to­re. Ma c’è an­che un ca­so par­ti­co­la­re: quel­lo in cui la bar­ca agli or­meg­gi ab­bia su­bi­to l’in­ter­ven­to di un mec­ca­ni­co mo­to­ri­sta, che ha smon­ta­to il tu­bo al rai­ser e non lo ab­bia le­ga­to in al­to sul ro­ve­scio del pa­glio­lo, do­po aver­lo tap­pa­to. Qual­che bar­ca è af­fon­da­ta per que­sto, per­ché l’ac­qua, en­tran­do a for­za dal­lo sca­ri­co è fi­ni­ta in sen­ti­na, cau­san­do­ne l’al­la­ga­men­to, che do­po un po’ di­ven­ta una se­mi­som­mer­sio­ne del­la bar­ca o peg­gio. Ag­giun­go che, in un ca­so del ge­ne­re, se la vo­stra bar­ca è co­per­ta da un as­si­cu­ra­zio­ne cor­pi, la co­sid­det­ta ca­sco, do­ve­te fa­re su­bi­to de­nun­cia al­la com­pa­gnia, spe­ran­do che que­sto ti­po di dan­no sia co­per­to. Ma io spe­ro che que­sto non deb­ba mai av­ve­ni­re per­ché un mo­to­re che fi­ni­sce in­va­so dall’ac­qua di ma­re de­ve es­se­re im­me­dia­ta­men­te la­va­to all’in­ter­no fa­cen­do­vi cir­co­la­re ac­qua con olio e, se que­sto non rie­sce, si ri­schia di do­ver sbar­ca­re il mo­to­re e smon­tar­lo a ter­ra, per la­va­re ogni par­te com­po­nen­te. Spe­ran­do che nul­la di quel­lo che ho det­to so­pra ven­ga a ro­vi­nar­vi la va­can­za, vi au­gu­ro una buo­na cro­cie­ra e vi ri­cor­do che per qua­lun­que pro­ble­ma pos­sia­te ave­re a bor­do po­te­te sem­pre uti­liz­za­re il mio ser­vi­zio di con­su­len­za tec­ni­ca te­le­fo­ni­ca, che vi vie­ne of­fer­to dal­la ri­vi­sta Nau­ti­ca, fin dal 1982.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.