Con­vie­ne li­ti­ga­re?

Nautica - - Il Consulente -

Al­la fi­ne dell’esta­te, do­po la cro­cie­ra, in Ita­lia da tem­po si no­ta un im­prov­vi­so au­men­to del­le li­ti­ga­te e del­le ver­ten­ze. È ve­ro che or­mai da an­ni si com­pra­no me­no bar­che d’oc­ca­sio­ne ma, in com­pen­so, na­sco­no mol­te cau­se non sem­pre giu­sti­fi­ca­te, spes­so sen­za spe­ran­za di vit­to­ria, an­cor più spes­so si­cu­ra­men­te co­sto­se, an­che per­ché pos­so­no du­ra­re per an­ni. Que­sto per­ché bi­so­gna sem­pre te­ner con­to del fat­to che, per una ver­ten­za che ap­pro­da in Tri­bu­na­le, so­no da pre­ve­de­re ne­ces­sa­ria­men­te le spe­se per il vo­stro av­vo­ca­to, per il pe­ri­to del Tri­bu­na­le (CTU) e per il vo­stro pe­ri­to di par­te, sem­pre spe­ran­do che vin­cia­te per­ché, se per­de­te, ri­schia­te an­che di pa­ga­re tut­te le spe­se del vo­stro av­ver­sa­rio.

Se ri­te­ne­te di aver ra­gio­ne, pri­ma an­co­ra di par­ti­re in quar­ta con­tro qual­cu­no, par­la­te­ne pri­ma con un esper­to, un pe­ri­to di vo­stra fi­du­cia, per ve­de­re se le vo­stre do­glian­ze han­no un si­cu­ro fon­da­men­to tec­ni­co, se so­no di­mo­stra­bi­li e non so­no to­tal­men­te con­te­sta­bi­li. Se la ri­spo­sta è po­si­ti­va par­la­te­ne con il vo­stro av­vo­ca­to (me­glio se è un vo­stro ami­co) per ca­pi­re le pos­si­bi­li­tà di vit­to­ria an­che par­zia­li in una cau­sa, ri­cor­dan­do che non sem­pre le vo­stre ra­gio­ni so­no suf­fi­cien­ti per vin­ce­re, sen­za per­de­re tem­po e so­prat­tut­to se vi vie­ne in men­te di far cau­sa per un dan­no da po­co prez­zo. Da pe­ri­to, e mi re­pu­to co­scien­zio­so, ho ri­fiu­ta­to di par­te­ci­pa­re a una ver­ten­za per un bat­tel­li­no usa­to da 400 Eu­ro, co­me an­che ad al­tre di bas­so va­lo­re di cau­sa, tal­men­te bas­so che non met­te­va nean­che con­to di ri­vol­ger­si all’av­vo­ca­to. Ma il pro­ble­ma è che mol­ti so­no por­ta­ti dal­la rab­bia a fa­re una cau­sa per ra­gio­ni di prin­ci­pio: il peg­gior mo­ti­vo che ren­de tut­ti cie­chi e fa spen­de­re an­che mol­to. È chia­ro che vi so­no del­le ver­ten­ze su fat­ti in­di­scu­ti­bi­li: ad esem­pio, una cau­sa per una bar­ca di­strut­ta da una gru che ci è ca­du­ta so­pra, co­me si ve­de nel­la fo­to, o per dan­ni cau­sa­ti da un can­tie­re che ha fat­to pes­si­mi in­ter­ven­ti di ri­pa­ra­zio­ne, ol­tre­tut­to an­che co­sto­si.

Ma an­che se si han­no tut­te le ra­gio­ni, bi­so­gna che le vo­stre ri­chie­ste sia­no ben mo­ti­va­te: se la bar­ca di­strut­ta è as­si­cu­ra­ta per 50.000 eu­ro, ad esem­pio, e ne va­le po­co di più, è da in­cau­ti chie­de­re 300.000 eu­ro di dan­ni, per­ché ne na­sce­reb­be una lun­ga ri­cer­ca del rea­le va­lo­re del­la bar­ca e dei dan­ni su­bi­ti. Ep­pu­re è già av­ve­nu­to, e se il pe­ri­to in­ca­ri­ca­to dal Tri­bu­na­le è com­pe­ten­te, esper­to e cor­ret­to, non vi ver­rà cer­to ri­co­no­sciu­ta la ci­fra ri­chie­sta, ma una ben più vi­ci­na al­la real­tà. In­som­ma, da una ri­chie­sta in­so­ste­ni­bi­le non è cer­to fa­ci­le che emer­ga la ve­ri­tà ma so­lo de­lu­sio­ni e poi, il ve­ro va­lo­re di cau­sa de­ve an­che va­le­re la pe­na di far­vi ri­vol­ge­re ad un av­vo­ca­to. Ec­co per­ché in mol­ti ca­si con­vie­ne tro­va­re un ac­co­mo­da­men­to che non vi sod­di­sfe­rà, ma al­me­no vi fa­rà ca­pi­re che è me­glio un cat­ti­vo ac­cor­do di una buo­na cau­sa: tro­va­re un ac­cor­do e chiu­de­re tut­to può es­se­re ve­lo­ce, una cau­sa può du­ra­re an­ni. Ag­giun­go inol­tre che non con­vie­ne su­bi­to sca­te­na­re una cau­sa ma è più pra­ti­co chie­de­re un ac­cer­ta­men­to tec­ni­co pre­ven­ti­vo: que­sta è una pro­ce­du­ra che de­scri­ve e con­ge­la una si­tua­zio­ne, co­me se fos­se una fo­to­gra­fia di es­sa e dei suoi pro­ble­mi, do­po di che, esa­mi­na­ta e pon­de­ra­ta dal vo­stro av­vo­ca­to e dal vo­stro pe­ri­to di fi­du­cia, si può chie­de­re di apri­re una ver­ten­za o se in­ve­ce è più uti­le ri­co­min­cia­re per cer­ca­re un ac­cor­do tran­sat­ti­vo. Que­sto va­le an­che e so­prat­tut­to se si in­ten­de li­ti­ga­re con una com­pa­gnia di as­si­cu­ra­zio­ne che non vi vuo­le in­den­niz­za­re la ci­fra che ri­te­ne­te giu­sta: non di­men­ti­ca­te che le com­pa­gnie so­no abi­tua­te al­le con­te­sta­zio­ni e si san­no ben di­fen­de­re, gra­zie ai lo­ro or­ga­niz­za­ti uf­fi­ci le­ga­li, abi­tua­ti a esa­mi­na­re e svi­sce­ra­re tut­te le clau­so­le del­le po­liz­ze. Fa­te­vi sem­pre e co­mun­que i con­ti in ta­sca, cer­can­do di met­te­re sul piat­to del­la bi­lan­cia le spe­se e i ri­ca­vi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.