- An­te­pri­me d’au­tun­no

Nautica - - IN QUESTO NUMERO - di Lam­ber­to Bal­le­ri­ni

Una sin­te­ti­ca pa­no­ra­mi­ca sul­le no­vi­tà che la mag­gior par­te dei can­tie­ri ha an­nun­cia­to in pre­vi­sio­ne dei saloni nau­ti­ci di set­tem­bre e che è de­sti­na­ta ad ar­ric­chir­si nel cor­so dei me­si a ve­ni­te.

Do­po an­ni di pro­gres­si­vo suc­ces­so, il sa­lo­ne fran­ce­se è giun­to a un pun­to di sa­tu­ra­zio­ne che è tan­to fi­si­co quan­to or­ga­niz­za­ti­vo. Pres­so­ché ine­vi­ta­bi­le, an­che se non fa­ci­le, la de­ci­sio­ne di scom­por­lo in due aree che, per quan­to vi­ci­ne, ne mo­di­fi­che­ran­no ra­di­cal­men­te l’aspet­to. E - qual­cu­no te­me for­se an­che il gra­di­men­to.

Che il sa­lo­ne di Can­nes sof­fris­se di pro­ble­mi in­fra­strut­tu­ra­li e an­che or­ga­niz­za­ti­vi - lo si di­ce­va da tem­po. Sta­vol­ta, pe­rò, a fa­re il pun­to del­la si­tua­zio­ne pri­ma an­co­ra che le vo­ci più cri­ti­che po­tes­se­ro de­nun­cia­re per l’en­ne­si­ma vol­ta la ca­ren­za di spa­zi espo­si­ti­vi, è sta­ta la stes­sa di­ret­tri­ce del­la ma­ni­fe­sta­zio­ne, Syl­vie Er­noult, nel cor­so del­la con­fe­ren­za stam­pa di inau­gu­ra­zio­ne. “Ne­gli ul­ti­mi an­ni, i no­stri espo­si­to­ri e clien­ti han­no espres­so il de­si­de­rio di di­spor­re di aree più am­pie, sia in ac­qua sia a ter­ra. Que­sto ci ha por­ta­ti a ri­pen­sa­re lo Ya­ch­ting Fe­sti­val nel­la sua glo­ba­li­tà per l’edi­zio­ne del pros­si­mo an­no”, ha di­chia­ra­to all’ini­zio del suo di­scor­so.

Un gio­co d’an­ti­ci­po, in­som­ma, che è par­zial­men­te riu­sci­to a smor­za­re lo spi­ri­to cri­ti­co di quei tan­ti gior­na­li­sti ed espo­si­to­ri che, po­co pri­ma, cam­mi­nan­do per il sa­lo­ne an­co­ra chiu­so al pub­bli­co, ave­va­no già avu­to mo­do di no­ta­re co­me la qua­ran­tu­ne­si­ma edi­zio­ne del­lo Ya­ch­ting Fe­sti­val aves­se di fat­to già su­pe­ra­to la so­glia di guar­dia. “Nel 2019 ve­drà quin­di la lu­ce uno scri­gno con­sa­cra­to al 100 per cen­to al­le im­bar­ca­zio­ni a ve­la, mo­no e mul­ti­sca­fo, che ac­co­glie­rà ol­tre cen­to uni­tà. Con più di 400 me­tri di ban­chi­na li­nea­re per i mo­no­sca­fi e ol­tre 450 me­tri ri­ser­va­ti ai mul­ti­sca­fi, il Port Can­to met­te­rà a di­spo­si­zio­ne il suo spa­zio in ac­qua e le sue va­ste su­per­fi­ci a ter­ra per ac­co­glie­re le bar­che a ve­la e of­fri­re lo­ro l’am­piez­za che me­ri­ta­no e il po­ten­zia­le di svi­lup­po di cui han­no bi­so­gno”, ha quin­di pom­po­sa­men­te spe­ci­fi­ca­to la Er­noult. Port Can­to? Cioè

il por­to se­con­da­rio di Can­nes, quel­lo che sta all’al­tro ca­po del gol­fo? Le rea­zio­ni in sa­la so­no sta­te im­pron­ta­te a una cer­ta per­ples­si­tà. Ma quan­do si è spar­sa la vo­ce lun­go le ban­chi­ne e i pon­ti­li del Vieux Port, il to­no è sta­to mol­to più mar­ca­to: da una par­te - quel­la dei mo­to­rya­cht - esul­tan­za; dall’al­tra - quel­la del­la ve­la - in­cre­du­li­tà, pre­oc­cu­pa­zio­ne, sfi­du­cia. In­som­ma, al mo­men­to, una ve­ra e pro­pria spac­ca­tu­ra che tro­va la sua giu­sti­fi­ca­zio­ne nel fat­to che, nel­la per­ce­zio­ne ge­ne­ra­le, giu­sta o sba­glia­ta che sia, la bel­la e ac­co­glien­te cit­ta­di­na di Can­nes ha un so­lo ve­ro por­to, che è quel­lo de­sti­na­to a re­sta­re ap­pan­nag­gio del­le bar­che a mo­to­re, men­tre l’al­tro, net­ta­men­te de­cen­tra­to ver­so Est, è pe­ri­fe­ri­co, for­se più tran­quil­lo, ma di cer­to as­sai di­stan­te dal cuo­re pul­san­te del­la Croi­set­te, ed è quel­lo nel qua­le ver­rà tra­sfe­ri­to in bloc­co il set­to­re ve­la. I so­ste­ni­to­ri di que­sta so­lu­zio­ne af­fer­ma­no che, in fon­do, i due quar­tie­ri di­sta­no tra lo­ro po­co più di due chi­lo­me­tri via-ter­ra, che pos­so­no es­se­re per­cor­si co­mo­da­men­te con il bus nu­me­ro 8 (7 fer­ma­te), e po­co me­no di un mi­glio via-ma­re, che po­trà es­se­re per­cor­so in cir­ca 8 mi­nu­ti con uno dei tan­ti e fre­quen­ti shut­tle che ver­ran­no mes­si a di­spo­si­zio­ne dei vi­si­ta­to­ri. Sta­re­mo a ve­de­re. Per il mo­men­to, la no­ti­zia del­la pre­vi­sta mo­di­fi­ca espo­si­ti­va su­pe­ra d’un bal­zo, per im­por­tan­za, la cro­na­ca di un’edi­zio­ne che, nei nu­me­ri, non ha ri­ser­va­to gran­di sor­pre­se. In­fat­ti, pur ri­con­fer­man­do­si co­me un sa­lo­ne au­to­re­vo­le, fre­quen­ta­to da un pub­bli­co di qua­li­tà, lo Ya­ch­ting Fe­sti­val 2018 non ha fat­to re­gi­stra­re la cre­sci­ta che al­cu­ni ave­va­no pro­no­sti­ca­to, in al­cu­ni ca­si - i più re­cen­ti - met­ten­do­la ad­di­rit­tu­ra in re­la­zio­ne con la pos­si­bi­le de­fail­lan­ce del suc­ces­si­vo sa­lo­ne di Ge­no­va, per i pro­ble­mi og­get­ti­vi por­ta­ti di­ret­ta­men­te e in­di­ret­ta­men­te dal tra­gi­co crol­lo del pon­te Mo­ran­di.

De­fail­lan­ce che non sol­tan­to non c’è sta­ta ma che, ad­di­rit­tu­ra, ha la­scia­to il po­sto a un cla­mo­ro­so suc­ces­so. Dun­que, per ca­pi­re qua­li svi­lup­pi po­trà ave­re la stre­nua con­cor­ren­za tra le due ma­ni­fe­sta­zio­ni “cu­gi­ne” bi­so­gne­rà at­ten­de­re gli even­ti che ri­guar­de­ran­no l’una e l’al­tra nei pros­si­mi me­si, in vi­sta del­le ri­spet­ti­ve edi­zio­ni del 2019.

I NU­ME­RI DEL­LO YA­CH­TING FE­STI­VAL 2018 2 por­ti 3 km di pon­ti­li gal­leg­gian­ti 51.000 vi­si­ta­to­ri in to­ta­le 542 espo­si­to­ri, 58% dall’este­ro 638 uni­tà da 2,40 a 50 me­tri (17% a ve­la) 219 an­te­pri­me

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.