La po­li­ti­ca ame­ri­ca­na al ci­ne­ma

Era dai tem­pi di Ad­vi­se and Con­sent che il ci­ne­ma ame­ri­ca­no non ri­flet­te­va co­sì a fon­do sul­la po­li­ti­ca del pro­prio Pae­se. Tutto me­ri­to di Cloo­ney e Ea­st­wood

News Cinema - - CINEMA - di Fran­ce­sca Ti­be­ri

Con Le Idi di Mar­zo tor­na al ci­ne­ma lo sguar­do cri­ti­co sul­la cul­tu­ra po­li­ti­ca sta­tu­ni­ten­se, in cui un pas­so fal­so nel­la vi­ta pri­va­ta, può scon­vol­ge­re in un mo­men­to pro­get­ti e idea­li re­la­ti­vi al­la vi­ta pub­bli­ca. Geor­ge Cloo­ney sem­bra at­tin­ge­re a pie­ne ma­ni dal­la poe­ti­ca sul te­ma di Ot­to Pre­min­ger, che in Ad­vi­se and Con­sent (1962) adot­ta uno sguar­do mol­to europeo in me­ri­to agli scan­da­li po­li­ti­ci. A di­vi­de­re le stra­de di que­ste due pel­li­co­le so­no i di­ver­si pe­rio­di che la po­li­ti­ca ame­ri­ca­na at­tra­ver­sa: se nel 1962 la no­mi­na a Se­gre­ta­rio di Sta­to po­te­va scon­vol­ge­re un equi­li­brio pre­ca­rio con L’U.R.S.S., og­gi la po­li­ti­ca ame­ri­ca­na, dopo la gra­ve cri­si fi­nan­zia­ria, che l’ ha por­ta­ta fi­no a per­met­te­re l’ac­qui­sto di ti­to­li di sta­to da par­te del­la Ci­na, sem­bra aver su­bi­to un ri­pie­ga­men­to su se stes­sa e il film di Cloo­ney, con­cen­tran­do­si su un aspet­to mol­to de­li­ca­to del­la po­li­ti­ca in­ter­na, te­sti­mo­nia pro­prio que­sta ten­den­za. Ne Le Idi di Mar­zo non è so­lo mes­sa in dub­bio la cre­di­bi­li­tà del­le pri­ma­rie, ma an­che la stes­sa di­gni­tà del­la po­li­ti­ca, at­tra­ver­so un te­ma chia­ve del­la cul­tu­ra po­li­ti­ca ame­ri­ca­na: la sin­ce­ri­tà dei po­li­ti­ci.

La sen­si­bi­li­tà le­ga­ta a ta­le con­cet­to, col­le­ga­to a sua vol­ta al­le men­zo­gne su fat­ti ri­guar­dan­ti la sfe­ra pri­va­ta, co­sti­tui­sce una del­le più evi­den­ti trac­ce dell’ori­gi­na­rio pu­ri­ta­ne­si­mo pre­sen­te nel­la cul­tu­ra ame­ri­ca­na. Ri­spet­to ai co­sid­det­ti “hard fac­ts”, la

co­mu­ni­ca­zio­ne po­li­ti­ca non può nul­la, in par­ti­co­la­re non rie­sce a dis­si­mu­la­re nul­la ne­gli Sta­ti Uni­ti. Ciò di­mo­stra­no di sa­per­lo be­ne tut­ti i per­so­nag­gi prin­ci­pa­li di que­sto film, da Meyers al Go­ver­na­to­re Mor­ris, che si co­lo­ra­no di to­ni tra­gi­ci nel duel­lo ver­ba­le, in cui il gio­va­ne ad­det­to stam­pa sfo­de­ra tut­te le nuo­ve ar­mi, ac­qui­si­te suo mal­gra­do e a spe­se di una vi­ta in­no­cen­te. Pro­prio con la mi­nac­cia di ri­ve­la­re lo scan­da­lo ses­sua­le che ri­guar­da Mor­ris, Go­ver­na­to­re de­mo­cra­ti­co ap­pa­ren­te­men­te sen­za mac­chia, e gui­da­to da una for­te mo­ti­va­zio­ne po­li­ti­ca, Meyers la spun­ta e fa cac­cia­re il suo su­pe­rio­re, il re­spon­sa­bi­le del­la cam­pa­gna Paul, un fan­ta­sti­co Phi­lip Sey­mour Hof­f­man, pren­den­do­ne il po­sto. In so­stan­za Le Idi di Mar­zo è un film la cui idea cen­tra­le di­scu­te il li­vel­lo di mo­ra­li­tà all'in­ter­no del­la po­li­ti­ca e met­te in sce­na ciò che le per­so­ne so­no di­spo­ste a fa­re per ot­te­ne­re le co­se de­si­de­ra­te, con ar­go­men­ta­zio­ni e to­ni che ri­tro­via­mo so­lo in Ot­to Pre­min­ger e nel­la teo­ria ma­chia­vel­li­ca de "il fi­ne giu­sti­fi­ca i mez­zi".

Si trat­ta di un th­ril­ler mol­to lu­ci­do, qua­si spie­ta­ta­men­te ci­ni­co, che Cloo­ney ed He­slov era­no già pron­ti a gi­ra­re nel 2008, ma poi è ar­ri­va­to l'en­tu­sia­smo per la vit­to­ria di Oba­ma al­le pre­si­den­zia­li, du­ra­to piut­to­sto po­co. Il bi­no­mio mo­ra­le- po­li­ti­ca è uno dei te­mi fon­da­men­ta­li di un al­tro film usci­to di re­cen­te, J.ed­gar, di­ret­to da Clint Ea­st­wood, l'artista più rap­pre­sen­ta­ti­vo di una cer­ta cul­tu­ra ame­ri­ca­na ori­gi­na­ria. Ea­st­wood pas­sa in ras­se­gna qua­ran­tot­to an­ni di sto­ria ame­ri­ca­na, du­ran­te i qua­li J. Ed­gar Hoo­ver ( Leo­nar­do Di Ca­prio) co­struì, con mez­zi non sem­pre le­ga­li, il Fe­de­ral Beau­rau of In­ve­sti­ga­tion.

All'in­ter­no di que­sto lun­go ex­cur­sus, Ea­st­wood rie­sce a rac­con­ta­re con mae­stria an­che l'in­ti­mi­tà di Hoo­ver, uo­mo di pol­so sul la­vo­ro e omo­ses­sua­le nel pri­va­to. Chia­ra­men­te ne­gli an­ni di mag­gior suc­ces­so dell'fbi, se Hoo­ver era im­pe­gna­to a da­re di sé l'im­ma­gi­ne dell'uo­mo co­rag­gio­so e pron­to a tutto, pur di sal­va­re la pro­pria na­zio­ne, non po­te­va di­chia­ra­re la na­tu­ra del suo tra­spor­to af­fet­ti­vo per il Cly­de Tol­son ( Ar­mie Ham­mer), suo brac­cio de­stro. Al­cu­ni han­no cri­ti­ca­to il mo­do in cui Ea­st­wood ha af­fron­ta­to la pre­sun­ta omo­ses­sua­li­tà di Hoo­ver e il suo chiac­chie­ra­to tra­ve­sti­smo. Se qual­che di­fet­to di mes­sa in sce­na c'è, bi­so­gna pur da­re at­to al re­gi­sta di aver sa­pu­to con­te­stua­liz­za­re que­sto sen­ti­men­to na­to nell'america de­gli an­ni '30, ca­rat­te­riz­zan­do­lo per­ciò con mol­ta pu­di­ci­zia, e fa­cen­do ca­pi­re co­me una real­tà af­fet­ti­va di quel ti­po, di cui era pro­ta­go­ni­sta un uo­mo co­sì po­ten­te, non po­tes­se di­ven­ta­re di do­mi­nio pub­bli­co.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.