Mid­night in Pa­ris

In viag­gio nel­la Pa­ri­gi ma­gi­ca di Woo­dy Al­len che tor­na agli al­bo­ri con uno sti­le in­con­fon­di­bi­le.

News Cinema - - CINEMA - di Au­re­lia­no Ve­ri­tà

An­che per co­lo­ro che non ci so­no mai sta­ti, Pa­ri­gi è si­no­ni­mo di ma­gia. Woo­dy Al­len se n’è ac­cor­to da pa­rec­chio tem­po, sin dal lon­ta­no 1965 di Hel­lo Pus­sy­cat suo film d’esor­dio, sia co­me sce­neg­gia­to­re che co­me in­ter­pre­te, nel qua­le di­mo­stra­va un grande amo­re per la Ca­pi­ta­le fran­ce­se, in cui gra­zie ad un ca­st d’ec­cel­len­za ave­va la­scia­to pa­rec­chie gag me­mo­ra­bi­li ed un orec­chia­bi­lis­si­mo te­ma mu­si­ca­le. Ma qua­si co­me fos­se un’os­ses­sio­ne in­cu­ra­bi­le, il re­gi­sta, che da sem­pre ha di­chia­ra­to di ave­re un for­te rim­pian­to nel non es­se­re mai riu­sci­to ad an­da­re a vi­ve­re a Pa­ri­gi, tor­na nel­la cit­tà per di­ri­ge­re il suo Tut­ti di­co­no I Lo­ve You nel 1996, a più di trent’an­ni di di­stan­za, sen­za per­de­re quell’oc­chio scan­zo­na­to in uno dei film lar­ga­men­te con­si­de­ra­to dal­la mag­gior par­te dei cri­ti­ci co­me il mi­glio­re del­la sua tar­da pro­du­zio­ne, nel qua­le pe­rò la cit­tà d’ol­tral­pe di­vi­de la sce­na con due al­tre lo­ca­tion pre­di­let­te dal re­gi­sta: New York, in cui so­no am­bien­ta­te la mag­gior par­te del­le sce­ne e Ve­ne­zia, luo­go di va­can­za do­ve il pro­ta­go­ni­sta Joe in­con­tra Von.

Ma nel­la sequenza di aper­tu­ra di Mid­night in Pa­ris, che ri­cor­da a trat­ti l’in­ci­pit di Ma­n­hat­tan, al­tro suo ce­le­bre tri­bu­to ad una cit­tà nel cuo­re del re­gi­sta (New York), Al­len muo­ve una ve­ra e pro­pria di­chia­ra­zio­ne d'amo­re vi­si­va, ac­com­pa­gna­ta dal­la fo­to­gra­fia cal­da ed av­vol­gen­te di Da­rius Khon­d­ji, fat­ta ad hoc per esal­ta­re la bel­lez­za del­la Vil­le Lu­miè­re. Non avreb­be po­tu­to sce­glie­re un luo­go mi­glio­re per am­bien­ta­re la sua nuova com­me­dia dal re­tro­gu­sto ro­man­ti­co. È una cit­tà mi­ti­ca, è

pal­pa­bi­le la pre­sen­za del­la sua straor­di­na­ria sto­ria, de­gli even­ti cul­tu­ra­li e po­li­ti­ci che vi han­no tro­va­to tea­tro e dei va­ri ar­ti­sti tra pit­to­ri e poe­ti che si so­no fer­ma­ti an­che so­lo di pas­sag­gio nei suoi leg­gen­da­ri ca­fé. Film di aper­tu­ra del­la scor­sa edi­zio­ne del Fe­sti­val di Can­nes, pre­sen­ta­to in an­te­pri­ma na­zio­na­le ita­lia­na al 29° To­ri­no Film Fe­sti­val in que­sta pel­li­co­la, il pas­sa­to re­si­ste e si re­spi­ra in ogni vi­co­lo dei quar­tie­ri pa­ri­gi­ni e que­sto la ren­de il luo­go idea­le per rac­con­ta­re la sto­ria di un uo­mo in cer­ca di se stes­so che vuo­le tro­va­re la for­za per ri­flet­te­re sul­la pro­pria vi­ta, con l’illusione che se fos­se vis­su­to in un’epo­ca di­ver­sa sa­reb­be sta­to, sen­za ri­mor­si, più fe­li­ce. L’in­te­ro lun­go­me­trag­gio è un illusione, me­ta­fo­ra di que­sta ri­fles­sio­ne esi­sten­zia­le, im­pre­gna­ta di quel ci­ni­smo “al­le­nia­no” che por­ta ine­vi­ta­bil­men­te al­la ri­sa­ta la­scian­do l’ama­ro in boc­ca di una ri­fles­sio­ne ben più pro­fon­da ri­spet­to ad una ba­na­le co­mi­ci­tà fi­ne a se stes­sa. La sto­ria è un in­trec­cio di vi­cen­de che ve­de co­me ful­cro una fa­mi­glia, in Fran­cia per af­fa­ri, e due gio­va­ni fi­dan­za­ti pros­si­mi al­le noz­ze. Gil, il pro­ta­go­ni­sta, in­ter­pre­ta­to da un’im­pec­ca­bi­le Owen Wil­son, fi­no ad ora in­giu­sta­men­te re­le­ga­to in ruo­li mi­no­ri o non ap­pro­pria­ti ad un ta­len­to si­mi­le, è uno sce­neg­gia­to­re di Hol­ly­wood che da gio­va­ne aspi­ra­va a di­ven­ta­re un au­to­re di ro­man­zi ed ado­ra­va i gran­di scrit­to­ri ame­ri­ca­ni qua­li He­ming­way e Fi­tz­ge­rald dei qua­li avreb­be vo­lu­to se­gui­re le or­me. È in cit­tà con la fi­dan­za­ta Inez ( Ra­chel Mca­dams) al se­gui­to dei ge­ni­to­ri di lei, John ( Kurt Ful­ler) ed He­len ( Mi­mi Ken­ne­dy). L‘at­tua­le os­ses­sio­ne di Gil è per il suo ro­man­zo, che lo di­sto­glie dal­la più pro­fi­cua pro­fes­sio­ne di sce­neg­gia­to­re ci­ne­ma­to­gra­fi­co e non fa che ali­men­ta­re il di­sap­pun­to dei suo­ce­ri nei suoi con­fron­ti, ma, co­me se non ba­stas­se, l‘es­se­re a Pa­ri­gi ri­sve­glia nel gio­va­ne scrit­to­re i ri­cor­di del­le vec­chie am­bi­zio­ni let­te­ra­rie. Du­ran­te la sua per­ma­nen­za, Gil, vie­ne let­te­ral­men­te ra­pi­to dal pas­sa­to, per ca­sua­li­tà o for­se no, per­de la stra­da e si ri­tro­va ca­ta­pul­ta­to nell’epo­ca da lui tan­to bra­ma­ta. Non sa­rà fa­cil­men­te cre­di­bi­le, nean­che per il pro­ta­go­ni­sta stes­so, par­la­re del­le pro­prie am­bi­zio­ni ad He­ming­way ( Co­rey Stoll) in per­so­na o an­da­re a bal­la­re co­ni Fi­tz­ge­rald ( Tom Hidd­le­ston ed Ali­son Pill) o an­co­ra di più, con­se­gna­re la bozza del pro­prio ro­man­zo nel­le ma­ni di Ger­tru­de Stein ( Ka­thy Ba­tes).

Tut­ti in­con­tri que­sti, de­sti­na­ti a cam­biar­gli la vi­ta, ma uno in par­ti­co­la­re la ri­vo­lu­zio­ne­rà com­ple­ta­men­te, l’incontro con Adria­na ( Ma­rion Co­til­lard). Que­sta bel­lis­si­ma aspi­ran­te sti­li­sta, aman­te e mu­sa ispi­ra­tri­ce di una se­rie di ar­ti­sti fa­mo­si (“una grou­pie d’al­tri tem­pi”, co­me iro­niz­za lo stes­so Al­len in una bat­tu­ta all’in­ter­no del film per boc­ca di wil­son), gli cam­bie­rà la vi­ta por­tan­do­lo a ri­flet­te­re fi­nal­men­te su ciò che real­men­te vuo­le dal­la pro­pria esi­sten­za.

A ma­no a ma­no che l‘ in­te­res­se di Gil per Adria­na cre­sce, au­men­ta­no an­che i suoi dub­bi sul rap­por­to con Inez e non so­lo, sull’in­te­ro com­ples­so di aspet­ta­ti­ve che si era crea­to fi­no a quel mo­men­to, una fra tut­te, è real­men­te giu­sto spe­ra­re di vi­ve­re in un'al­tra epo­ca rin­ne­gan­do la pro­pria? In que­sto lun­go­me­trag­gio, di cui si con­si­glia una vi­sio­ne in lin­gua ori­gi­na­le per po­ter ap­prez­za­re ap­pie­no i dia­lo­ghi, pro­ba­bil­men­te uno dei mi­glio­ri film di Al­len da die­ci an­ni a que­sta par­te, il re­gi­sta ame­ri­ca­no è ar­ri­va­to a cu­ra­re fi­no al più pic­co­lo det­ta­glio, con ca­mei bril­lan­ti co­me l’esi­la­ran­te in­ter­pre­ta­zio­ne di Sal­va­tor Da­lì nel­la qua­le Adrien Bro­dy fa tor­na­re in vi­ta un artista no­to­ria­men­te ec­cen­tri­co e stralunato, con im­ba­raz­zan­te bra­vu­ra.

L’at­te­sa del pub­bli­co ita­lia­no per ve­de­re in sa­la que­st’ul­ti­mo gio­iel­lo del ci­nea­sta new­yor­ke­se è stata lun­ga, so­no pas­sa­ti 8 me­si dall’an­te­pri­ma mon­dia­le di Can­nes men­tre nel Bel Pae­se, Mid­night In Pa­ris è usci­to il 2 di­cem­bre scor­so. Pun­to di for­za del­la pel­li­co­la, ol­tre che la re­ci­ta­zio­ne è stata pro­prio la sce­neg­gia­tu­ra ori­gi­na­le, che il ge­nio fol­le e vi­sio­na­rio di Al­len ha ti­ra­to fuo­ri nell’ar­co di un an­no e che ha già ri­scos­so grande suc­ces­so da par­te del­la cri­ti­ca in­ter­na­zio­na­le, vin­cen­do all’ On­li­ne Film Cri­tics So­cie­ty ed al Broa­d­ca­st Film Cri­tics As­so­cia­tion Awards, fi­no a sbar­ca­re ai Gol­den Glo­bes do­ve Woo­dy si è ag­giu­di­ca­to il Glo­bo per Be­st Screen­play. In at­te­sa di ve­de­re co­me si com­por­te­rà l’aca­de­my nell’as­se­gna­re gli Oscar di que­st’an­no, pos­sia­mo a pre­scin­de­re ri­co­no­sce­re co­me Al­len, con que­sto film, sia tor­na­to in grande sti­le agli al­bo­ri del suo ge­ne­re, dan­do vi­ta ad uno di quei film che si ap­pre­sta­no a di­ven­ta­re cult nel­le ge­ne­ra­zio­ni a ve­ni­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.