Tut­ti Giù per Aria

Il do­cu­men­ta­rio che rac­con­ta da vi­ci­no la cri­si del­la com­pa­gnia di ban­die­ra, dal­le ma­ni­fe­sta­zio­ni in piaz­za, agli in­con­tri / scon­tri con il go­ver­no.

News Cinema - - L’INTERVISTA - di Le­ti­zia Ro­go­li­no

Fi­nal­men­te ne­gli ul­ti­mi me­si ab­bia­mo as­si­sti­to al­lo sbar­co del do­cu­men­ta­rio nel­le sa­le ci­ne­ma­to­gra­fi­che. An­che quei pro­get­ti de­fi­ni­ti sem­pre ‘in­di­pen­den­ti’ o ‘ spe­ri­men­ta­li’, ov­ve­ro non adat­ti al­la frui­zio­ne di mas­sa, in­ve­ce di es­se­re re­le­ga­ti a pro­ie­zio­ni di nic­chia pres­so Fe­sti­val de­di­ca­ti o qual­che even­to in par­ti­co­la­re, so­no ar­ri­va­ti sul grande scher­mo. So­lo nel me­se di Gen­na­io il pub­bli­co ha po­tu­to ve­de­re al ci­ne­ma ben cin­que di que­sti: L’era Le­ga­le, Lit­fi­ba Day, Bob­by Fi­scher Again­st the World, Lo­ve it or Lea­ve it e Tut­ti giù per aria. Que­sto av­ve­ni­men­to si può con­si­de­ra­re una ve­ra e pro­pria con­qui­sta, poi­chè ta­li pro­dot­ti han­no bi­so­gno di es­se­re vi­sti e ascol­ta­ti, mol­to più dei film ve­ri e pro­pri, poi­chè por­ta­no con sè un mes­sag­gio im­por­tan­te o un ri­cor­do da con­di­vi­de­re per ar­ric­chi­re la no­stra co­no­scen­za e am­plia­re le no­stre pro­spet­ti­ve. Tra que­sti ab­bia­mo scel­to di par­la­re di Tut­ti giù per aria, il do­cu­men­ta­rio di Francesco Cor­dio che ha vo­lu­to rac­con­ta­re il du­ro tra­va­glio dei di­pen­den­ti Ali­ta­lia du­ran­te il pe­rio­do di mag­gio­re cri­si del­la Com­pa­gnia, at­tra­ver­so fil­ma­ti ama­to­ria­li rea­liz­za­ti sul campo e in­ter­vi­ste ai pro­ta­go­ni­sti del­la vi­cen­da. Sce­neg­gia­to da Gui­do Gaz­zo­li e Francesco Stac­cio­li, que­sto film na­sce dall’idea bril­lan­te di Ales­san­dro Tar­ta­glia Pol­ci­ni che in­sie­me ad al­tri col­la­bo­ra­to­ri im­pe­gna­ti nel­la pro­te­sta, ha de­ci­so di do­cu­men­ta­re gior­no per gior­no tutto quel­lo che ac­ca­de­va du­ran­te i pre­si­di e le ma­ni­fe­sta­zio­ni as­so­lu­ta­men­te pa­ci­fi­che pres­so l’ae­ro­por­to di Fiu­mi­ci­no e al­cu­ne se­di del Go­ver­no.

Tutto il ma­te­ria­le rac­col­to ri­guar­da il pe­rio­do tra set­tem­bre 2008 e no­vem­bre 2009 e crea un per­fet­to ritratto dell’in­te­ra que­stio­ne sia dal pun­to di vista po­li­ti­co e azien­da­le, sia dal pun­to di vista uma­no, por­tan­do in pri­mo pia­no l’estre­mo di­sa­gio e do­lo­re di tut­ti quei la­vo­ra­to­ri, che in po­chi gior­ni, han­no sen­ti­to crol­la­re sul­le lo­ro spal­le il la­vo­ro di una vi­ta e han­no as­si­sti­to im­po­ten­ti al­lo sgre­to­la­men­to del­la lo­ro di­gni­tà, sen­za po­ter fa­re nien­te nè per lo­ro stes­si nè per i lo­ro fi­gli. Tut­ti giù per aria è un do­cu­men­ta­rio che si av­va­le di una par­te pret­ta­men­te fil­mi­ca con un di­pen­den­te Ali­ta­lia, in­ter­pre­ta­to da Fer­nan­do Cor­mick, che vi­ve gior­no per gior­no il len­to de­ca­de­re del­la sua po­si­zio­ne la­vo­ra­ti­va, in­ter­val­la­to poi da va­ri fil­ma­ti di re­per­to­rio che mo­stra­no la ve­ri­tà di ciò che si è vis­su­to in quei gior­ni, an­che con con­tri­bu­ti in pri­ma per­so­na di per­so­nag­gi im­por­tan­ti co­me Asca­nio Ce­le­sti­ni, Da­rio Fo e Marco Tra­va­glio. Uno de­gli au­to­ri prin­ci­pa­li di Tut­ti giù per Aria, Ales­san­dro Tar­ta­glia Pol­ci­ni ci ha gen­til­men­te

con­ces­so un’intervista, nel­la qua­le ci rac­con­ta il suo pro­get­to, dal­la na­sci­ta dell’idea al­la rea­liz­za­zio­ne pra­ti­ca e i suoi sen­ti­men­ti ri­guar­do la grande cri­si che ha col­pi­to la com­pa­gnia di ban­die­ra.

Co­me ti è ve­nu­ta l’idea di rea­liz­za­re un do­cu­men­ta­rio su que­sta tri­ste av­ven­tu­ra dell’ali­ta­lia? Im­me­dia­ta­men­te. Già da tem­po si av­ver­ti­va una si­tua­zio­ne, che poi si è ve­ri­fi­ca­ta, che sa­reb­be de­ge­ne­ra­ta in quel­la di­sa­stro­sa ver­ten­za di cui il pae­se in­te­ro è sta­to im­mo­bi­le spet­ta­to­re. Ho pre­so la mia te­le­ca­me­ra è ho ini­zia­to a ri­pren­de­re tutto quan­to ac­ca­de­va du­ran­te ma­ni­fe­sta­zio­ni, pre­si­di, as­sem­blee. Ho fat­to in mo­do di non per­de­re nul­la. Ho in­ter­vi­sta­to tut­ti co­lo­ro che ri­te­ne­vo in qual­che mo­do par­te in cau­sa. Da Mat­teo­li, il cui fi­glio è pi­lo­ta pro­prio in Ali­ta­lia, (as­sun­to quan­do le as­sun­zio­ni era­no già bloccate da tem­po, pas­san­do in­spie­ga­bil­men­te avan­ti a mol­ti al­tri pi­lo­ti che da tem­po aspet­ta­va­no di es­se­re a lo­ro vol­ta as­sun­ti) al­la Car­fa­gna, al­la Lo­ren­zin e tan­ti al­tri an­co­ra. Al­la ba­se di que­sto do­cu­men­ta­rio c’è l’as­so­lu­ta con­vin­zio­ne che la sto­ria del­la ver­ten­za Ali­ta­lia va­les­se la pe­na di es­se­re rac­con­ta­ta. Un’ope­ra ne­ces­sa­ria, per met­te­re a co­no­scen­za l’in­te­ro pae­se sul­la di­re­zio­ne che avreb­be­ro pre­so le re­la­zio­ni in­du­stria­li, re­la­zio­ni che og­gi si ap­pli­ca­no in tut­ti i com­par­ti. Ov­via­men­te non ab­bia­mo la pre­sun­zio­ne di aver con­den­sa­to in po­co più di 1 ora di fil­ma­to tut­ta l’or­gia di sen­ti­men­ti, emo­zio­ni, stru­men­ta­liz­za­zio­ni che ha ca­rat­te­riz­za­to la vi­ta dei la­vo­ra­to­ri Ali­ta­lia dal 26 ago­sto 2008, da­ta del­la na­sci­ta del­la CAI Com­pa­gnia Ae­rea Ita­lia­na, in poi. Non ab­bia­mo nean­che la vel­lei­tà di aver det­to esat­ta­men­te tutto quel­lo che c’era da di­re ri­spet­to al­le si­tua­zio­ni che han­no ca­den­za­to quel pe­rio­do. Sia­mo pe­rò con­vin­ti di aver for­ni­to un pun­to di vista di­ver­so, di chi quei gior­ni li ha vis­su­ti dall’al­tra par­te del­la bar­ri­ca­ta, sul­le stra­de e sul­le piaz­ze del­la ca­pi­ta­le, nel­lo stes­so ae­ro­por­to di Fiu­mi­ci­no; il pun­to di vista di chi par­la­va del suo la­vo­ro e del suo fu­tu­ro, mol­te vol­te schiac­cia­to da pro­ta­go­ni­sti di “ben al­tra le­va­tu­ra” e igno­ra­to dal­la stam­pa. Ab­bia­mo cer­ca­to di far ve­de­re le fac­ce del­le per­so­ne, le lo­ro vo­ci, co­sì im­por­tan­ti per ca­pir­ne le emo­zio­ni, di quel­le fat­te di car­ne, os­sa e san­gue, del “ma­te­ria­le uma­no” (co­me L’A.D. Sa­bel­li ama chia­mar­lo) che trop­po spes­so è sta­to rap­pre­sen­ta­to da ge­li­di nu­me­ri di esu­be­ri, di as­sun­ti, di cas­sain­te­gra­ti e di pre­ca­ri ora di­soc­cu­pa­ti. Quei ge­li­di nu­me­ri che ave­va­no gri­da­to, pro­prio nel men­tre del­la ver­ten­za, uno de­gli slogan più in vo­ga tra i la­vo­ra­to­ri dell’ali­ta­lia: “Og­gi toc­ca a noi, do­ma­ni toc­ca a voi”. Quel “do­ma­ni” di ie­ri è og­gi… ed ecco i dram­ma­ti­ci ri­sul­ta­ti. Mi ver­reb­be da di­re: noi lo ave­va­mo det­to… Ma non lo di­rò.

In quei gior­ni sei sta­to in pri­ma li­nea? Ero in pri­ma li­nea co­me mi­glia­ia di la­vo­ra­to­ri, an­che per­ché quan­to ac­ca­de­va mi ve­de­va di­ret­ta­men­te coin­vol­to. Ho la­vo­ra­to in Ali­ta­lia per 15 an­ni co­me as­si­sten­te di vo­lo. Ho svol­to que­sta pro­fes­sio­ne co­me me­glio non po­te­vo fa­re, con re­spon­sa­bi­li­tà e de­di­zio­ne. Ed è per que­sto che ho in­te­so met­te­re in mo­stra l’uma­ni­tà dell’ex com­pa­gnia di ban­die­ra, sia quan­do era pro­ta­go­ni­sta del­le pri­me pa­gi­ne dei gior­na­li sia dopo, quan­do i ri­flet­to­ri si so­no ine­so­ra­bil­men­te spen­ti ed è ini­zia­ta per tut­ti il con­fron­to con una nuova dram­ma­ti­ca real­tà.

Qual’ era l’aria che si re­spi­ra­va? L’aria che si re­spi­ra­va, e che ahi­mé an­co­ra og­gi si re­spi­ra, era pesante in vi­zio di quel che sa­pe­va­mo ci sa­reb­be ac­ca­du­to di lì a breve. Era pesante ma era al­tre­sì un’aria pro­po­si­ti­va: era­va­mo pron­ti a tutto pur di non ve­de­re mor­ti­fi­ca­ta la straor­di­na­ria pro­fes­sio­na­li­tà di mi­glia­ia di la­vo­ra­to­ri. Quei la­vo­ra­to­ri che non vo­le­va­no ve­de­re una com­pa­gnia mor­ti­fi­ca­ta, da­ta in ma­no a un drap­pel­lo di fi­li­bu­stie­ri, una par­te dei qua­li so­no in­da­ga­ti e pre­giu­di­ca­ti. Un cer­to pa­tri­mo­nio in­du­stria­le di que­sto pae­se fa ve­ni­re il vol­ta­sto­ma­co.

Ti ha col­pi­to qual­co­sa in par­ti­co­la­re? Un epi­so­dio in par­ti­co­la­re mi ha col­pi­to: gi­ran­do con la mia te­le­ca­me­ra mi so­no im­bat­tu­to in un pa­dre di

fa­mi­glia, mio ex col­le­ga. L’ho vi­sto in di­spar­te a pian­ge­re. Mi ha guar­da­to ne­gli oc­chi e mi ha chie­sto scu­sa. Ho spen­to la mia te­le­ca­me­ra e ten­ta­to di con­for­tar­lo, ov­via­men­te sen­za suc­ces­so. Mi ha det­to: “Co­sa da­rò ora ai miei fi­gli? Qua­le fu­tu­ro po­trò ga­ran­tir­gli?”

Co­me hai de­ci­so di coin­vol­ge­re gli al­tri nel pro­get­to?

Que­sto pro­get­to ha vi­sto la lu­ce per­ché al­cu­ni pro­fes­sio­ni­sti, gen­te del me­stie­re, ci han­no cre­du­to e si so­no im­pe­gna­ti con estre­ma pa­zien­za, de­di­zio­ne e di­spo­ni­bi­li­tà che, in una si­tua­zio­ne nor­ma­le, sa­reb­be­ro sta­te dif­fi­cil­men­te ri­scon­tra­bi­li. Al­cu­ni che vi han­no par­te­ci­pa­to so­no miei col­le­ghi co­me Francesco Stac­cio­li e Gui­do Gaz­zo­li che han­no so­stan­zial­men­te scrit­to la sce­neg­gia­tu­ra, con i qua­li ho tro­va­to una co­mu­ni­tà di in­ten­ti. Vo­le­va­mo da­re luo­go a una de­nun­cia for­te e cre­do che ci sia­mo riu­sci­ti.

Hai tro­va­to qual­che por­ta chiu­sa?

Que­sto pro­get­to è riu­sci­to a di­ven­ta­re real­tà gra­zie all’au­to­fi­nan­zia­men­to da par­te di un grup­po di la­vo­ra­to­ri che han­no da­to de­na­ro sen­za chie­der­si nean­che co­me sa­reb­be sta­to il pro­dot­to fi­na­le. La­vo­ra­to­ri che han­no da­to un con­tri­bu­to per­so­na­le in un mo­men­to dram­ma­ti­co per le lo­ro pos­si­bi­li­tà eco­no­mi­che. Co­me tut­ti co­lo­ro che so­no in­di­pen­den­ti e che non han­no gran­di fi­nan­zia­to­ri al­le spal­le, ab­bia­mo do­vu­to ri­vol­ger­ci an­che a Isti­tu­zio­ni di va­ria na­tu­ra per re­pe­ri­re i fon­di che per­met­tes­se­ro di pa­ga­re al­me­no le spe­se vi­ve che so­lo in par­te an­co­ra og­gi so­no sta­te co­per­te. Ho bus­sa­to a nu­me­ro­se por­te mol­te del­le qua­li non so­no sta­te mai aper­te. Al­tre aper­te e sbat­tu­te sul mu­so e al­tre an­co­ra aper­te. Il film è sta­to pos­si­bi­le an­che gra­zie al sup­por­to del­la Re­gio­ne La­zio e del Co­mu­ne di Ro­ma.

Pen­si che un film co­me que­sto pos­sa ser­vi­re a cam­bia­re le co­se o ad evi­tar­le in fu­tu­ro?

Per­so­nal­men­te non vor­rei che que­sto pro­dot­to fos­se va­lu­ta­to co­me un epi­taf­fio o un amar­cord, per­ché in­ten­de es­se­re esat­ta­men­te l’op­po­sto. Un mo­do, co­me al­tri e più for­te di al­tri, di di­re sem­pli­ce­men­te “noi esi­stia­mo an­co­ra” e non ab­bia­mo di­men­ti­ca­to ciò che ci è suc­ces­so e ciò che ci suc­ce­de an­co­ra. In po­che pa­ro­le, una pes­si­ma no­ti­zia per chi ci vor­reb­be già sot­ter­ra­ti nell’oblio ge­ne­ra­le. Ad ogni mo­do il ci­ne­ma, si sa, è un ec­cel­len­te vei­co­lo di in­for­ma­zio­ne no­no­stan­te la cri­si che an­che que­sto set­to­re da tem­po vi­ve. E’ an­che ve­ro pe­rò che il ci­ne­ma è og­gi vi­sto, spe­cial­men­te nel no­stro pae­se, co­me un stru­men­to di eva­sio­ne e di ri­crea­zio­ne, non di ri­fles­sio­ne. Cer­ti te­mi si pre­fe­ri­sce ve­der­li co­mo­da­men­te a ca­sa pro­pria con la pos­si­bi­li­tà di cam­bia­re ca­na­le quan­do non si ha più vo­glia di scuo­te­re le pro­prie co­scien­ze. Ahi­mè “Tut­ti giù per aria” non ha avu­to l’in­ten­to spe­ra­to, ov­ve­ro quel­lo di met­te­re in guar­dia il pae­se su quan­to og­gi sta ac­ca­den­do. Ma non è mai trop­po tar­di.

Pen­sa­vi che que­sto film ar­ri­vas­se ad­di­rit­tu­ra al ci­ne­ma?

Ho la­vo­ra­to so­do af­fin­ché que­sto film tro­vas­se tut­ti i ca­na­li di di­vul­ga­zio­ne pos­si­bi­li. Dopo Edi­to­ri Riu­ni­ti, che ha di­stri­bui­to l’ope­ra in tut­te le li­bre­rie d’ita­lia, è ar­ri­va­to an­che Di­stri­bu­zio­ne In­di­pen­den­te che ha con­sen­ti­to di far gi­ra­re il film nel­le sa­le. L’ho pen­sa­to e l’ho vo­lu­to, con non po­ca fa­ti­ca.

I tuoi pros­si­mi pro­get­ti?

Sto la­vo­ran­do a una sor­ta di capitolo se­con­do di “Tut­ti giù per aria” do­ve ad an­da­re giù per aria que­sta vol­ta non è so­lo Ali­ta­lia, ma il pae­se in­te­ro. E’ dav­ve­ro sin­go­la­re che deb­ba es­se­re un

cas­sain­te­gra­to a muo­ver­si per in­for­ma­re il pae­se at­tra­ver­so dei pro­dot­ti ci­ne­ma­to­gra­fi­ci che, per quan­to a bas­so co­sto, so­no e ri­man­go­no pro­dot­ti di qua­li­tà. Esi­sto­no ope­ra­zio­ni ana­lo­ghe a que­sta di cui pur­trop­po non si par­la. Ne di­co una su tut­te: “Una montagna di bal­le”, un do­cu­men­ta­rio sul dram­ma dell’im­mon­di­zia a Na­po­li. Dav­ve­ro ben fat­to. Cer­ca­te­lo e ve­de­te­lo.

Qua­li so­no sta­te le mag­gio­ri dif­fi­col­tà?

Il re­pe­ri­men­to di fon­di e au­to­riz­za­zio­ni di va­rio ti­po.

Co­sa ne pen­si del re­cen­te sbar­co dei do­cu­men­ta­ri nel­le sa­le ci­ne­ma­to­gra­fi­che?

Ne so­no fe­li­cis­si­mo. So­no pe­rò an­co­ra po­chi. Do­vreb­be­ro es­se­re an­co­ra di più. Una ci­ne­ma­to­gra­fia di qua­li­tà che me­ri­ta di es­se­re di­stri­bui­ta nei cir­cui­ti tra­di­zio­na­li. Di­stri­bu­zio­ne In­di­pen­den­te è una real­tà, for­se l’uni­ca, che si è pre­so la bri­ga di da­re se­gui­to a que­sta ope­ra­zio­ne di­vul­ga­ti­va. Spe­ro che ca­se di di­stri­bu­zio­ni più im­por­tan­ti pren­da­no ini­zia­ti­ve in que­sto sen­so. Ma­ga­ri non lo san­no ma ri­schia­no di es­se­re pro­dot­ti che pos­so­no por­ta­re un di­scre­to pro­fit­to.

Co­me ti sei tro­va­to a la­vo­ra­re con Francesco Cor­dio, re­gi­sta del film e gli al­tri col­la­bo­ra­to­ri?

Mol­to be­ne. Francesco è mol­to bra­vo. Un au­ten­ti­co pro­fes­sio­ni­sta che la­vo­ra con pas­sio­ne e se­rie­tà.

Il per­so­nag­gio del­la par­te ro­man­za­ta del film con il vol­to di Fer­nan­do Cor­mik, tra i va­ri fil­ma­ti di re­per­to­rio, sei tu? E’ una par­te au­to­bio­gra­fi­ca?

So­no io, è Luca, è Gior­gio, è Lui­sa, sei tu. E tut­ta quel­la po­po­la­zio­ne di la­vo­ra­to­ri che non in­ten­de ar­ren­der­si al­la lo­gi­ca di re­la­zio­ni in­du­stria­li pen­sa­te e fat­te da cial­tro­ni. Una po­po­la­zio­ne di la­vo­ra­to­ri che ie­ri ri­schia­va di per­de­re il la­vo­ro, og­gi lo ha per­so. Ad ogni mo­do un po’ di me cer­ta­men­te c’è.

Co­me è na­ta la col­la­bo­ra­zio­ne con Asca­nio Ce­le­sti­ni, Marco Tra­va­glio e Da­rio Fo?

In­sie­me a lo­ro tan­ti al­tri co­me Gianni Dra­go­ni, Vau­ro Se­ne­si, il prof. Ugo Ar­ri­go si so­no re­si di­spo­ni­bi­li per un im­por­tan­te sup­por­to. Ad ogni mo­do mi so­no li­mi­ta­to a chia­mar­li e chie­de­re lo­ro aiu­to. Non si so­no fat­ti pre­ga­re nean­che un istan­te.

Hai ri­scon­tra­to so­ste­gno da par­te dei col­le­ghi dell’ali­ta­lia, o qual­cu­no non ha ap­prez­za­to la re­sa sul grande scher­mo del pe­rio­do dif­fi­ci­le pas­sa­to?

So­stan­zial­men­te la stra­gran­de mag­gio­ran­za dei miei col­le­ghi han­no ap­prez­za­to l’ope­ra, se non al­tro per la de­nun­cia che è stata fat­ta ed è stata re­sa vi­si­bi­le. C’è stata pe­rò an­che una mi­no­ran­za che non so­lo ha di­sap­pro­va­to l’ope­ra ma l’ha an­che osteg­gia­ta. So­no co­lo­ro che han­no fat­to e fan­no an­co­ra par­te di quel ti­po di sin­da­ca­to che ha ap­pog­gia­to l’ope­ra­zio­ne CAI. Ma si sa, quan­do ci si espo­ne, si è ine­vi­ta­bil­men­te sog­get­ti a critiche. Ma va be­ne co­sì.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.