Grande at­te­sa per l’ul­ti­mo al­bum di No­rah Jo­nes

News Cinema - - MUSICA -

L’uscita di ... ul­ti­mo al­bum di No­rah Jo­nes, è pre­vi­sta per il pri­mo mag­gio, ma è già da di­ver­so tem­po che gli ruo­ta in­tor­no un alo­ne di cu­rio­si­tà piut­to­sto una­ni­me. Già, per­ché que­sta vol­ta, dal­la re­gi­net­ta del pop-soul, ci si aspet­ta qual­co­sa in più ri­spet­to ai suoi ul­ti­mi la­vo­ri co­me The Fall (2009) - esclu­den­do ...Fea­tu­ring, la sor­ta di grea­te­st hi­ts uscita nel 2010 - che so­no sta­ti ac­col­ti ti­mi­da­men­te sia dal­la cri­ti­ca che dal pub­bli­co. Si­cu­ra­men­te, il suo più grande va­lo­re ag­giun­to, è sem­pre sta­to quel­lo di com­por­re mu­si­ca in

di An­ge­lo Mat­ti­na mo­do vi­sce­ra­le e sen­za par­ti­co­la­ri vel­lei­tà com­mer­cia­li: The Lit­tle Wil­lies, pro­get­to na­to nel 2006 in cui No­rah suo­na pez­zi d’an­na­ta ame­ri­ca­ni con al­cu­ni suoi vec­chi ami­ci, la di­ce lun­ga. Ma è pur ve­ro che un’artista co­me lei, vin­ci­tri­ce in po­chi an­ni di no­ve Gram­my e ar­ri­va­ta a un suc­ces­so pla­ne­ta­rio con cir­ca 40 mi­lio­ni di al­bum ven­du­ti, al feed­back pri­ma o poi do­vrà an­che pen­sar­ci. Em­ble­ma­ti­ca è la sua at­tua­le col­la­bo­ra­zio­ne, per la pro­du­zio­ne di ...Lit­tle Bro­ken Hearts, con Dan­ger Mou­se, che ha già fat­to con­qui­sta­re le vet­te del­le chart ame­ri­ca­ne - e non so­lo - ad ar­ti­sti co­me Beck, Gnarls Bar­kley e Black Keys. Par­la chia­ro, in tal sen­so an­che Hap­py Pills, pri­mo sin­go­lo estrat­to dall’al­bum, che evi­den­zia un cambio di rot­ta re­pen­ti­no ri­spet­to a pietre mi­lia­ri del­la can­tau­tri­ce new­yor­ke­se co­me Don’t Ko­now Why o Sun­ri­se. Le nuo­ve di­na­mi­che so­no­re pro­po­ste, van­no in una di­re­zio­ne de­ci­sa­men­te più soft rock e ga­ran­ti­sco­no al sin­go­lo in que­stio­ne, quan­to­me­no, un as­si­cu­ra­ta ro­ta­zio­ne ra­dio­fo­ni­ca. C’è da ca­pi­re pe­rò quan­ta No­rah Jo­nes ci sia in tutto que­sto e se dav­ve­ro il buon­gior­no si ve­de dal mat­ti­no: nes­su­no vuo­le un ri­pro­po­si­zio­ne pseu­doin­no­va­ta dei stra­bi­lian­ti al­bum Co­me Away wi­th Me e Feels Li­ke Ho­me, ma nean­che trop­pa fo­schia in­tor­no all’ar­te con­na­tu­ra­ta di que­sta grande mu­si­ci­sta. Sta­re­mo a ve­de­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.