Il pa­dre di Chia­ra: «Sem­pio è un bra­vo ra­gaz­zo»

LUI NON CI CRE­DE

Oggi - - Delitto Di Garlasco: Verso Un Clamoroso Colpo Di S - Giu­sep­pe Fu­ma­gal­li

Giu­sep­pe

Pog­gi, pa­dre di Chia­ra è uo­mo di po­che pa­ro­le. So­no pas­sa­ti ol­tre no­ve an­ni, ma non si la­scia an­da­re nean­che ades­so, nean­che da­van­ti a un caf­fè, in mez­zo agli ami­ci che si al­za­no a sa­lu­tar­lo e ad au­gu­rar­gli buon an­no. Sul­la ria­per­tu­ra del­le in­da­gi­ni per il de­lit­to del 13 ago­sto 2007 e sul­la pos­si­bi­le re­vi­sio­ne del pro­ces­so non di­ce nul­la. Ma sul­la fi­gu­ra di An­drea Sem­pio, 28 an­ni, in­da­ga­to dal­la Pro­cu­ra di Pa­via per l’omi­ci­dio di Chia­ra, un com­men­to se lo la­scia ran­do­lo con il pro­fi­lo ge­ne­ti­co che mi era sta­to con­se­gna­to ho sco­per­to che il Dna sul­le unghie di Chia­ra ap­par­tie­ne a un sog­get­to ma­schi­le del­la fa­mi­glia Sem­pio». Gian Lui­gi Tiz­zo­ni, av­vo­ca­to del­la fa­mi­glia Pog­gi, e i suoi con­su­len­ti scien­ti­fi­ci Pao­lo Rea­le e Mar­zio Ca­pra, evi­den­zia­no in­ve­ce che ben di­ver­se so­no le con­clu­sio­ni al­le qua­li era giun­to Fran­ce­sco De Ste­fa­no nel­le 20 pa­gi­ne del­la sua pe­ri­zia con­se­gna­ta nel set­tem­bre del 2014 a Bar­ba­ra Bel­le­rio, pre­si­den­te del­la Cor­te d’As­si­se d’Ap­pel­lo di Mi­la­no: «L’uni­ca con­clu­sio­ne so­ste­ni­bi­le con­cre­ta­men­te, in con­si­de­ra­zio­ne dei ri­sul­ta­ti di la­bo­ra­to­rio so­pra ri­por­ta­ti, è che i da­ti ot­te­nu­ti in­di­chi­no la pre­sen­za di Dna ma­schi­le nel ma­te­ria­le sot­toun­gue­le pre­le­va­to in se­de au­top­ti­ca dal ca­da­ve­re di Chia­ra Pog­gi. Per quan­to at­tie­ne al­la iden­ti­fi­ca­zio­ne di ap­par­te­nen­za, con le pre­mes­se ap­pe­na ac­cen­na­te… non è pos­si­bi­le de­fi­ni­re un’ipo­te­si di iden­ti­tà. In par­ti­co­la­re a cau­sa del­la scap­pa­re con il cro­ni­sta di Og­gi: «È un bra­vo ra­gaz­zo», di­ce scuo­ten­do la te­sta. Le sue pa­ro­le ca­do­no co­me una sen­ten­za sul­le no­ti­zie usci­te in que­sti gior­ni e ri­por­ta­no le lan­cet­te al 12 di­cem­bre 2015 quan­do la cor­te di Cas­sa­zio­ne con­fer­mò e re­se de­fi­ni­ti­va la con­dan­na a 16 an­ni di Al­ber­to Sta­si ex fi­dan­za­to di Chia­ra. Per lui e per la mo­glie Ri­ta la ve­ri­tà sul­la fi­ne del­la fi­glia è tut­ta lì den­tro. Giu­sep­pe Pog­gi non ag­giun­ge al­tro. Né vuo­le che a far­lo sia il fi­glio Mar­co, lau­rea­to in in­ge­gne­ria in­for­ma­ti­ca e og­gi di­pen­den­te di una azien­da del pa­ve­se, che all’epo­ca dei fat­ti fre­quen­ta­va An­drea Sem­pio. Gar­la­sco nei gior­ni di fe­sta è se­mi­de­ser­ta. In piaz­za Mu­ni­ci­pio an­che il Caf­fè Gob­bi, sa­lot­to del­la cit­ta­di­na, ha le ser­ran­de ab­bas­sa­te. Nei bar e nei ne­go­zi ri­ma­sti aper­ti c’è chi co­no­sce i ge­ni­to­ri di Sem­pio, ma non il ra­gaz­zo. «L’ho vi­sto sui gior­na­li ma la sua fac­cia non mi di­ce nul­la», di­ce una don­na. «Qui è co­sì: i gio­va­ni la­vo­ra­no a Mi­la­no o Pa­via, par­to­no la mat­ti­na, rien­tra­no la se­ra e non si ve­do­no mai in gi­ro». I po­chi coe­ta­nei in gi­ro per il pae­se mo­stra­no se­gni di im­pa­zien­za: «Sta ri­co­min­cian­do il cir­co e già non ne pos­sia­mo più», com­men­ta uno di lo­ro. «An­drea è un ra­gaz­zo a po­sto e spe­ria­mo che fi­ni­sca tut­to in fret­ta». de­gra­da­zio­ne del Dna e del­la con­ta­mi­na­zio­ne am­bien­ta­le, co­sì co­me non vi è la pos­si­bi­li­tà di una in­di­ca­zio­ne po­si­ti­va di iden­ti­tà, non si può esclu­de­re che nel ma­te­ria­le su­bun­guea­le di Chia­ra Pog­gi sia pre­sen­te an­che Dna di Al­ber­to Sta­si». Una pe­ri­zia quin­di nel­la qua­le non si ac­cen­na al­la pre­sen­za di un al­tro in­di­vi­duo o al pro­fi­lo ge­ne­ti­co di uno sco­no­sciu­to. «Qui non c’è un “Igno­to 1” e su que­sta pe­ri­zia era­no d’ac­cor­do tut­ti, com­pre­si i con­su­len­ti di Al­ber­to Sta­si», sot­to­li­nea l’av­vo­ca­to Tiz­zo­ni. «Ec­co per­ché nel­la sen­ten­za il Dna non com­pa­re nep­pu­re. So­no al­tri gli in­di­zi e le pro­ve che han­no por­ta­to in car­ce­re Sta­si». E ades­so chi fa­rà la pri­ma mos­sa? La Cor­te d’Ap­pel­lo di Bre­scia che ha ri­ce­vu­to dal­la Pro­cu­ra ge­ne­ra­le di Mi­la­no la do­man­da di re­vi­sio­ne del pro­ces­so per Al­ber­to op­pu­re la Pro­cu­ra di Pa­via che, ba­san­do­si sul­la de­nun­cia pre­sen­ta­ta dal­la mam­ma di Sta­si, ha aper­to una nuo­va in­chie­sta

«NON SI PUÒ DE­FI­NI­RE UN’IPO­TE­SI DI IDEN­TI­TÀ

Giu­sep­pe Pog­gi, pa­pà di Chia­ra: co­me sua mo­glie ri­tie­ne Sta­si il col­pe­vo­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.