Mar­ti­na Stel­la «Nel­la mia quin­ta vi­ta so­no una mo­glie per­fet­ta» di Eri­ka Rig­gi

PIC­CO­LA SOGNATRICE. STAR IN L’UL­TI­MO BA­CIO. IN­NA­MO­RA­TA RI­BEL­LE. MAM­MA RE­SPON­SA­BI­LE. E ORA, SPO­SA DI AN­DREA MANFREDONIA, MEN­TRE POR­TA IN TV UN PER­SO­NAG­GIO CHE LE SO­MI­GLIA, SI MET­TE IN GIO­CO CON MILLY CARLUCCI

Oggi - - Sommario - di Eri­ka Rig­gi

Un ca­so. «Al pro­vi­no, quan­do ho let­to che il mio per­so­nag­gio si in­na­mo­ra di un pro­cu­ra­to­re cal­ci­sti­co, che è lo stes­so me­stie­re di mio ma­ri­to, mi è ve­nu­to pro­prio da ri­de­re». Oc­chi da bam­bo­la, sor­ri­so da Bar­dot, lun­ghis­si­mi ca­pel­li co­lor mie­le: l’ul­ti­ma in­car­na­zio­ne di Mar­ti­na Stel­la è la mo­glie idea­le di An­drea Manfredonia, fi­glio dell’ex cal­cia­to­re e di­ri­gen­te spor­ti­vo Lio­nel­lo. «Io non ca­pi­sco nien­te di sport, lui nien­te di ci­ne­ma: ma gli so­no mol­to vi­ci­na, a li­vel­lo di... mo­glie». Un ca­so, dun­que, che tra la sua vi­ta e la tra­ma di Amo­re pen­sa­ci tu, dal 17 feb­bra­io su Ca­na­le 5, ci sia­no tan­te ana­lo­gie: ma con i ca­si Mar­ti­na Stel­la da Im­pru­ne­ta ha co­strui­to il puzz­le del­la sua esi­sten­za. Un ca­so la por­ta dal 25 feb­bra­io sul pal­co di Bal­lan­do con le stel­le, su Rai 1 con Milly Carlucci. Un ca­so por­tò l’ado­le­scen­te ri­bel­le che so­gna­va so­lo di scap­pa­re dal­la sua son­no­len­ta pro­vin­cia a di­ven­ta­re la Lo­li­ta d’Ita­lia, gra­zie a L’ul­ti­mo ba­cio di Ga­brie­le Muc­ci­no. Se­gui­ro­no fa­ma, film e fic­tion (da Am­nè­sia, di Sal­va­to­res a Le sta­gio­ni del cuo­re), co­per­ti­ne e fi­dan­za­ti da pri­ma pa­gi­na, da Va­len­ti­no Ros­si a La­po El­kann. La­scia­to sen­za stra­sci­chi il primo, «Mar­ti­na l’ex fi­dan­za­ti­na d’Ita­lia» si ri­tro­vò as­se­dia­ta dai pa­pa­raz­zi quan­do il se­con­do - nel 2005, la lo­ro sto­ria era già fi­ni­ta - fu tra­vol­to da uno scan­da­lo a ba­se di dro­ga e trans. La quar­ta vi­ta dell’at­tri­ce si po­treb­be in­ti­to­la­re «Mar­ti­na la ra­gaz­za ma­dre», ed è le­ga­ta al­la fi­glia avu­ta da Ga­brie­le Gre­go­ri­ni, hair sty­li­st. Og­gi Gi­ne­vra ha 4 an­ni. «Sen­tir­si ab­ban­do­na­ta con un fi­glio è un fal­li­men­to dif­fi­ci­le da su­pe­ra­re per una don­na. So di che si trat­ta. Ave­vo mol­to ma­te­ria­le emo­ti­vo per­so­na­le da da­re a Ele­na, che in­ter­pre­to nel­la fic­tion: più vi­te hai vis­su­to, più sfu­ma­tu­re puoi da­re ai tuoi per­so­nag­gi».

dai ni­po­ti di Gian­ni Mo­ran­di. «I Mo­ran­di­ni so­no fan­ta­sti­ci! Ir­re­quie­ti, ma an­che mol­to sti­mo­la­ti in fa­mi­glia dal pun­to di vi­sta ar­ti­sti­co: la lo­ro pre­sen­za ha con­tri­bui­to a da­re ve­ri­tà al­la sto­ria». Nel­la fic­tion, il pa­dre dei bam­bi­ni, da cui Ele­na è se­pa­ra­ta, cer­ca di re­cu­pe­ra­re un rap­por­to con lo­ro. Il nuo­vo fi­dan­za­to, il pro­cu­ra­to­re spor­ti­vo, aiu­ta? «Per nien­te: Ro­ber­to en­tra nel­la fa­mi­glia di Ele­na sen­za de­li­ca­tez­za, vuo­le comandare. Ma que­sta è la gran­de dif­fe­ren­za ri­spet­to al­la mia vi­ta: spes­so, co­me nel mio ca­so, il nuo­vo com­pa­gno aiu­ta la se­re­ni­tà di fi­gli non suoi in mo­do ina­spet­ta­to». An­che i suoi ge­ni­to­ri si era­no se­pa­ra­ti: lei ave­va 15 an­ni. «Ven­go da una fa­mi­glia di­sa­stra­ta, ma dal pun­to di vi­sta eco­no­mi­co. L’ul­ti­mo ba­cio mi ha sal­va­to: ho po­tu­to so­ste­ne­re i miei, e con­ti­nuo a far­lo». Gi­rò con Muc­ci­no a 16 an­ni, so­no pas­sa­ti 16 an­ni esat­ti. Quel­lo re­sta il suo gran­de film? «Il film ha avu­to tan­to suc­ces­so, non io: non gua­da­gna­vo nean­che ab­ba­stan­za per vi­ve­re a Ro­ma. Non so­no mai sta­ta quel­la che tut­ti vo­glio­no, se non per i ca­len­da­ri: per quel­li mi of­fri­ro­no ve­ra­men­te tan­ti sol­di. I gran­di at­to­ri pos­so­no non fa­re pro­vi­ni, non io». Il peg­gio­re? «Quel­li in in­gle­se: da ri­de­re! Ho ini­zia­to a stu­dia­re la lin­gua da gran­de, mi scri­ve­vo le par­ti sul­la ma­no. Non è un ca­so se mia fi­glia fre­quen­ta già la scuo­la ame­ri­ca­na». Ca­len­da­ri se­xy a par­te, ha ri­fiu­ta­to an­che Le Ie­ne, Love Bugs… «La tv mi cer­ca­va mol­to, ma era un mo­men­to di­ver­so: og­gi un at­to­re fa tut­to, le fic­tion, gli show. Al­lo­ra no». Un bi­lan­cio del­le sue tan­te vi­te? «I bi­lan­ci mi stan­no un po’ sul­le pal­le: vi­vo il pre­sen­te, pen­so ci sa­rà sem­pre una se­con­da pos­si­bi­li­tà e an­che una ter­za. Nel­la vi­ta ho rea­liz­za­to più di quel­lo che spe­ra­vo, non tut­to è an­da­to al me­glio ma an­che nei mo­men­ti più bui mi so­no la­scia­ta at­tra­ver­sa­re dal­la po­si­ti­vi­tà». Tra Ele­na e il ma­ri­to l’amo­re non è del tut­to fi­ni­to… «An­che in que­sto sia­mo di­ver­se: non ho mai ria­per­to una sto­ria d’amo­re». La­po El­kann tra­vol­to di nuo­vo dal­lo scan­da­lo: le è ve­nu­to il de­si­de­rio di chia­mar­lo? «Gli vo­glio tan­to be­ne, co­me può im­ma­gi­na­re. Lei che co­sa fa­reb­be al po­sto mio?».

IN CER­CA DI SUC­CES­SO Mar­ti­na Stel­la in una fo­to re­cen­te con mam­ma Bian­ca. Si era av­vi­ci­na­ta al mon­do del ci­ne­ma an­che per aiu­ta­re la fa­mi­glia, in dif­fi­col­tà eco­no­mi­che. NEL­LA FIC­TION È SE­PA­RA­TA Qui, Mar­ti­na Stel­la, 32, con Car­mi­ne Re­ca­no, 36, suo ma­ri­to in Amo­re

pen­sa­ci tu in on­da su Ca­na­le 5 dal 17 feb­bra­io. In­ter­pre­ta­no due ge­ni­to­ri se­pa­ra­ti con tre bam­bi­ni (so­pra): i ma­schiet­ti so­no i ge­mel­li Leo­nar­do e Ja­co­po, 10, ni­po­ti di Gian­ni Mo­ran­di. AC­COR­SI E «L’UL­TI­MO BA­CIO» Mar­ti­na Stel­la bal­la con Ste­fa­no Ac­cor­si nel film di Ga­brie­le Muc­ci­no L’ul­ti­mo ba­cio. Lì in­ter­pre­ta la gio­va­ne Fran­ce­sca, con cui Ac­cor­si tra­di­sce la mo­glie.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.