MA­RIA VENTURI

IL MA­TRI­MO­NIO STA DI­VEN­TAN­DO SEM­PRE PIÙ SPES­SO SI­MI­LE A UN’AZIEN­DA O A UN PAR­TI­TO PO­LI­TI­CO. EC­CO UNA STO­RIA ESEM­PLA­RE DI MÉ­NA­GE A TRE

Oggi - - Sommario -

Ca­ra Ma­ria

io e mio ma­ri­to ci sia­mo spo­sa­ti, per amo­re ma mol­to gio­va­ni, per­ché ero in­cin­ta. Og­gi lui è un af­fer­ma­to chi­rur­go e - di que­sto vo­glio par­la­re - da cin­que an­ni ha una re­la­zio­ne con una col­le­ga, che è un’ot­ti­ma per­so­na. Man­co di di­gni­tà se ac­cet­to un mé­na­ge a tre? Mio ma­ri­to mi vuo­le be­ne e mi sti­ma, l’aman­te non pre­ten­de nul­la e il di­vor­zio avreb­be un prez­zo al­tis­si­mo per­ché lui la­vo­ra in una cli­ni­ca pri­va­ta cat­to­li­ca. La re­la­zio­ne non ha al­cu­na ri­ca­du­ta nel mio ma­tri­mo­nio, se non il rim­pian­to per la pas­sio­ne che ci ave­va uni­ti.

Ro­san­na, e-mail La

di­gni­tà è co­me il pu­do­re: i tem­pi ne han­no mo­di­fi­ca­to il “co­mu­ne sen­so”, al­lar­gan­do i con­fi­ni e ab­bat­ten­do mol­ti ta­bù. Ri­ma­ne il li­mi­te del­la tol­le­ran­za per­so­na­le: è di­gni­to­so tut­to quel­lo che pos­sia­mo ac­cet­ta­re sen­za sen­tir­ci umi­lia­ti e in­fe­li­ci. Ma an­che qui qual­co­sa è cam­bia­to per­ché an­che i rap­por­ti di cop­pia so­no sta­ti coin­vol­ti nel sov­ver­ti­men­to del­la sca­la dei va­lo­ri. Il ma­tri­mo­nio è og­gi equi­pa­ra­bi­le a un’azien­da: de­ve fa­re red­di­to. Ne con­se­gue che mol­te stra­te­gie e mol­te de­ci­sio­ne so­no det­ta­te dal­la con­ve­nien­za. La

cop­pia “af­fol­la­ta” di cui fai par­te, Ro­san­na, ne è un esem­pio: tu hai tut­to l’in­te­res­se a sal­va­guar­da­re la fa­mi­glia e lo sta­tus di mo­glie agia­ta. L’aman­te chie­de so­lo amo­re per­ché per lei i sen­ti­men­ti ven­go­no al primo po­sto. E a tuo ma­ri­to con­vie­ne la­scia­re le co­se co­me stan­no per­ché, co­sì fa­cen­do, sal­va l’im­ma­gi­ne e il po­sto di la­vo­ro e ha an­che l’im­pu­ni­tà di una re­la­zio­ne. La stes­sa in­fe­del­tà og­gi è re­tro­ces­sa nel­la sca­la dei pec­ca­ti e si per­do­na con me­no fa­ti­ca. Ma

tor­nia­mo in te­ma. Il mé­na­ge a tre ri­spec­chia an­che ciò che av­vie­ne nei par­ti­ti po­li­ti­ci: i ruo­li so­no co­me le pol­tro­ne, ci si muo­ve e ci si al­lea cer­can­do di re­star­ci at­tac­ca­ti. Non sto giu­di­can­do, an­zi ti do at­to di una en­co­mia­bi­le man­can­za di ipo­cri­sia: al­tre mo­gli fin­go­no di non ve­de­re e ro­si­ca­no in si­len­zio, al­tri ma­ri­ti ne­ga­no an­che l’evi­den­za. Fin­ché il com­pro­mes­so “ren­de” e re­si­ste, che ma­le fa­te? Oc­chio ai ri­schi pe­rò: e se l’aman­te do­ves­se in fu­tu­ro aspi­ra­re a una pol­tro­na più in vi­sta?

FAL­SA SCA­RA­MAN­ZIA

Ho let­to un tuo ar­ti­co­li­no sui por­ta­for­tu­na. Di­ci che por­ta be­ne fa­re fe­li­ce qual­cu­no, ma su que­sto pun­to cre­do che sba­gli. So­no ge­ne­ro­sa, fac­cio vo­lon­ta­ria­to, ar­ri­vo ad an­nien­tar­mi per aiu­ta­re il pros­si­mo e so­no sta­ta mol­la­ta da un ma­ri­to cui ave­vo da­to tut­to. In com­pen­so ve­do per­so­ne egoi­ste e ne­ga­ti­ve vi­ve­re be­nis­si­mo.

El­da, Co­mo Il tuo è un bi­lan­cio esi­sten­zia­le che me­ri­te­reb­be un di­scor­so a par­te, il mio un “ar­ti­co­li­no”. Pri­ma di un in­con­tro o di una de­ci­sio­ne im­por­tan­te, com­pio sem­pre un pic­co­lo ge­sto che ren­da fe­li­ce qual­cu­no, ma mai nel­la vi­ta con­si­de­re­rei “sca­ra­man­ti­co” an­nien­tar­mi per il pros­si­mo!

FAT­TI E PA­RO­LE

Mi di­ci per­ché voi don­ne, in­ve­ce di guar­da­re ai fat­ti, da­te tan­to pe­so al­le pa­ro­le d’amo­re che so­no sman­ce­rie? Pao­lo, Mo­de­na Mi spie­ghi per­ché voi uo­mi­ni non fa­te un pic­co­lo sfor­zo in più per as­se­con­da­re que­sta no­stra de­bo­lez­za?

LA MI­GLIOR VEN­DET­TA È IL PER­DO­NO SO­LO SE A CHIE­DER­LO È IL TRA­DI­TO­RE CHE SPE­RA­VA NEL CASTIGO PER DAR­SI AL­LA FU­GA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.