AL­DO GRAS­SO

Oggi - - Sommario -

Rai­per la tra­spa­ren­za. In quan­to Ser­vi­zio pub­bli­co la Rai do­vreb­be co­mu­ni­ca­re quan­to gua­da­gna­no le sue star? Gior­ni fa, per rom­pe­re gli in­du­gi, qual­che ma­ni­na in­te­res­sa­ta ha fat­to usci­re da Via­le Maz­zi­ni un fo­gliet­to con le re­tri­bu­zio­ni dei più fa­mo­si con­dut­to­ri Rai. Al­cu­ni esem­pi. La più pa­ga­ta fra i big è An­to­nel­la Clerici. Qua­si al suo fian­co Fla­vio In­sin­na. Poi ci so­no Bru­no Ve­spa, Mi­che­le San­to­ro, Lu­cia

An­nun­zia­ta, Mas­si­mo Giletti, Mi­che­le

Guar­dì. È po­co ele­gan­te fa­re i con­ti in ta­sca agli al­tri (an­che se una par­te del no­stro ca­no­ne va in ta­sca lo­ro), ma bi­so­gna te­ne­re pre­sen­te che le ci­fre che cir­co­la­no so­no pas­si­bi­li di au­men­ti, pu­re con­si­sten­ti, vi­sto che mol­ti con­dut­to­ri fir­ma­no i pro­gram­mi co­me au­to­ri e quin­di per­ce­pi­sco­no i sol­di an­che dal­la Siae: il ca­so più cla­mo­ro­so è pro­prio quel­lo di Guar­dì. Gli in­te­res­sa­ti han­no fat­to gli of­fe­si, han­no pre­ci­sa­to, han­no mi­nac­cia­to. Il con­si­glie­re Rai Guel­fo Guel­fi (l’ami­co del pa­pà di Ren­zi, uno che in vi­ta sua mai si era mai in­te­res­sa­to di tv) ha pre­ci­sa­to: «Se un’azien­da pub­bli­ca vuo­le es­se­re com­pe­ti­ti­va e vuo­le at­trar­re va­lo­re e ge­ne­ra­re ric­chez­za è giu­sto che pa­ghi an­che mol­to chi me­ri­ta di es­se­re pa­ga­to mol­to. Pun­to. La re­to­ri­ca pau­pe­ri­sta è uno dei ma­li dell’Ita­lia e fis­sa­re tet­ti di sa­la­rio mo­ra­li non è un mo­do per ri­spar­mia­re: è un mo­do co­me un al­tro per im­po­ve­ri­re un’azien­da, con il so­lo sco­po di as­se­con­da­re gli or­ren­di istin­ti pau­pe­ro-po­pu­li­sti». D’ac­cor­do sul­la re­to­ri­ca pau­pe­ri­sta, ma pri­ma an­dreb­be chia­ri­to una vol­ta per tut­te il rap­por­to fra ca­no­ne e pub­bli­ci­tà. Trop­po fa­ci­le di­chia­rar­si ser­vi­zio pub­bli­co (Guel­fi sa di­re qua­li so­no i pro­gram­mi Rai che pos­so­no fre­giar­si di ta­le ti­to­lo?) per in­cas­sa­re il ca­no­ne e in­vo­ca­re il mer­ca­to per schiac­cia­re la con­cor­ren­za (che spes­so fa ser­vi­zio pub­bli­co né più né me­no del­la Rai). Ma poi, di que­sti tem­pi, sia­mo sicuri che Me­dia­set non ve­da l’ora di in­gag­gia­re Fla­vio In­sin­na? Sia­mo sicuri, con l'aria che ti­ra, che gli al­tr net­work of­fra­no que­ste re­tri­bu­zio­ni? Se non la­vo­ras­se­ro in Rai, mol­ti con­dut­to­ri, tut­ti gran­di pro­fes­sio­ni­sti, tro­ve­reb­be­ro po­sto in al­tre Re­ti? Guel­fo Guel­fi spie­ghi poi per­ché i pro­gram­mi ex­tra fat­ti da Bru­no Ve­spa in pri­ma se­ra­ta (per i qua­li vie­ne pa­ga­to «per pre­sta­zio­ni ec­ce­den­ti il con­trat­to ba­se»), non sia­no fir­ma­ti so­lo dal Tg1. Mi spie­go me­glio. Que­ste edi­zio­ni spe­cia­li ri­guar­da­no, in li­nea di mas­si­ma, even­ti im­por­tan­ti che una po­de­ro­sa re­da­zio­ne co­me il Tg do­vreb­be sa­per af­fron­ta­re con com­pe­ten­za e no­te­vo­le ri­spar­mio per l’azien­da. Ba­sta guar­da­re co­sa fa En­ri­co Men­ta­na.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.