CHAMBRETTI <<Re­sto PIE­RO "zi­tel­lo" per mia fi­glia Mar­ghe­ri­ta>>

«SO­NO UN SOPRAVVISSUTO: IL PRO­GRAM­MA STA­VA PER SAL­TA­RE», DI­CE IL MATTATORE. CHE PAS­SA IN RAS­SE­GNA TRIONFI E RIM­PIAN­TI DEL­LA SUA CAR­RIE­RA. E RI­VE­LA: « SO­NO UN RA­GAZ­ZO PA­DRE, IL MIO UNI­CO AMO­RE È MAR­GHE­RI­TA»

Oggi - - Sommario - Dall’in­via­to Ales­san­dro Pen­na

Sul­la pul­san­tie­ra, sot­to ca­sa, c’è scrit­to «To­ro se­du­to» ed è in­sie­me sban­die­ra­men­to di fe­de cal­ci­sti­ca (to­ri­ni­sta) e au­to­ri­trat­to per in­ter­po­sto ci­to­fo­no. Per­ché in una tv che or­mai è una pra­te­ria di co­w­boy tut­ti ugua­li a se stes­si, Pie­ro Chiam­bret­ti con­ti­nua a gio­ca­re all’in­dia­no. Un in­dia­no un po’ scon­tro­so, al­me­no all’ini­zio.

«Co­sa ci fa qui, per­ché mi vuo­le in­ter­vi­sta­re?».

Il 24 feb­bra­io ri­par­te su Ca­na­le 5 Ma­trix Chiam­bret­ti. Di so­li­to voi ar­ti­sti ci te­ne­te al­la pro­mo­zio­ne. Ma io vo­glio so­lo spa­ri­re. Par­la­re con i pro­gram­mi».

Ri­co­min­cia da do­ve ave­va fi­ni­to. Po­trei de­fi­nir­ma un no­vel- lo Leo­nar­do DiCa­prio, per­ché so­no “re­ve­nant”, ri­sor­to. Ma­trix sem­bra­va de­sti­na­to a una mor­te pre­ma­tu­ra. Sa­reb­be sta­to un delitto».

E so­no sal­ta­te fuo­ri 13 pun­ta­te. «In te­le­vi­sio­ne non c’è più pa­zien­za. D’al­tron­de, co­me ha det­to Con­fa­lo­nie­ri, la tv og­gi la fan­no i con­ta­bi­li».

Ser­vo­no i sol­di. «E lo share: l’an­no scor­so era­va­mo un pun­to so­pra la me­dia del­la Re­te, ep­pu­re qual­cu­no ha scrit­to che non sia­mo sta­ti bril­lan­ti. Se avrà tem­po di sta­re in on­da, sa­rà un pro­gram­ma tut­to ro­sa. In­vi­te­rò so­lo don­ne: do­po l’in­co­ro­na- zio­ne di Trump, as­se­con­do l’on­da del fem­mi­ni­smo con­te­sta­ta­rio».

«MA­RA DO­VE­VA ES­SE­RE AL MIO FIAN­CO, MA HA DESISTITO: FOR­SE L’HO SPIAZZATA»

Un fem­mi­ni­smo che co­min­cia con Ma­ra Ve­nier opi­nio­ni­sta. «L’in­ten­zio­ne era quel­la, an­che se le avrei ri­ta­glia­to un ruo­lo più ori­gi­na­le. La Ve­nier pe­rò ha de­cli­na­to l’in­vi­to, ave­va al­tre prio­ri­tà».

Ci è ri­ma­sto ma­le? «Quan­do fai una pro­po­sta spiaz­zan­te, met­ti in con­to che l’al­tro re­sti spiaz­za­to. Ma­ra fa­rà del­le in­cur­sio­ni. Di si­cu­ro pun­te­rò sul­le don­ne del­la po­li­ti­ca».

Al­la Rag­gi co­sa chie­de­reb­be? «“Chi te l’ha fat­to fa­re?”. Il pro­ble­ma

è che ri­spon­de­reb­be Gril­lo, via blue­too­th. Vir­gi­nia mi fa te­ne­rez­za, ad­dos­so le è ca­du­to di tut­to: ci man­ca so­lo l’astro­na­ve di Star Trek ». La “sua” Ap­pen­di­no, in­ve­ce, rac­co­glie con­sen­si. «Sa com’è: non par­lan­do, si fa fa­ti­ca a sba­glia­re. A To­ri­no non so co­sa ab­bia fat­to, se non bat­ta­glie più o me­no per­se per il Sa­lo­ne del li­bro e per ta­glia­re fon­di al­la cul­tu­ra. Non si ve­de mai e, quan­do riap­pa­re, lo fa con la ma­glia del­la Ju­ve: non è il mio ti­po».

A Trump co­sa di­reb­be? Che so­no pre­oc­cu­pa­to per la sua in­co­lu­mi­tà. Tut­to il mon­do, com­pre­se le for­mi­che del Con­go e tran­ne Pu­tin, ha avu­to pro­ble­mi con lui. Spe­ria­mo che di­ven­ti più pre­si­den­te e me­no ca­pi­ta­no d’in­du­stria. An­che per­ché l’idea che un Pae­se sia co­me un’azien­da non ha da­to gran­di frut­ti».

Co­sa fa, cri­ti­ca il gran­de ca­po? «Mac­ché: so­no in mol­ti a rim­pian­ger­lo, non so­lo i co­mi­ci».

Lei lo rim­pian­ge? «Un po’ sì. Ber­lu­sco­ni non era tra­spa­ren­te, oc­cu­pa­va un suo spa­zio. Era esa­ge­ra­ta­men­te ras­si­cu­ran­te, ma a un cit­ta­di­no, che ha mil­le pre­oc­cu­pa­zio­ni, fa pia­ce­re es­ser ras­si­cu­ra­to. Ave­va con­cre­tez­za e vo­glia di fa­re. Do­ti che ho ri­tro­va­to in Ren­zi, il cui er­ro­re fa­ta­le è sta­to non ca­pi­re che chi rot­ta­ma fi­ni­sce sem­pre per es­se­re rot­ta­ma­to. È un pro­to­col­lo».

Ha mai pen­sa­to di mi­gra­re in pri­ma se­ra­ta? «An­ni fa so­no sta­to vi­ci­no ai pac­chi ( Af­fa­ri tuoi, ndr): me li pro­po­se Del

«STAN­DO ZIT­TA, NON FA ER­RO­RI. PER TO­RI­NO NON HA FAT­TO NUL­LA. ED È PU­RE JU­VEN­TI­NA!»

No­ce, de­cli­nai e pre­se­ro In­sin­na». Le de­ve fa­re un mo­nu­men­to, In­sin­na. «Non ac­cet­tai per coe­ren­za sti­li­sti­ca: fa­re un gio­co, sep­pur mol­to po­po­la­re, mi po­te­va da­re una pie­ga che in quel mo­men­to non vo­le­vo pren­de­re. Og­gi sa­rei me­no pe­ren­to­rio nel ri­fiu­to: la se­con­da se­ra­ta, co­me cer­ti ani­ma­li del­le ri­ser­ve, è in via d’estin­zio­ne». Fa­reb­be pro­gram­mi sen­za il suo co­gno­me nel ti­to­lo? «Ci so­no tra­smis­sio­ni a cui po­trei “ap­pog­giar­mi”, co­me è suc­ces­so con Stri­scia. Fa­rei Scher­zi a par­te. Quan­to al co­gno­me, non è me­ga­lo­ma­nia: è un mar­chio, una grif­fe. Co­sì il pub­bli­co sa co­sa lo aspet­ta».

Ha com­piu­to 60 an­ni e ne so­no pas­sa­ti tren­ta dal suo primo suc­ces­so ( Di­va­no in piaz­za, ndr). Di co­sa va più or­go­glio­so? «Di aver da­to al­la tv ita­lia­na gra­nel­li di in­ven­zio­ni che poi so­no sta­te ri­pro­po­ste in tut­te le sal­se. Pro­ve tec­ni­che di tra­smis­sio­ne, per ci­tar­ne una so­la, è sta­to il primo pro­gram­ma dis­sa­cran­te sul pal­lo­ne, e sul­la sua scia è ar­ri­va­to Quel­li che il cal­cio. E so­no or­go­glio­so di aver chia­ma­to En­zo Jan­nac­ci (per I Lau­rea­ti, ndr) in un pe­rio­do in cui nes­su­no lo fa­ce­va la­vo­ra­re». E al­la vo­ce rim­pian­ti? «Un po’ per sno­bi­smo, un po’ per esu­be­ran­za, un po’ per in­ge­nui­tà ho fat­to vi­ve­re mol­to po­co le mie crea­tu­re. Per di­re: un mi­nu­to do­po la fi­ne del Fe­sti­val che con­dus­si con Mi­ke Bon­gior­no e Va­le­ria Ma­ri­ni, mi chie­se­ro se vo­les­si fa­re quel­lo do­po».

E lei? «Ri­spo­si: “San­re­mo è co­me il ser­vi­zio mi­li­ta­re, si fa una vol­ta so­la”. È sta­to am­pia­men­te di­mo­stra­to che non è co­sì: o sia­mo un Pae­se di guer­ra­fon­dai o io ho sba­glia­to».

I cri­ti­ci so­sten­go­no che lei ri­pe­ta da an­ni lo stes­so co­pio­ne. «Ogni mio pro­gram­ma è l’evo­lu­zio­ne di quel­lo pre­ce­den­te. Con Mar­ket­te, in quat­tro an­ni, ho cer­ca­to di da­re un’iden­ti­tà a una Re­te, La7, che non ce l’ave­va. Cre­do di aver­ce­la fat­ta… Do­po di me so­no ar­ri­va­ti ar­ti­sti che pri­ma dif­fi­da­va­no di un ca­na­le nuo­vo di zec­ca: Croz­za, la Guz­zan­ti, la Bi­gnar­di. Quan­do c’ero io, non c’era nes­su­no. C’era An­to­nio Cam­po dall’Or­to, un ami­co che trop­po pre­sto, for­se, si è di­men­ti­ca­to del sot­to­scrit­to».

Ora è in Rai: po­treb­be chia­mar­la. «Co­no­sco be­ne Dall’Or­to e Ila­ria Dal­la­ta­na ( nuo­vo di­ret­to­re di Rai 2, ndr): nes­su­no dei due mi ha te­le­fo­na­to e ne so­no fe­li­ce. Si­gni­fi­ca che in Rai non la­vo­ra­no so­lo gli ami­ci de­gli ami­ci».

Tra lei e Fa­bio Fa­zio non cor­re buon san­gue. «Ci di­vi­do­no pic­co­le sto­rie per­so­na­li, equi­vo­ci che ri­mar­ran­no in­so­lu­ti. Non ab­bia­mo pun­ti di con­tat­to, se non la Lit­tiz­zet­to, che è un’ami­ca co­mu­ne».

La d’Ur­so, in­ve­ce, so­gna un pro­gram­ma con lei. «Mi fa pia­ce­re. Bar­ba­ra, co­me la mag­gior par­te di noi, è me­no “mostro” di co­me ap­pa­re in tv. Nel­la vi­ta pri­va­ta, non spar­ge una la­cri­ma e non fa smor­fie: bal­la e ri­de sem­pre».

Il suo ca­sel­la­rio sen­ti­men­ta­le è vuo­to da un pez­zo. «Cin­que an­ni fa ho avu­to una bam­bi­na: si chia­ma Mar­ghe­ri­ta».

Vi­ve­va a La Spe­zia con la ma­dre ( Fe­de­ri­ca La­vio­sa, ex com

pa­gna di Chiam­bret­ti, ndr), ora si tra­sfe­ri­sco­no en­tram­be qui a To­ri­no. An­che se tut­to a spe­se sue: af­fit­to pa­ga­to, 3 mi­la eu­ro di ali­men­ti... «Fa par­te dei gio­chi del­la Cor­te. Ma va be­ne co­sì, non ha prez­zo ave­re una fi­glia vi­ci­na».

Nes­su­na fi­dan­za­ta in vi­sta? «La mia fi­dan­za­ta è Mar­ghe­ri­ta. So­no un ra­gaz­zo pa­dre e re­sto con­tra­rio al­le fa­mo­se fa­mi­glie al­lar­ga­te, an­che per non con­fon­de­re mia fi­glia. A pro­po­si­to: mi au­gu­ro che nel­la sua vi­ta pas­si più tem­po die­tro che da­van­ti al­la tv».

BAR­BA­RA È ME­NO MOSTRO DI CO­ME AP­PA­RE IN TV: NEL­LA VI­TA PRI­VA­TA RI­DE E BAL­LA SEM­PRE »

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.