EDI­TO­RIA­LE di Um­ber­to Brin­da­ni

LA YOU­TU­BER NEL­LA GIU­RIA DI SAN­RE­MO, LA FA­SHION BLOG­GER DI SUC­CES­SO...

Oggi - - Sommario -

Non pen­sa­vo che mi sa­reb­be mai ca­pi­ta­to di es­se­re d’ac­cor­do con Gi­gi D’Ales­sio. Do­me­ni­ca scor­sa, an­co­ra scioc­ca­to per l’eli­mi­na­zio­ne dal Fe­sti­val di San­re­mo, il can­tan­te na­po­le­ta­no ha det­to, pa­pa­le pa­pa­le: «Non pos­so es­se­re giu­di­ca­to da una che si oc­cu­pa di truc­co. Io non va­do ai fe­sti­val di ci­ne­ma a giu­di­ca­re i film». Il ri­fe­ri­men­to, piut­to­sto tra­spa­ren­te, era per Gre­ta Men­chi, la you­tu­ber ven­tu­nen­ne che fa­ce­va par­te del­la giu­ria di qua­li­tà e che pro­ba­bil­men­te non l’avreb­be vo­ta­to nem­me­no sot­to tor­tu­ra.

Ora, a co­sto di es­se­re con­si­de­ra­to un tro­glo­di­ta di­gi­ta­le, ve­te­ro e a-so­cial (da non con­fon­der­si con aso­cia­le) vor­rei spie­ga­re per­ché il buon vec­chio Gi­gi ha ra­gio­ne. La si­gno­ri­na Men­chi è una ti­pa piut­to­sto sim­pa­ti­ca e sve­glia che ha con­qui­sta­to la sua do­se di po­po­la­ri­tà rac­con­tan­do con dei vi­deo su in­ter­net la pro­pria vi­ta quo­ti­dia­na. Che so, al Lu­na Park con Ro­vaz­zi (al­tro per­so­nag­gio in­com­pren­si­bi­le a chi ab­bia la mag­gio­re età), la die­ta, i viag­gi, i sel­fie, il par­ruc­chie­re. Ec­co, Gre­ta ha una ve­ra os­ses­sio­ne per i ca­pel­li: si met­te da­van­ti all’obiet­ti­vo e par­la per ore dei suoi ca­pel­li, più cor­ti, più lun­ghi, co­lo­ra­ti di ver­de o di az­zur­ro chia­ro, ra­sa­ti, mas­sag­gia­ti, de­co­lo­ra­ti, che fan­no o non fan­no «swaaa­sh!». Ognu­no di que­sti vi­deo-dia­ri in­far­ci­ti di in­no­cen­ti ba­na­li­tà vie­ne vi­sto da un mi­lio­ne di per­so­ne, o da 2, o da 3 mi­lio­ni. Ce n’è uno con qua­si 5 mi­lio­ni di vi­sua­liz­za­zio­ni.

Be­ne, ci sia­mo fin qui? Il pro­ble­ma è che Miss Gre­ta è sta­ta scel­ta per va­lu­ta­re co­me «esper­ta» le can­zo­ni di San­re­mo. Ma esper­ta di che? Ben pri­ma del­le ester­na­zio­ni di D’Ales­sio, la po­ve­ra you­tu­ber det­ta 3.0 (e per­ché non due pun­to ze­ro, o quat­tro? Boh) è sta­ta su­bis­sa­ta di cri­ti­che. Se il Fe­sti­val fos­se una ga­ra di par­ruc­chie­ri, an­co­ra an­co­ra. Ma qua­le com­pe­ten­za mu­si­ca­le può ave­re, po­ve­ra ra­gaz­za? In­di­gna­ta, lei ha ri­spo­sto in mo­do esau­sti­vo al Cor­rie­re del­la Se­ra, ri­ve­lan­do che: 1) è cre­sciu­ta con le can­zo­ni di Bat­ti­sti; 2) al­le me­die la mam- ma l’ha por­ta­ta a ve­de­re Bru­ce Spring­steen; 3) ama­va i Cla­sh e quin­di so­gna­va di an­da­re a Lon­dra; e 4) il pa­pà le fa­ce­va ascol­ta­re i Queen e il suo pez­zo pre­fe­ri­to era Bo­he­mian Rhap­so­dy (mi­ca piz­za e fi­chi, eh). E sul­la scor­ta di que­sta spe­cie di ma­ster ac­ce­le­ra­to in mu­si­co­lo­gia le è toc­ca­to giu­di­ca­re gen­te co­me Al Bano, Ron, Fio­rel­la Man­no­ia. E Gi­gi D’Ales­sio. Per for­za che poi ha vin­to la scim­mia di Gab­ba­ni.

Sia ben chia­ro: il pro­ble­ma non è Gre­ta Men­chi, al­la qua­le au­gu­ro ogni for­tu­na. Il pro­ble­ma è (sem­pre) un al­tro. E cioè co­me sia pos­si­bi­le che sen­za sa­per fa­re nien­te di spe­cia­le, a par­te chiac­chie­ra­re di ac­con­cia­tu­re, una per­so­na di­ven­ti una sor­ta di gu­ru per mi­lio­ni di se­gua­ci (oops, si chia­ma­no fol­lo­wer), al pun­to da es­se­re in­vi­ta­ta a di­re la sua nel più gran­de even­to na­zio­nal-po­po­la­re d’Ita­lia, boc­cian­do o pro­muo­ven­do sto­ri­ci pro­fes­sio­ni­sti del­la can­zo­ne che han­no il tri­plo dei suoi an­ni. Di que­sto pas­so, ce la ri­tro­ve­re­mo a fa­re la giu­di­ce a Ma­ste­rc­hef (ve­do già le in­ter­vi­ste: «Mia mam­ma mi fa­ce­va la pa­sta al ton­no») o ma­ga­ri, che so, a un pre­mio di gior­na­li­smo («Il pa­pà una vol­ta mi ha fat­to te­ne­re in ma­no un gior­na­le di car­ta, ma non sa­pe­vo do­ve met­te­re il mio li­ke »).

Vab­bè, si scher­za. Dai Gre­ta, non pren­der­te­la, il fu­tu­ro, e ahi­mè pu­re il pre­sen­te, è tuo. Ed è per esem­pio an­che di Chia­ra Fer­ra­gni, la fa­shion blog­ger (cioè: si oc­cu­pa di mo­da su in­ter­net) da 8 mi­lio­ni di di­sce­po­li (scu­sa­te: fol­lo­wer), fa­mo­sa an­che per vi­ve­re un’esi­sten­za vir­tua­le su In­sta­gram e din­tor­ni con il rap­per me­lo­di­co Fe­dez, e per aver mes­so all’asta un in­con­tro per un caf­fè al­la mo­di­ca ci­fra di 5.700 eu­ro (sì, c’è chi ha pa­ga­to que­sta som­ma per po­ter­la guar­da­re ne­gli oc­chi). Il pre­sen­te e il fu­tu­ro so­no di que­ste che po­trem­mo de­fi­ni­re «nul­li­tà di ta­len­to». Co­me di­ce­va Nan­ni Mo­ret­ti, gi­ra­no, fan­no co­se, ve­do­no gen­te. In pra­ti­ca, non san­no fa­re nul­la. Ma lo fan­no ma­le­det­ta­men­te be­ne. (Ok, d’ac­cor­do, de­vo am­met­ter­lo: la mia è tut­ta in­vi­dia).

Gre­ta Men­chi, 21 an­ni, ha sfon­da­to po­stan­do i suoi vi­deo- dia­ri su YouTu­be, ed è sta­ta chia­ma­ta da Car­lo Con­ti a far par­te del­la giu­ria di qua­li­tà di San­re­mo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.