Esclusivo: Al Ba­no scrive al lea­der nor­d­co­rea­no Kim Jong-un di Al­ba­no Car­ri­si

« PRE­SI­DEN­TE, PENSI AL­LE CONSEGUENZE PER ILSUO PO­PO­LO, CHEÈ UNAFORMICAA CONFRONTODI UN ELEFANTE», SCRIVE AL BA­NO AL LEA­DER NORCOREANO, CERCANDODI TOCCARGLI IL CUO­RE: «SA, IO HOCINQUE FI­GLI, ENESSUNPADRE ADESSODORME SONNITRANQUILLI»

Oggi - - Sommario - di Al­ba­no Car­ri­si Ma­rian­na Apri­le

Se gi­ri il mon­do da 50 an­ni, hai im­pa­ra­to da so­lo a co­mu­ni­ca­re in cin­que lin­gue di­ver­se col tuo pub­bli­co, ci sta che tu av­ver­ta il do­ve­re di es­se­re sin­ce­ro e tra­spa­ren­te, e di pre­sta­re la vo­ce al­le an­go­sce di chi ti ama. De­ve es­se­re sta­to que­sto dop­pio sen­so di re­spon­sa­bi­li­tà, que­sta si­len­te in­ve­sti­tu­ra po­po­la­re, ad aver fat­to av­ver­ti­re ad Al Ba­no l’esi­gen­za di scri­ve­re la let­te­ra esclu­si­va a Kim Jong-un che sta­te per leg­ge­re. «Non ne ho­mai scrit­ta una a un pre­si­den­te stra­nie­ro», ci ha det­to an­ti­ci­pan­do­ci la mis­si­va, «ma dav­ve­ro que­sta si­tua­zio­ne mi an­go­scia». Al Ba­no scrive al­lo stes­so tem­po da cit­ta­di­no del mon­do e da padre di famiglia. E rie­sce al­la sua ma­nie­ra a ri­por­ta­re l’enor­me que­stio­ne in­ter­na­zio­na­le le­ga­ta al pro­gram­ma nu­clea­re nor­d­co­rea­no al­la sem­pli­ci­tà di una do- man­da es­sen­zia­le: «Perché sce­glie­re il ma­le e non il be­ne?». Perché, po­ten­do sce­glie­re su qua­le pa­gi­na dei li­bri di sto­ria es­se­re ri­cor­da­to, Kim Jong-un de­ci­de di fi­ni­re pro­prio in quel­la te­tra de­di­ca­ta ai dit­ta­to­ri? La ri­spo­sta ha a che fa­re con quel­lo che la sto­ria da sem­pre ten­ta in­va­no di in­se­gna­re. E che, nel mo­do di­ret­to e con­ta­di­no che co­no­scia­mo, Al Ba­no pro­va­qui a ri­cor­da­re a Kim Jong-un.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.