Ilary Blasi «Totti e i ra­gaz­zi­mi chiedono il quarto figlio» di Cri­sti­na Ro­gle­di

«IN FAMIGLIA TUT­TI INSISTONO. MAI DIREMAI...», CONFESSA “LA CAPITANA”. CHE FA LA MAMMA ANCHE IN TV: «BACCHETTARE I VIP MI DIVERTE», DI­CE. MA AT­TEN­TI: DO­PO LE 23 NON SCHERZA PIÙ

Oggi - - Sommario - di Cri­sti­na Ro­gle­di - fo­to Gian­lu­ca Sa­ra­gò/LaP­res­se

Sì, è ve­ro, mi­di­ver­te trat­ta­re i concorrenti co­me se fos­se­ro i miei fi­gli, fac­cio un po’ la mae­stri­na. E se de­vo bacchettare qual­cu­no, non mi ti­ro in­die­tro». Ri­dac­chia Ilary Blasi. Giun­ta al­la se­con­da sta­gio­ne del Gran­de Fra­tel­lo Vip, si è su­bi­to gua­da­gna­ta due af­fet­tuo­si no­mi­gno­li: la “capitana” («mi pia­ce», di­ce), e “di­spen­sa­tri­ce di Bla­sta­te”, le fa­mo­se ba­sto­na­te grif­fa­te Blasi («sì, ci sta», con­fer­ma per niente in­fa­sti­di­ta). In­som­ma, l’ave­te ca­pi­to: la Blasi è tor­na­ta. E se l’an­no scor­so al ti­mo­ne del Gran­de Fra­tel­lo Vip nu­me­ro uno è sta­ta una ri­ve­la­zio­ne per spi­glia­tez­za e pa­dro­nan­za del­la sce­na, que­st’an­no sem­bra ave­re tut­ta l’in­ten­zio­ne di fa­re la do­ma­tri­ce di vip in ve­na di biz­ze e ca­pric­ci. Sua mae­stà Cri­stia­no Mal­gio­glio si la­men­ta per la pol­ve­re e l’in­son­nia? Lei ta­glia cor­to e lo spe­di­sce sen­za

INCAMPO LOCONSOLANO È il 28mag­gio scor­so e Francesco Totti, 41, dà l’ad­dio al­la Ro­ma, cir­con­da­to dal­la famiglia: da si­ni­stra, Cha­nel, 10, Ilary Blasi, 36, con in brac­cio Isa­bel, 1, e Cri­stian, 11.

com­pli­men­ti nel­la ca­sa “dei po­ve­ri”, un tre­no mez­zo di­roc­ca­to do­ve i vip sfor­tu­na­ti de­vo­no so­prav­vi­ve­re dor­men­do nel­le cuc­cet­te. Si­mo­na Iz­zo pro­te­sta con­tro l’umi­di­tà dell’am­bien­te e si la­gna del­le sue al­ler­gie? Ilary la li­qui­da ve­lo­ce: «È so­prav­vis­su­to Mal­gio­glio, ce la fa­rai anche tu!». Capitana Blasi, sa­pe­va­mo che non le man­da a di­re a nes­su­no. Ma che suc­ce­de, in que­sta edi­zio­ne del GF Vip è di­ven­ta­ta un ser­gen­te? «Ma no, bi­so­gna sdram­ma­tiz­za­re, è un gio­co e io pro­vo­co. In più non sot­to­va­lu­ta­te la dif­fi­col­tà di ge­sti­re co­sì tanti vip in di­ret­ta: i concorrenti spes­so ti spiaz­za­no, le si­tua­zio­ni si av­vi­cen­da­no e io de­vo te­ne­re le re­di­ni di qual­co­sa che è qua­si in­con­trol­la­bi­le. Non è sem­pli­ce sop­pe­sa­re le si­tua­zio­ni in un se­con­do…

Pren­de­te l’epi­so­dio di Mal­gio­glio per cui il web è in­sor­to: è ve­ro, Cri­stia­no ha par­la­to di un ar­go­men­to im­por­tan­tis­si­mo, la sua espe­rien­za con la ma­lat­tia e la pre­ven­zio­ne dei tu­mo­ri, ma si­no a un at­ti­mo pri­ma, quan­do io l’ho fer­ma­to, sta­va ri­den­do e si te­ne­va un cu­sci­no sul vi­so. Co­me po­te­vo pre­ve­de­re che avreb­be cam­bia­to re­gi­stro in mo­do re­pen­ti­no per par­la­re di un te­ma co­me il can­cro? Co­mun­que ac­cet­to cri­ti­che, polemiche… tut­to. Ci sta che si di­scu­ta e anche che si ab­bia­no opi­nio­ni di­ver­se». A pro­po­si­to di ca­rat­te­re pe­pe­ri­no: di­co­no che ver­so ver­so le 23 lei di­ven­ti piut­to­sto ir­ri­ta­bi­le. È perché di so­li­to a quell’ora dor­me già? «Io va­do a let­to pre­sto ma il pro­ble­ma ve­ro so­no i pie­di! Do­po quat­tro ore sui tacchi non ci ve­do più dal do­lo­re e non so­no sopporto più niente. Il­ma­le mi ar­ri­va qua­si al cer­vel­lo. Nell’ul­ti­ma pun­ta­ta non ave­vo il ta­vo­lo su cui se­der­mi e ho ru­ba­to la se­dia a Si­gno­ri­ni». Ha det­to che il so­pran­no­me “la capitana” non le di­spia­ce. A ca­sa Totti la “Gran­de so­rel­la” che tut­to spia e tut­to de­ci­de ades­so è lei? «Mac­ché! Cer­to, so­no una mamma e dun­que è ov­vio che ho io la si­tua­zio­ne sot­to con­trol­lo ma non spio e non

co­man­do nes­su­no. Se ser­ve es­se­re se­ve­ra con i miei tre fi­gli lo so­no, que­sto sì». Il 28 mag­gio scor­so, suo ma­ri­to ha det­to ad­dio al cal­cio con una toc­can­te ce­ri­mo­nia all’Olim­pi­co. Lei ha sfi­la­to sul cam­po ac­can­to a lui ed era l’uni­ca in tut­to lo sta­dio con gli oc­chi asciut­ti… Co­me fa? «Era una gior­na­ta straor­di­na­ria, in­cre­di­bi­le, non pos­so spie­ga­re co­sa sen­ti­vo. Ave­vo chie­sto a Francesco di fa­re quel gi­ro del­lo sta­dio da so­lo perché era il suo mo­men­to ma lui ha pre­fe­ri­to ave­re ac­can­to tut­ta la sua famiglia. E quin­di io ho de­ci­so che vo­le­vo es­se­re per lui - che era emo­zio­na­tis­si­mo, tri­ste e im­pau­ri­to, co­me ha am­mes­so pub­bli­ca­men­te - un pun­to fer­mo, una cer­tez­za. Ho pro­va­to a es­ser­gli uti­le e l’ho fat­to co­me so­no ca­pa­ce». E ci è riu­sci­ta anche do­po, a ca­sa, quan­do c’era da rior­ga­niz­za­re una vita in­te­ra? «Que­sti ragazzi han­no una car­rie­ra stre­pi­to­sa che pe­rò fi­ni­sce pre­sto. Lo san­no sin dall’ini­zio ma quan­do quel mo­men­to ar­ri­va, non so­no pre­pa­ra­ti. Francesco è con­sa­pe­vo­le di es­se­re sta­to un uo­mo mol­to for­tu­na­to ma di­re ad­dio al cal­cio, a una pas­sio­ne che per lui è sta­ta tut­to per 28 an­ni, non è fa­ci­le. Ne ab­bia­mo par­la­to tan­to. Io l’ho aiu­ta­to a ca­pi­re che nei cam­bia­men­ti ci pos­so­no es­se­re anche aspet­ti po­si­ti­vi, sta a noi ve­der­li e sa- per­li as­sa­po­ra­re. Il re­sto de­ve far­lo da so­lo. Quell’adre­na­li­na che ti sa­le den­tro quan­do hai una par­ti­ta è co­me una dro­ga na­tu­ra­le da cui di­pen­di. È com­pli­ca­to ri­nun­ciar­ci ma so­lo lui può rie­la­bo­ra­re tut­te que­ste emo­zio­ni. Noi sia­mo la sua famiglia e gli stia­mo ac­can­to. Mi sem­bra di ve­der­lo se­re­no ma è tut­to in di­ve­ni­re, ve­dre­mo». Com’è aver­lo più pre­sen­te e più vi­ci­no? Ave­te rior­ga­niz­za­to “rit­mi e tur­ni” fa­mi­lia­ri? «Stia­mo cer­can­do di ca­pi­re com’è que­sta nuova vita. Francesco ora è un di­ri­gen­te del­la Ro­ma e i rit­mi di la­vo­ro so­no si­mi­li a pri­ma. Il po­me­rig­gio è a Tri­go­ria, la do­me­ni­ca pu­re. Cer­to, non è in cam­po, è in tri­bu­na… Si­cu­ra­men­te può ge­sti­re me­glio i suoi ora­ri e ha più tem­po per sta­re in famiglia. In­fat­ti a vol­te va a pren­de­re i bim­bi e fa con lo­ro co­se che pri­ma non ave­va tem­po di or­ga­niz­za­re». Stra­no ve­de­re Totti in giac­ca e cra­vat­ta. Per noi Francesco è un uo­mo ma­gliet­ta e pan­ta­lon­ci­ni… «Mi pia­ce con la cra­vat­ta, mi pa­re che stia be­ne in ver­sio­ne ele­gan­te». Francesco ha sem­pre det­to che non avreb­be fat­to l’al­le­na­to­re e in­ve­ce da po­chi gior­ni fre­quen­ta la scuo­la per pren­de­re il pa­ten­ti­no da al­le­na­to­re. «È un cor­so che vo­le­va fa­re a pre­scin­de­re. Lui ha sem­pre det­to che non vuo­le al­le­na­re una squa­dra­ma non so co­sa ab­bia in men­te». Com’è an­da­ta la pri­ma esta­te a tem­po pie­no da­ma­ri­to e mo­glie? Pri­ma lei ave­va più di un me­se da “sin­gle” gra­zie ai ri­ti­ri. Que-

st’an­no per la pri­ma vol­ta ave­te tra­scor­so giu­gno, lu­glio e ago­sto in­sie­me. «Te­me­vo peg­gio ( e scop­pia a ri­de­re, ndr). Ci sia­mo or­ga­niz­za­ti. Lui gio­ca­va a bea­ch vol­ley e padd­le e io ave­vo le mie ami­che, i fi­gli, le so­rel­le. Ce la sia­mo ca­va­ta be­ne…». Francesco non so­lo è ro­man­ti­co, co­me ha con­fer­ma­to lei stes­sa. Le sta vi­ci­no anche sul la­vo­ro: è ve­ro che è sem­pre die­tro le quin­te del GF Vip? «Non so se ver­rà sem­pre, per ora c’è sta­to e ho sco­per­to che è un fan del pro­gram­ma perché se­gue anche la stri­scia quo­ti­dia­na. In real­tà io ho una co­mi­ti­va die­tro le quin­te del­la tra­smis­sio­ne: so­rel­le, co­gna­te, ami­che… Po­co pri­ma del­la di­ret­ta fac­cia­mo un ape­ri­ti­vo nel mio ca­me­ri­no e poi mi but­to sul pal­co. Sia­mo una gran­de famiglia al Gran­de Fra­tel­lo! ». Ha di­chia­ra­to «basta fi­gli» ma Francesco non è d’ac­cor­do. E lei stes­sa ha am­mes­so che con Isa­bel ha sco­per­to an­co­ra di più la gio­ia del­la ma­ter­ni­tà. «I miei fi­gli mi di­co­no: “Ma mamma che fai, la­sci so­la Isa­bel? Noi sia­mo cre­sciu­ti in­sie­me e lei?”. A me la pa­ro­la “basta” non pia­ce ma quat­tro fi­gli so­no un im­pe­gno che fa paura. Ve­dre­mo. Mi go­do la mia bim­ba perché con lei ho avu­to da su­bi­to tut­to un al­tro ap­proc­cio: non­mi pe­sa nul­la, ho più pa­zien­za, no­to le pic­co­le co­se, ho sem­pre vo­glia di sta­re con lei… È un’espe­rien­za bel­lis­si­ma. E poi io adoro la gra­vi­dan­za, mi pia­ce la pan­cia e non mi fac­cio pro­ble­mi di die­ta, ogni vol­ta in­gras­so 15 chi­li e me ne fre­go». Ilary, ha in­di­vi­dua­to chi è il per­so­nag­gio che po­treb­be vin­ce­re que­st’an­no? «No. Ne par­la­vo pro­prio ie­ri con i miei fi­gli che so­no fan cu­rio­sis­si­mi. Io so­no con­vin­ta che non sia­no an­co­ra ca­du­te le ma­sche­re. So­no si­cu­ra che ne ve­dre­mo del­le bel­le».

S’è vi­sto all’ad­dio: so­no una vera squa­dra

Anche sull’uti­li­ta­ria non pas­sa­no inos­ser­va­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.