Bi­so­gne­reb­be fa­re co­me in Francia do­ve han­no ne­ga­to l’ uso dei te­le­fo­nia scuo­la?

SÌ. PER­CHÉ NON TUT­TO PUÒ ES­SE­RE FAT­TO« IN MO­DA­LI­TÀ MUL­TI TA­SK IN G », SEN­ZA LA DO­VU­TA CON­CEN­TRA­ZIO­NE

Oggi - - Le Domande Di Oggi - (te­sto rac­col­to da Ali­ce Cor­ti) RI­SPON­DE Al­ber­to Pel­lai me­di­co e psi­co­te­ra­peu­ta dell’età evo­lu­ti­va autore di L’età del­lo tsu­na­mi (DeA­go­sti­ni)

Sì, per tre mo­ti­vi. Pri­mo. In que­sto mo­men­to la scuo­la è l’uni­ca agen­zia edu­ca­ti­va che rap­pre­sen­ta per mol­ti pre­a­do­le­scen­ti una zo­na fran­ca per l’uso del cel­lu­la­re. È l’uni­co luo­go in cui l’uso del cel­lu­la­re de­ve sot­to­sta­re a del­le re­go­le da­te da­gli adul­ti. Ciò è vis­su­to be­ne an­che dai ge­ni­to­ri che pro­va­no a da­re re­go­le, ma spes­so re­sta­no ina­scol­ta­ti.

Se­con­do. L’uso del­lo smart­pho­ne per at­ti­vi­tà di­dat­ti­che è con­tro­pro­du­cen­te, per­ché spes­so por­ta i ra­gaz­zi a lavorare in mo­da­li­tà mul­ti­ta­sking, pro­prio co­me suc­ce­de al po­me­rig­gio quan­do fan­no i com­pi­ti con il cel­lu­la­re a fian­co, usan­do i so­cial o guar­dan­do vi­deo suYouTu­be. Inol­tre ab­bas­sa le com­pe­ten­ze di at­ten­zio­ne e con­cen­tra­zio­ne. La scuo­la di­gi­ta­le ha già leLim(la­va­gne in­te­rat­ti­ve mul­ti­me­dia­li) ei­ta­bl et da fa­rus areai ra­gaz­zi: que­sti so­no strumenti che la­vo­ra­no in­mo­no­ta­sking, at­tra­ver­so una stra­te­gia co­gni­ti­va ca­pa­ce di es­se­re ge­sti­ta da­gli adul­ti. Ter­zo. La pre­a­do­le­scen­za è l’età più vul­ne­ra­bi­le e più fra­gi­le nei con­fron­ti dell’uso del­lo smart­pho­ne. Io non lo fa­rei usa­re fi­no al­la ter­za­me­dia: è uno stru­men­to che ha un’al­ta com­ples­si­tà di uti­liz­zo, che por­ta i ra­gaz­zi a fa­re­mol­tis­si­me co­se nel mon­do on­li­ne, una sor­ta di cor­ri­do­io sen­za li­mi­ti e ipe­rac­ces­si­bi­le su tut­ti i fron­ti, sen­za nes­su­na su­per­vi­sio­ne edu­ca­ti­va da par­te de­gli adul­ti. È co­me se ai bam­bi­ni che van­no in bi­ci­clet­ta des­si­mo un mez­zo che ha il mo­to­re di un’au­to da corsa. Sul con­ce­de­re il cel­lu­la­re ai più pic­co­li in­flui­sco­no due aspetti so­cio­cul­tu­ra­li: lo smart­pho­ne è sta­to sdo­ga­na­to trop­po pre­sto per i pic­co­lis­si­mi, in una lo­gi­ca di omo­lo­ga­zio­ne ri­spet­to a quel­lo che fan­no gli al­tri ge­ni­to­ri. In­ve­ce di far­ci la do­man­da «mio fi­glio è pron­to per usar­lo?», quel­la che più fre­quen­te­men­te ci ha por­ta­to a da­re il te­le­fo­no ai fi­gli è «ma mio fi­glio è tri­ste se non ce l’ha per­ché ri­ma­ne esclu­so dal­la vi­ta so­cial de­gli al­tri?». In­ter­ro­ga­ti­vo che pe­rò non ri­spon­de al­la do­man­da: «Ades­so che non è più tri­ste, sa­rà co­mun­que ca­pa­ce di usar­lo?».

Inol­tre noi ita­lia­ni sia­mo ge­ni­to­ri an­sio­si: gli af­fi­dia­mo il te­le­fo­no mol­to pre­sto an­che per po­ter­li rag­giun­ge­re in ogni mo­men­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.