SE I SO­CIAL SCATENANO I PEG­GIO­RI ISTIN­TI

Oggi - - Doppia Difesa -

Ca­ra Mi­chel­le, mi pia­ce se­gui­re i per­so­nag­gi fa­mo­si sui so­cial e mi ca­pi­ta spes­so an­che di leg­ge­re i com­men­ti dei fan. Mi è ca­pi­ta­to di ve­de­re che al­cu­ne Vip, tra cui la con­dut­tri­ce Di­let­ta Leot­ta, so­no pre­se di mi­ra da com­men­ti pe­san­te­men­te vol­ga­ri e del tut­to im­mo­ti­va­ti. Mi chie­do co­me sia pos­si­bi­le che de­gli uo­mi­ni dia­no sfo­go ai lo­ro peg­gio­ri istin­ti in que­sto mo­do e se non ci sia il mo­do di bloc­ca­re que­sti “stu­pra­to­ri vir­tua­li”. Mi­che­la, Mi­la­no

Ca­ra Mi­che­la,

in­ter­net è uno stru­men­to po­ten­tis­si­mo: può es­se­re me­ra­vi­glio­so e può es­se­re ter­ri­bi­le, sot­to mol­te­pli­ci aspetti; tut­to di­pen­de, co­me sem­pre, dall’uso che se ne fa: dun­que dall’in­tel­li­gen­za e dal­la sen­si­bi­li­tà (dall’umanità, mi ver­reb­be da di­re) di chi lo uti­liz­za. L’estre­ma sem­pli­ci­tà di ac­ces­so per­met­te a tut­ti di fa­re ri­cer­che, di comunicare, di espri­me­re le pro­prie opi­nio­ni: que­sto, in sé e per sé, sa­reb­be bel­lis­si­mo, il pro­ble­ma è che pro­prio que­sta estre­ma sem­pli­ci­tà fa sì che cer­te per­so­ne da­van­ti a un com­pu­ter (o a un te­le­fo­ni­no) si sen­ta­no in di­rit­to di scri­ve­re la pri­ma co­sa che gli pas­sa per la te­sta. E il fat­to di po­ter­la scri­ve­re sen­za espor­si di­ret­ta­men­te, ma­ga­ri an­che man­te­nen­do l’ano­ni­ma­to, sca­te­na dav­ve­ro - co­me di­ci tu - i peg­gio­ri istin­ti: insultare o ag­gre­di­re è dav­ve­ro mol­to fa­ci­le quan­do per far­lo ba­sta pre­me­re dei ta­sti e clic­ca­re “in­via” stan­do tran­quil­la­men­te in ca­sa pro­pria! Al­lo stes­so mo­do, con al­tret­tan­ta su­per­fi­cia­li­tà e cru­del­tà, è fa­ci­lis­si­mo dif­fon­de­re fo­to­gra­fie im­ba­raz­zan­ti, sve­la­re se­gre­ti pic­co­li e gran­di, in­si­nua­re, ca­lun­nia­re e chi più ne ha più ne met­ta. Na­tu­ral­men­te, per difendersi esi­ste la po­li­zia po­sta­le ed esi­sto­no gli av­vo­ca­ti: si può ot­te­ne­re giu­sti­zia, le fra­si e/o le im­ma­gi­ni of­fen­si­ve pos­so­no es­se­re ritirate, ma il ma­le ri­ce­vu­to non può es­se­re an­nul­la­to; e in al­cu­ni ca­si (pen­so per esem­pio al­le vit­ti­me più fra­gi­li, ov­ve­ro ai ra­gaz­zi) le con­se­guen­ze pos­so­no es­se­re dram­ma­ti­che, se non ad­di­rit­tu­ra tra­gi­che. Po­sta­re te­sti o fo­to­gra­fie sui so­cial net­work rap­pre­sen­ta sem­pre, in un cer­to sen­so, un ri

schio: bi­so­gna es­ser­ne con­sa­pe­vo­li e bi­so­gna sta­re at­ten­ti; d’al­tro can­to, tut­ti (chi posta con­te­nu­ti e chi li com­men­ta) do­vreb­be­ro at­te­ner­si a del­le nor­me ele­men­ta­ri di ri­spet­to e di buon gu­sto nel rap­por­tar­si agli al­tri. Le per­so­ne fa­mo­se in ge­ne­re han­no le spal­le più lar­ghe nel sop­por­ta­re com­men­ti sgra­de­vo­li, se non al­tro per­ché so­no abi­tua­te a es­se­re “espo­ste”, ma que­sto non è un buon mo­ti­vo per in­sul­tar­le per il lo­roa­spet­too­per il lo­ro­sti­le di vi­ta. A vol­te suc­ce­de per­si­no, pen­sa un po’, che qual­cu­no sia con­te­sta­to per non aver scrit­to qual­co­sa sui so­cial net­work!

INSULTARE E AG­GRE­DI­RE È FA­CI­LE QUAN­DO PER FAR­LO BA­STA PRE­ME­RE DEI TA­STI STAN­DO ACASA PRO­PRIA

PER­SE­GUI­TA­TA DA VOL­GA­RI­TÀ So­pra, Di­let­ta Leot­ta, 26, in una foto da lei pub­bli­ca­ta su In­sta­gra­me­pre­sa di­mi­ra da vol­ga­ri al­lu­sio­ni ses­sua­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.