HUN­ZI­KER E BON­GIOR­NO

CON UNA DE­NUN­CIA, HA IM­PE­DI­TO CHE LA FI­GLIA DI 10 AN­NI FOS­SE CO­STRET­TA AL­LE NOZ­ZE

Oggi - - Sommario - Giu­lia Bon­gior­no

Ho let­to che una bim­ba del Ban­gla­de­sh di so­li die­ci an­ni, che vi­ve a Mi­la­no, sta­va per es­se­re co­stret­ta dal pa­dre a tor­na­re nel lo­ro Pae­se per spo­sa­re un uo­mo! Mia fi­glia ha la stes­sa età: mi si è stret­to il cuo­re pen­san­do al­la pau­ra e al do­lo­re di que­sta pic­co­la, ma c’è una par­te di me che si ri­fiu­ta di cre­de­re che dav­ve­ro al gior­no d’og­gi pos­sa­no an­co­ra suc­ce­de­re cer­te co­se.

Ca­te­ri­na

In­ve­ce pur­trop­po suc­ce­do­no, an­che se vo­glia­mo cre­de­re che suc­ce­de­ran­no sem­pre me­no. Nel­lo spe­ci­fi­co, pe­rò, c’è una bel­la no­ti­zia: la mam­ma del­la bam­bi­na ha tro­va­to il co­rag­gio di ri­bel­lar­si e ha sal­va­to, ol­tre al­la pic­co­la, an­che se stes­sa. Se­con­do quan­to è sta­to rac­con­ta­to, Ma­li­j­ka, qua­ran­tun an­ni, vi­ve­va in una cit­ta­di­na del Ban­gla­de­sh as­sie­me ai ge­ni­to­ri, due fra­tel­li e una so­rel­la; cir­ca die­ci an­ni fa si era spo­sa­ta con l’uo­mo che le era sta­to im­po­sto dal­la fa­mi­glia, nel ri­spet­to del­le “re­go­le” lo­ca­li. Il ma­ri­to l’ha mes­sa in­cin­ta e, un pa­io­di me­si do­po le noz­ze, l’ha la­scia­ta per tra­sfe­rir­si in Ita­lia; è ri­ma­sto a lavorare nel no­stro Pae­se per no­ve an­ni, du­ran­te i qua­li non ha mai ri­vi­sto mo­glie e fi­glia, do­po­di­ché è tor­na­to in pa­tria per “ri­pren­der­se­le”. Era la fi­ne del 2016: da al­lo­ra, Ma­li­j­ka e la bam­bi­na so­no sta­te pra­ti­ca­men­te se­gre­ga­te in ca­sa, sen­za poter fre­quen­ta­re nes­su­no, nem­me­no i vi­ci­ni. La bam­bi­na non è mai an­da­ta a scuo­la, ma è sta­ta av­via­ta al­la let­tu­ra del Co­ra­no. Do­po­di­ché, il pa­dre pa­dro­ne ha de­ci­so di ri­por­tar­la in Ban­gla­de­sh per dar­la in spo­sa all’uo­mo (ven­ti­due an­ni) da lui scel­to. Pos­sia­mo so­lo im­ma­gi­na­re la di­spe­ra­zio­ne diMa­li­j­ka, che al­la fi­ne - non sa­pen­do co­me fa­re per sal­va­re la fi­glia, e quan­do era­no già sta­ti ac­qui­sta­ti i bi­gliet­ti ae­rei - ha strap­pa­to il pas­sa­por­to. Il ma­ri­to non si è da­to per vin­to: si sa­reb­be su­bi­to re­ca­to in que­stu­ra per de­nun­cia­re lo

smar­ri­men­to del pas­sa­por­to e poi al con­so­la­to del Ban­gla­de­sh per ot­te­ner­ne un du­pli­ca­to. Ma­li­j­ka pe­rò nel frat­tem­po ave­va tro­va­to il co­rag­gio di de­nun­ciar­lo per mal­trat­ta­men­ti in fa­mi­glia; in se­gui­to al­la de­nun­cia, la bam­bi­na – ascol­ta­ta in au­di­zio­ne pro­tet­ta – avreb­be con­fer­ma­toal giu­di­ce­di aver sen­ti­to i ge­ni­to­ri di­scu­te­re del suo ma­tri­mo­nio “da fa­re a tut­ti i co­sti”. È in cor­so un pro­ces­so, ma in­tan­to­ma­dree­fi­glia­so­no­sta­te­pre­se in ca­ri­co dai ser­vi­zi so­cia­li e ospi­ta­te pres­so una ca­sa d’ac­co­glien­za. Que­sta sto­ria, co­me mol­te al­tre, fa emer­ge­re stri­den­ti con­tra­sti fra cul­tu­re dif­fe­ren­ti che non è fa­ci­le in­te­gra­re, ben­ché sia­no in gioco di­rit­ti uma­ni fon­da­men­ta­li co­me quel­lo all’au­to­de­ter­mi­na­zio­ne fem­mi­ni

le. Per al­tri ver­si rap­pre­sen­ta pe­rò un’ec­ce­zio­ne: Ma­li­j­ka è riu­sci­ta ad ac­qui­si­re una nuo­va con­sa­pe­vo­lez­za di sé e si è re­sa con­to che cer­te im­po­si­zio­ni non pos­so­no e non de­vo­no es­se­re tol­le­ra­te, che bi­so­gna op­por­si e de­nun­cia­re, an­che per evi­ta­re la tra­smis­sio­ne in­ter­ge­ne­ra­zio­na­le del­le vio­len­ze. Ame pia­ce pen­sa­re che ab­bia tro­va­to la for­za di rea­gi­re pro­prio per ri­spar­mia­re al­la bam­bi­na quel­lo che lei stes­sa ave­va su­bì­to, e dun­que è co­me se ma­dre e fi­glia si fos­se­ro aiu­ta­te a vi­cen­da per con­qui­sta­re la li­ber­tà cui han­no di­rit­to.

IN BAN­GLA­DE­SH AC­CA­DE Il ma­tri­mo­nio tra un uo­mo di 32 an­ni e una ra­gaz­za di 15 an­ni, in Ban­gla­de­sh. La dif­fe­ren­za d’età è no­te­vo­le, ma c’è di peg­gio: il 29% del­le ra­gaz­ze in quel Pae­se si spo­sa­no pri­ma dei 15 an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.