«Per le fo­to in­ti­me ser­ve il con­sen­so »

Oggi - - Salvineide - Ma­rian­na Apri­le

Ma­met­te­re in gi­ro – ma­ga­ri do­po es­ser­si la­scia­ti - fo­to o vi­deo pri­va­ti rea­liz­za­ti in un mo­men­to di in­ti­mi­tà di cop­pia, è le­ci­to? La do­man­da non è di quel­le che ci fac­cia­mo noi, os­ser­va­to­ri ma­li­zio­si del­le al­trui vi­te sen­ti­men­ta­li. Na­sce piut­to­sto dal di­la­ga­re di un fe­no­me­no che nei ca­si più gra­vi de­ge­ne­ra nel re­ven­ge porn, ov­ve­ro nel ven­di­car­si del­la per­so­na che si è ama­ta e con cui non si sta più fa­cen­do cir­co­la­re im­ma­gi­ni in­ti­me, ov­via­men­te più espli­ci­te di quel­le pub­bli­ca­te dal­la Isoar­di. «Le fo­to pri­va­te, ovun­que sia­no sta­te rea­liz­za­te, con il con­sen­so di tut­ti i sog­get­ti ef­fi­gia­ti, pos­so­no es­se­re di­vul­ga­te, so­lo se co­sto­ro so­no d’ac­cor­do», spie­ga l’av­vo­ca­to Ca­te­ri­na Ma­la­ven­da. In ca­so con­tra­rio? «Se si pub­bli­ca­no sen­za quel con­sen­so, si com­met­te una gra­ve vio­la­zio­ne del­la pri­va­cy». A quel pun­to, la per­so­na espo­sta “a sua in­sa­pu­ta” ha da­van­ti due stra­de: «Può sem­pli­ce­men­te co­mu­ni­ca­re a chi ha pub­bli­ca­to l’im­ma­gi­ne il pro­prio dis­sen­so, chie­de­re la ri­mo­zio­ne del­la fo­to e dif­fi­dar­lo da ul­te­rio­ri pub­bli­ca­zio­ni, o può chie­de­re l’in­ter­ven­to del Ga­ran­te per la Pri­va­cy ( www.ga­ran­te­pri­va­cy.

it), che può di­spor­re la ri­mo­zio­ne del­la fo­to dai so­cial in cui è sta­ta pub­bli­ca­ta e da si­ti e gior­na­li che l’han­no even­tual­men­te ri­pre­sa e dif­fu­sa. Po­trà poi chie­de­re an­che il ri­sar­ci­men­to di even­tua­li dan­ni», con­ti­nua Ma­la­ven­da. Il fat­to che nel ca­so del­la fo­to pub­bli­ca­ta dal­la con­dut­tri­ce del­la Pro­va del Cuo­co sia ri­trat­to un ex com­pa­gno che è an­che mi­ni­stro dell’In­ter­no peg­gio­ra le co­se? «No, il ruo­lo in sé non co­sti­tui­sce un’ag­gra­van­te», con­clu­de Ma­la­ven­da.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.