L’eter­no psi­co­dram­ma del­la

Oggi - - Colpi Di Testa - Ma­rian­na Apri­le

Ave­re a che fa­re con le suo­ce­re non è mai sem­pli­ce, non fos­se al­tro che per il pre­giu­di­zio che da sem­pre grava su di lo­ro. Ma se vi sem­bra di fa­re i sal­ti mor­ta­li per man­te­ne­re la pa­ce con le vo­stre suo­ce­re, pro­va­te a pen­sa­re se in quell’equi­li­brio spes­so pre­ca­rio ci fos­se­ro di mez­zo an­che gior­na­li e fo­to­gra­fi, in­ter­vi­ste e frec­cia­ti­ne in tv. Per ca­pi­re di co­sa par­lia­mo, ba­ste­rà ri­cor­da­re la vi­cen­da tra l’av­vo­ca­to di­vor­zi­sta dei vip An­na­ma­ria Ber­nar­di­ni De Pa­ce e Raoul Bo­va, per an­ni ma­ri­to di sua fi­glia Chia­ra Gior­da­no. Quan­do il ma­tri­mo­nio fi­nì, tra la Ber­nar­di­ni De Pa­ce e Bo­va, ini­ziò una guer­ra che eb­be co­me cam­pi di bat­ta­glia i gior­na­li e le au­le di

tri­bu­na­le. Ora le co­se sem­bra­no ap­pia­na­te, ma al di là del­le re­spon­sa­bi­li­tà ve­re o pre­sun­te dei due con­ten­den­ti, quel cla­mo­re sul­le ten­sio­ni tra suocera e ge­ne­ro sem­bra­va­no con­fer­ma­re l’an­ti­co pre­giu­di­zio e inau­gu­rar­ne uno nuo­vo, sul­le suo­ce­re

di­vor­zi­ste. Ci so­no poi sta­te le ten­sio­ni tra Ma­ra Ve­nier e Si­mo­na Ven­tu­ra (“suocera” e “nuo­ra” per in­ter­po­sti Ni­co­la

«IL MIO NO­ME È UN BUON TRAI­NO PUB­BLI­CI­TA­RIO. IL MIO EX GE­NE­RO RAOUL BO­VA LO USI PU­RE »

e Ge­rò Car­ra­ro) ina­spri­te dal­la vi­si­bi­li­tà so­cial di en­tram­be. Ma per amo­re di cro­na­ca dob­bia­mo qui re­gi­stra­re che non sem­pre le co­se van­no co­sì ma­le. Tra Tomaso Trus­sar­di, ma­ri­to di Mi­chel­le Hunziker, e la di lei­mam­ma Ine­ke so­no ro­se e fio­ri, per esem­pio. Co­me tra Fe­dez e Ma­ri­na di Guar­do, mam­ma di sua mo­glie, Chia­ra Fer­ra­gni.

«Per tut­ti “suocera” è qua­si una brut­ta pa­ro­la, si­no­ni­mo di rom­pi­sca­to­le im­pic­cio­na. Ma non so­no tut­te ugua­li»,

di­ceDiGuar­do. E lei, che suocera è? «Mi fac­cio i ca­vo­li miei, per­ché in­ter­fe­ri­re con la vi­ta de­gli al­tri è un er­ro­re. È ve­ro che i fi­gli so­no no­stri, ma mi­ca per sem­pre...

Con le mie, ho ini­zia­to a far­mi da par­te già quan­do da ado­le­scen­ti re­cla­ma­va­no in­di­pen­den­za

». Spez­zo una lan­cia: a vol­te, le suo­ce­re si im­pic­cia­no an­che per evi­ta­re al­la cop­pia di sba­glia­re... «Sba­glia­re è ne­ces­sa­rio, in­ve­ce. Tut­ti com­met­tia­mo er­ro­ri ed è giu­sto co­sì. Cer­to, poi può ca­pi­ta­re che - su quel­lo che ri­guar­da il no­stro Leon­ci­no - mi sfug­ga un “io, per esem­pio quan­do era­va­te pic­co­le fa­ce­vo co­sì...”, ma è so­lo un pa­re­re», giu­ra.

«IN­TER­FE­RI­RE NEL­LA VI­TA DI CHIA­RA EFEDEZ? MAI. AL MAS­SI­MO DO UN MIO PA­RE­RE »

An­na­ma­ria Ber­nar­di­ni De Pa­ce, 70. A de­stra, la fi­glia Chia­ra Gior­da­no, 45, con l’ex ma­ri­to Raoul Bo­va, 47.

Ma­ri­na Di Guar­do, 57. A si­ni­stra, la fi­glia Chia­ra Fer­ra­gni, 31, col ma­ri­to Fe­dez, 29.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.