ME­GHAN FEM­MI­NI­STA? NONÈUN CON­TRO­SEN­SO

Oggi - - Doppia Difesa - Mi­chel­le Hunziker

Ca­ra Mi­chel­le, Me­ghan Mar­kle con­ti­nua a er­ger­si a pa­la­di­na del fem­mi­ni­smo (ha pu­re ap­pe­na fat­to un di­scor­so fem­mi­ni­sta in Nuo­va Ze­lan­da, mol­to ap­plau­di­to). A me sem­bra as­sur­do! È di­ven­ta­ta po­po­la­re esclu­si­va­men­te per­ché ha spo­sa­to un prin­ci­pe (chi­nan­do il ca­po, ol­tre­tut­to, da­van­ti all’ob­bli­go di ri­nun­cia­re al suo la­vo­ro) e per­ché ve­ste da ric­co­na. For­se, per par­la­re di cer­te co­se, ser­vi­reb­be an­che un po’ di “so­stan­za”... Tu co­sa ne pen­si?

Gi­ne­vra

Ca­ra Gi­ne­vra,

ogni tan­to le vi­te dei royals ri­schia­no di ave­re unim­pat­to­po­si­ti­vo sul­la so­cie­tà e sul co­stu­me­del no­stro tem­po!

Pen­sa per esem­pio a Eu­ge­nie, la fi­glia del du­ca di York: al­le noz­ze, per di­mo­stra­re che non dob­bia­mo aver pau­ra di far­ci ve­de­re fra­gi­li e im­per­fet­te, ha in­dos­sa­to un abi­to sen­za ve­lo e scol­la­to sul­la nu­ca che met­te­va in evi­den­za la lun­ga ci­ca­tri­ce di un in­ter­ven­to­chi­rur­gi­co­su­bì­to a 12an­ni;

il ri­ce­vi­men­to era ri­go­ro­sa­men­te pla­stic-free, per ri­spet­ta­re l’am­bien­te; gli spo­si non han­no vo­lu­to re­ga­li­ma han­no chie­sto agli in­vi­ta­ti di do­na­re al­le nu­me­ro­se fon­da­zio­ni di cui so­no pa­tro­ci­na­to­ri (non so­lo sal­va­guar­dia e tu­te­la dell’am­bien­te, maan­che lot­ta con­tro la schia­vi­tù, tu­te­la dei di­rit­ti del­le don­ne, so­ste­gno ai ve­te­ra­ni di guer­ra, ai bam­bi­ni di stra­da, al­le Ar­ti). Scel­te che ri­ve­la­no sen­si­bi­li­tà e at­ten­zio­ne con­cre­ta per il pros­si­mo e per il mon­do in cui vi­via­mo. Ve­nen­do a Me­ghan Mar­kle, a qual­cu­no è sim­pa­ti­ca, ad al­tri­me­no. Pre­mes­so che l’im­por­tan­te è che piac­cia al prin­ci­pe Har­ry, ri­ma­ne il fat­to che il suo in­gres­so a cor­te ha­de­sta­to scal­po­re e por­ta­to una ven­ta­ta di no­vi­tà: non so­lo per­ché è afroa­me­ri­ca­na e pro­vie­ne da una fa­mi­glia sui ge­ne­ris, ma an­che per­ché - pur man­te­nen­do un at­teg­gia­men­to ri­spet­to­so nei con­fron­ti del­la fa­mi­glia del­la qua­le è en­tra­ta far par­te - si è re­sa pro­ta­go­ni­sta di pic­co­le in­fra­zio­ni al pro­to­col­lo del­la ca­sa re­gnan­te.

È buf­fo, ma a vol­te un ve­sti­to più cor­to o un at­teg­gia­men­to più in­for­ma­le e ri­las­sa­to an­che nel­le oc­ca­sio­ni uf­fi­cia­li si ri­ve­la­no nel tem­po più ef­fi­ca­ci di una pre­sa di po­si­zio­ne fron­ta­le.

Cre­do quin­di che Me­ghan fac­cia be­ne a “usa­re” la sua no­to­rie­tà e il suo for­tis­si­mo im­pat­to­me­dia­ti­co per por­ta­re l’at­ten­zio­ne su te­mi im­por­tan­ti: qual­cu­no for­se po­trà far­lo me­glio di lei (an­che se im­ma­gi­no che i di­scor­si dei mem­bri del­la fa­mi­glia rea­le sia­no pre­pa­ra­ti con la mas­si­ma cu­ra da uno staf­f­mol­to com­pe­ten­te e non sia­no im­prov­vi­sa­zio­ni per­so­na­li), ma lei cer­ca­di con­tri­bui­re co­me­può. E se è ve­ro che ha ri­nun­cia­to al suo la­vo­ro (qua­le amo­re non com­por­ta del­le ri­nun­ce?), ha di­mo­stra­to pe­rò di non aver an­nul­la­to la sua per­so­na­li­tà: que­sto – al di là dei di­scor­si pub­bli­ci – mi sem­bra un esem­pio­mol­to po­si­ti­vo per le gio­va­ni don­ne di tut­to il mon­do.

LA MAR­KLE HA LA­SCIA­TO IL LA­VO­RO PER HAR­RY, MA NON HA RI­NUN­CIA­TO AL­LA SUA PER­SO­NA­LI­TÀ

SPARGE E RAC­CO­GLIE SOR­RI­SI Me­ghan Mar­kle, 37, strin­ge ma­ni, sparge e rac­co­glie sor­ri­si du­ran­te il viag­gio trion­fa­le in Nuo­va Ze­lan­da. Il pri­mo da in­cin­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.