Non ci so­no più i me­stie­ri si­cu­ri da spo­sa­re. Che fi­ne ha fat­to il buon par­ti­to

No­tai sot­to i 2 mi­la eu­ro al me­se. Av­vo­ca­ti co­stret­ti a di­vi­de­re l’uf­fi­cio con al­tri col­le­ghi. Pi­lo­ti pa­ga­ti a cot­ti­mo. E poi ban­ca­ri tra­vol­ti dal­la cri­si di si­ste­ma e gior­na­li­sti ri­dot­ti a scri­ve­re per po­chi spic­cio­li. Co­sì i pro­ta­go­ni­sti del boom eco­nom

Panorama - - EDITORIALE -

N ean­che 2 mi­la eu­ro al me­se, più o me­no co­me una com­mes­sa esper­ta dei gran­di ma­gaz­zi­ni. Ci cre­dia­te o no, è quan­to gua­da­gna og­gi l’11 per cen­to dei no­tai. E l’im­po­ve­ri­men­to della ca­te­go­ria che fi­no a ie­ri do­mi­na­va la clas­si­fi­ca del­le pro­fes­sio­ni più ric­che e ago­gna­te è so­lo l’ul­ti­mo e de­fi­ni­ti­vo se­gna­le di una inar­re­sta­bi­le ri­vo­lu­zio­ne so­cia­le. I li­be­ri pro­fes­sio­ni­sti di una vol­ta, i de­ten­to­ri di in­di­scus­so sta­tus ri­ve­ri­ti a col­pi di «dot­to­re» dai par­cheg­gia­to­ri cui la­scia­va­no le chia­vi del­le su­per­car e mol­to cor­teg­gia­ti da chi pun­ta­va a un buon par­ti­to ga­ran­te di agia­tez­za ma­tri­mo­nia­le, si stan­no estin­guen­do. Ine­so­ra­bil­men­te.

Quel che re­sta di no­tai, av­vo­ca­ti, ar­chi­tet­ti ades­so bi­so­gna met­ter­lo in un’al­tra ca­sel­la, quel­la dei li­be­ri pro­fes­sio­ni­sti ex pri­vi­le­gia­ti, in com­pa­gnia di una buo­na fet­ta di di­pen­den­ti una vol­ta mol­to in al­to nel­la sca­la so­cia­le, co­me pi­lo­ti, gior­na­li­sti, ban­ca­ri... Ora sce­si, lo­ro mal­gra­do, mol­ti gra­di­ni sot­to gli star­tup­per che se la ti­ra­no da no­vel­li Marc Zuc­ker­berg.

«Buon par­ti­to il no­ta­io? Una vol­ta..» chia­ri­sce Giam­pao­lo Mar­coz, con­si­glie­re na­zio­na­le del No­ta­ria­to. «Ora non è più co­sì per­ché la cri­si del mer­ca­to im­mo­bi­lia­re ha ri­dot­to le tran­sa­zio­ni e quel­la del si­ste­ma ban­ca­rio ha ta­glia­to gli at­ti re­la­ti­vi ai mu­tui», con­ti­nua, spie­gan­do che no­no­stan­te gli ul­ti­mi stu­di di set­to­re del mi­ni­ste­ro dell’Eco­no­mia (re­la­ti­vi al 2015) col­lo­chi­no i no­tai in te­sta al­la clas­si­fi­ca dei pro­fes­sio­ni­sti con 217 mi­la eu­ro di red­di­to lor­do me­dio, la real­tà è ben di­ver­sa. La sta­ti­sti­ca sa­reb­be in­gan­ne­vo­le, fal­sa­ta da una mi­ni­ma per­cen­tua­le che gua­da­gna più del dop­pio: il 70 per cen­to della ca­te­go­ria avreb­be in­ve­ce un red­di­to me­dio net­to di 5 mi­la eu­ro al me­se e l’11 per cen­to non ar­ri­ve­reb­be, ap­pun­to, a 2 mi­la. Tan­to che il nu­me­ro dei pra­ti­can­ti si è dra­sti­ca­men­te ri­dot­to. An­ni di stu­dio mat­to e di­spe­ra­tis­si­mo non con­ver­reb­be­ro più di fron­te al­la pro­spet­ti­va di un fu­tu­ro che non ga­ran­ti­sce i lus­si di un tem­po a tut­ta la fa­mi­glia. Le ci­fre, in ef­fet­ti so­no im­pres­sio­nan­ti: qua­si 6 mi­lio­ni di at­ti nel 2007 pra­ti­ca­men­te di­mez­za­ti nel 2015, com­pra­ven­di­te sce­se dal­le 809 mi­la del 2008 al­le 589 mi­la nel 2016. «La cri­si della fi­lie­ra sta col­pen­do anche le strut­tu­re dei no­stri stu­di, una vo­ce di spe­sa im­por­tan­te: in que­sto sen­so sia­mo più pe­na­liz­za­ti de­gli av­vo­ca­ti. Lo­ro non han­no bi­so­gno di strut­tu­re pe­san­ti co­me le no­stre».

Non che gli stu­di più «leg­ge­ri» ed eco­no­mi­ci sal­vi­no la ca­te­go­ria che fre­quen­ta i tri­bu­na­li. Anche qui buo­ni par­ti­ti estin­ti e so­sti­tui­ti «da una ca­te­go­ria di nuovi po­ve­rac­ci», co­me chia­ri­sce scher­zan­do, ma nean­che trop­po, An­drea Pe­ru­gi­ni, av­vo­ca­to ci­vi­li­sta ro­ma­no, 42 an­ni, mo­glie con la­vo­ro part ti­me, due fi­gli. Il red­di­to me­dio fo­to­gra­fa­to da­gli stu­di di set­to­re è 49 mi­la eu­ro, in leg­ge­ra ri­sa­li­ta ri­spet­to ai 37.500 dell’an­no pre­ce­den­te. Sem­pre po­co ri­spet­to agli an­ni del­le vac­che gras­se. E i pro­ta­go­ni­sti fan­no buon vi­so a cat­ti­vo gio­co. Pe­ru­gi­ni, che rim­pian­ge «di non aver fat­to il mec­ca­ni­co, il fa­le­gna­me o un al­tro me­stie­re spen­di­bi­le all’este­ro», la­vo­ra in pro­prio, ma di­vi­de le spe­se dell’af­fit­to del­lo stu­dio con un col­le­ga. Nien­te se­gre­ta­ria, «non po­trei per­met­ter­mi di spen­de­re ogni me­se mil­le eu­ro, me la sbri­go da so­lo con il cel­lu­la­re». Anche lo­ro so­no vit­ti­me di so­vraf­fol­la­men­to e re­la­ti­va con­cor­ren­za (so­no ol­tre 230 mi­la), della fi­lie­ra in­cep­pa­ta, dell’au­men­to dei co­sti fis­si per in­car­di­na­re una cau­sa che ri­du­ce, gio­co­for­za i lo­ro ono­ra­ri.

E vo­glia­mo parlare de­gli ar­chi­tet­ti, fi­no a qual­che an­no fa con­si­de­ra­ti crea­ti­vi fi­ghi e ab­bon­dan­te­men­te sol­vi­bi­li e og­gi al­le prese con gua­da­gni ri­dot­ti di un ter­zo tra il 2008 e il 2013? Prima di ri­sa­li­re ti­mi­da­men­te ai 21.200 eu­ro di red­di­to me­dio fo­to­gra­fa­to dall’ul­ti­mo stu­dio di set­to­re han­no toc­ca­to il fon­do nel 2014, an­nus hor­ri­bi­lis della ca­te­go­ria con red­di­ti sot­to i 17 mi­la eu­ro, se­con­do l’Os­ser­va­to­rio del Con­si­glio na­zio­na­le de­gli ar­chi­tet­ti. Tant’è che al mo­men­to di sce­glie­re l’uni­ver­si­tà, i di­plo­ma­ti si ten­go­no al­la lar­ga dal­la fa­col­tà che una vol­ta li at­ti­ra­va co­me mo­sche. Tra i 150 mi­la ar­chi­tet­ti col­pi­ti dal­la cri­si di sol­di e sta­tus c’è il ro­ma­no Ro­ber­to Se­ri­ni che, rac­con­ta, og­gi in­cas­sa in set­te me­si quel­lo che prima gua­da­gna­va in un me­se ed è co­stret­to a di­vi­de­re l’af­fit­to del­lo stu­dio con tre col­le­ghi: «E pen­sa­re che ero sta­to spin­to a que­sta pro­fes­sio­ne da mio pa­dre, di­ret­to­re di ban­ca, che ne­gli an­ni Ot­tan­ta ave­va co­me clien­ti tan­ti ar­chi­tet­ti che si pre­sen­ta­va­no in Por­sche. Io gi­ro con una Smart e la sto pu­re pa­gan­do a ra­te».

BAN­CA­RI «Io do­po 25 an­ni di la­vo­ro gua­da­gno 2.200 eu­ro al me­se»

Il pro­ble­ma og­gi, ol­tre al­la cri­si del mer­ca­to im­mo­bi­lia­re e al «fai da te» sul web, con si­ti che in­vi­ta­no a in­via­re le pla­ni­me­trie del­le ca­se per con­su­len­ze da po­che decine di eu­ro è pu­re un al­tro: «Non c’è più un rap­por­to di pro­get­tua­li­tà tra il clien­te e noi, ma so­lo de­gli epi­so­di: ti chia­ma­no per but­ta­re giù un tra­mez­zo quan­do vo­glio­no in­gran­di­re una stan­za, per ri­strut­tu­ra­re un ba­gno». So­lo la­vo­ret­ti... «Non ci so­no sol­di, è ve­ro, ma è ve­ro anche che non ci con­si­de­ra­no più indispensabili».

Le an­ti­che, so­li­de pro­fes­sio­ni e i re­la­ti­vi buo­ni par­ti­ti pro­ta­go­ni­sti so­no ago­niz­zan­ti in­som­ma e, se­con­do Edoar­do Nar­duz­zi, che con Mas­si­mo Gag­gi ha scrit­to La fi­ne del ce­to me­dio (Ei­nau­di) i suoi kil­ler fa­cil­men­te iden­ti­fi­ca­bi­li: «Ne­gli ul­ti­mi 30 an­ni tre tendenze han­no mi­na­to me­stie­ri so­li­di» ana­liz­za. «Le nuo­ve tec­no­lo­gie che stan­no ren­den­do su­per­fluo il fat­to­re uma­no, la sco­la­riz­za­zio­ne cre­scen­te che ha pro­vo­ca­to un over­boo­king di pro­fes­sio­ni­sti e le li­be­ra­liz­za­zio­ni che han­no crea­to la con­cor­ren­za low co­st». Un qua­dro che, ap­pe­san­ti­to dal­la cri­si, ha re­so tut­ti più po­ve­ri. C’è po­co da fa­re, se non cam­bia­re aria e me­stie­re.

Tra i tre kil­ler del buon par­ti­to, il web, poi è dop­pia­men­te spie­ta­to: da una par­te c’è la con­cor­ren­za dei col­le­ghi che si sven­do­no su Grou­pon (esca­mo­ta­ge de­gli av­vo­ca­ti al qua­le ha da­to il via li­be­ra il Tar, di­chia­ran­do «an­ti­con­cor­ren­zia­le» il ve­to del Con­si­glio na­zio­na­le fo­ren­se) dall’al­tra ci so­no i clien­ti che pun­ta­no al «fai da te»: «Ab­bia­mo per­so clien­ti» spie­ga l’av­vo­ca­to Ste­fa­no De Pier­ri, 48 an­ni, «per­ché la gen­te va a stu­diar­si le nor­me con­do­mi­nia­li o gli ar­ti­co­li del co­di­ce su In­ter­net. Or­mai ci ri­ten­go­no de­gli in­ter­me­dia­ri inu­ti­li, non pen­san­do che le leg­gi le de­vi col­le­ga­re, de­vi co­no­sce­re le sen­ten­ze...».

Val­lo a di­re ai pi­lo­ti di ae­reo una vol­ta de­ten­to­ri di un fa­sci­no della di­vi­sa su­pe­rio­re a quel­lo di me­di­ci, di con­trat­ti (in Ali­ta­lia) che si ag­gi­ra­va­no su­gli 8 mi­la eu­ro e di pull­mi­ni con au­ti­sta che, in no­me della si­cu­rez­za, li an­da­va­no a pre­le­va­re a ca­sa, con gran­de am­mi­ra­zio­ne e ri­spet­to dei vi­ci­ni. Og­gi ol­tre a gui­da­re la lo­ro au­to fi­no all’ae­ro­por­to de­vo­no ve­der­se­la con la cri­si Ali­ta­lia e re­la­ti­va pro­ce­du­ra di cas­sa in­te­gra­zio­ne. O con le re­go­le d’in­gag­gio di tan­te com­pa­gnie low co­st che in no­me della fles­si­bi­li­tà uti­liz­za­no con­trat­ti a ze­ro ore (che non ga­ran­ti­sco­no un mi­ni­mo di ore la­vo­ra­ti­ve, si la­vo­ra cioè a cot­ti­mo), e ai pi­lo­ti fan­no pa­ga­re di ta­sca pro­pria anche il cor­so di for­ma­zio­ne. Ma non è so­lo que­sto. «La cri­si di Ali­ta­lia, do­vu­ta non cer­to al co­sto del

NO­TAI il 70 per cen­to avreb­be un red­di­to me­dio net­to di 5 mi­la eu­ro al me­se AV­VO­CA­TI Il red­di­to me­dio lor­do della ca­te­go­ria è 49 mi­la eu­ro all’an­no PRO­FES­SIO­NI­STI i lo­ro in­troi­ti so­no sce­si del 20 per cen­to, con una me­dia di 33.954 eu­ro lor­di all’an­no AR­CHI­TET­TI Gua­da­gni al lu­mi­ci­no 21 mi­la eu­ro lor­di all’an­no PI­LO­TI og­gi so­no vi­sti co­me au­ti­sti po­co ri­spet­ta­ti che co­me sti­pen­dio net­to d’in­gres­so de­vo­no ac­con­ten­tar­si di 1.500 eu­ro al me­se

la­vo­ro ma a gran­di er­ro­ri ma­na­ge­ria­li, ha fat­to per­de­re au­to­re­vo­lez­za al­la no­stra ca­te­go­ria», spie­ga un ex pi­lo­ta che pre­fe­ri­sce re­sta­re ano­ni­mo: «Ades­so i pas­seg­ge­ri ci con­si­de­ra­no dei sem­pli­ci au­ti­sti». Che co­me sa­la­rio d’in­gres­so de­vo­no ac­con­ten­tar­si di 1.500 eu­ro, ci­fra che li espel­le, sen­za pie­tà, dal­la cer­chia dei buo­ni par­ti­ti.

Ma chi ri­ma­ne, quin­di? Il gior­na­li­sta, una vol­ta con­si­de­ra­to un po­ten­te il cui in­gres­so in fa­mi­glia ne avreb­be fat­to sa­li­re le azio­ni so­cia­li, ora è tutt’al­tro che cor­teg­gia­to: i for­tu­na­ti che han­no un con­trat­to (uno su cin­que) de­vo­no ve­der­se­la con sta­ti di cri­si e ri­strut­tu­ra­zio­ni, i free­lan­ce se la pas­sa­no ma­lis­si­mo, pa­ga­ti anche due o tre eu­ro ad ar­ti­co­lo dai si­ti. Tant’è che tra lo­ro, l’80 per cen­to di­chia­ra me­no di 10 mi­la eu­ro di red­di­to an­nuo.

E i de­ten­to­ri del po­sto fis­so in ban­ca, una vol­ta in­vi­dia­ta cer­tez­za di tan­te fa­mi­glie? Per ca­ri­tà. La ca­te­go­ria ora è mar­chia­ta dai crac, dal sal­va­tag­gio di Sta­to del­le ban­che ve­ne­te e da ci­fre che par­la­no di 12 mi­la po­sti per­si dal 2012 al 2015. Il se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le della Fa­bi Lan­do Ma­ria Si­leo­ni in­si­ste nel di­fen­de­re la re­pu­ta­zio­ne so­cia­le dei ban­ca­ri («è una cri­si oc­cu­pa­zio­na­le, non di iden­ti­tà») ma la mu­si­ca che suo­na tra gli spor­tel­li è di­ver­sa. «Buon par­ti­to? Lo era­no i ban­ca­ri di una ge­ne­ra­zio­ne fa, quel­li che po­te­va­no con­ta­re su 16 men­si­li­tà e pre­mi va­ri. Io do­po 25 an­ni gua­da­gno 2.200 eu­ro al me­se. Da qua­dro», rac­con­ta un ban­ca­rio Bnl. Un po­sto fis­so che ha per­so ap­peal ma che è pur sem­pre più so­li­do della si­tua­zio­ne dei li­be­ri pro­fes­sio­ni­sti, i cui red­di­ti tra il 2008 e il 2015, se­con­do l’Adepp (As­so­cia­zio­ne de­gli en­ti pre­vi­den­zia­li pri­va­ti), so­no sce­si del 20 per cen­to, con una me­dia di 33.954 eu­ro lor­di.

E al­lo­ra? A me­no di non riu­sci­re a cam­bia­re in fret­ta me­stie­re, di fron­te a ta­li tra­col­li e a tan­ti scos­so­ni ai te­no­ri di vi­ta fa­mi­lia­ri la psi­co­te­ra­peu­ta Um­ber­ta Tel­fe­ner, esper­ta di pro­ble­ma­ti­che della cop­pia in­vi­ta a cam­bia­re pro­spet­ti­va: «Una vol­ta il buon par­ti­to era quel­lo che da­va si­cu­rez­za e ruo­lo so­cia­le» chia­ri­sce «Ora è tut­to cam­bia­to: al­la vo­la­ti­li­tà di sen­ti­men­ti e re­la­zio­ni si as­so­cia quel­la della pro­fes­sio­ni e spo­sa­re un buon par­ti­to si­gni­fi­ca so­prat­tut­to le­gar­si a qual­cu­no do­ta­to di ta­len­to e a cui pia­ce il suo la­vo­ro, qua­lun­que es­so sia. E a cui pia­ce anche quel­lo della sua part­ner che non non ha più vo­glia, co­me un tem­po, di fin­ge­re di va­le­re me­no di lui». Ad­dio ai so­li­di con­ti in ban­ca, in­som­ma, e pu­re all’ar­gen­te­ria del­le li­ste di nozze. «Le cop­pie mo­der­ne non han­no più bi­so­gno di po­sa­te d’ar­gen­to, per­ché viag­gia­no leg­ge­ri». In tut­ti i sen­si.

LA PSI­CO­TE­RA­PEU­TA «Una vol­ta il buon par­ti­to era quel­lo che da­va si­cu­rez­za e ruo­lo so­cia­le. Ora me­glio le­gar­si a qual­cu­no do­ta­to di ta­len­to»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.