Bossetti, le cin­que do­man­de chia­ve

I tan­ti dub­bi sul Dna. Esper­ti in po­ten­zia­le con­flit­to di in­te­res­si. Ta­bu­la­ti te­le­fo­ni­ci che non cor­ri­spon­do­no. E an­co­ra, com­pli­ci mai cer­ca­ti e fi­gli il­le­git­ti­mi mi­ste­rio­si. L’omi­ci­dio Gam­bi­ra­sio si av­via al­la sentenza di se­con­do gra­do, ma i no­di sul­la c

Panorama - - EDITORIALE - di Gio­van­ni Ter­zi

Ci si av­via ver­so la sentenza di se­con­do gra­do del pro­ces­so a Mas­si­mo Bossetti per l’omi­ci­dio della pic­co­la Ya­ra Gam­bi­ra­sio. Ol­tre al­la fa­mi­glia della ra­gaz­zi­na ber­ga­ma­sca scom­par­sa il 26 no­vem­bre del 2010 e tro­va­ta uc­ci­sa tre me­si do­po, tut­ti si aspet­ta­no di co­no­sce­re la ve­ri­tà sull’ef­fe­ra­to de­lit­to. Una ve­ri­tà che, in tan­ti an­ni d’in­da­gi­ne, sem­bra ave­re pre­so una pie­ga ap­pa­ren­te­men­te ine­qui­vo­ca­bi­le aven­do iden­ti­fi­ca­to in Mas­si­mo Bossetti l’uni­co col­pe­vo­le della mor­te di Ya­ra. In real­tà qual­che dub­bio al­me­no chi scri­ve l’ha sem­pre avu­to par­ten­do dal prin­ci­pio, san­ci­to dall’ar­ti­co­lo 533 del co­di­ce di pro­ce­du­ra pe­na­le pri­mo com­ma, se­con­do il qua­le «il giu­di­ce pro­nun­cia sentenza di con­dan­na se l’im­pu­ta­to ri­sul­ta col­pe­vo­le del rea­to con­te­sta­to­gli al di là di ogni ra­gio­ne­vo­le dub­bio».

Al­me­no cin­que so­no i que­si­ti che han­no bi­so­gno di una ri­spo­sta cer­ta, ine­qui­vo­ca­bi­le e au­ten­ti­ca per fu­ga­re ogni so­spet­to e con­dan­na­re il col­pe­vo­le «ol­tre ogni ra­gio­ne­vo­le dub­bio». E il pri­mo ri­guar­da la fa­mo­sa pro­va «re­gi­na» del Dna.

Per­ché sa­pen­do l’importanza del Dna tro­va­to e ri­fe­ri­bi­le a Igno­to 1, gli in­ve­sti­ga­to­ri non han­no te­nu­to da par­te una quo­ta del grez­zo di quel­la pro­va per in­ca­stra­re con cer­tez­za as­so­lu­ta il col­pe­vo­le con­sen­ten­do co­sì al­la di­fe­sa di fa­re una con­tro pe­ri­zia?

Pro­va­te a im­ma­gi­na­re che sul cor­po di una per­so­na, a voi sco­no­sciu­ta, ven­ga tro­va­to del vo­stro Dna e che nes­su­no vi ren­da pos­si­bi­le fa­re una con­tro­pe­ri­zia per ca­pi­re se que­sto sia ef­fet­ti­va­men­te il vo­stro pro­fi­lo ge­ne­ti­co. Esi­ste il di­rit­to per chiun­que di po­ter­si di­fen­de­re con le me­de­si­me ar­mi della pub­bli­ca ac­cu­sa. A og­gi que­sta pos­si­bi­li­tà non è sta­ta con­ces­sa al­la di­fe­sa e cre­do sia una gran­de cre­pa nel­le in­da­gi­ni.

Una se­con­da do­man­da ri­guar­da an­co­ra il me­to­do, la for­ma del­le in­da­gi­ni. Può es­se­re con­sen­ti­to che chi ha re­dat­to

la pe­ri­zia dei Ris, il co­lon­nel­lo Giam­pie­tro La­go, di­ven­ti anche con­su­len­te della Pro­cu­ra nel­lo stes­so pro­ce­di­men­to?

Ab­bia­mo gi­ra­to que­ste due do­man­de a Fer­di­nan­do Im­po­si­ma­to, ma­gi­stra­to e pre­si­den­te eme­ri­to della Cas­sa­zio­ne. Per lui «il Pub­bli­co mi­ni­ste­ro nel no­stro or­di­na­men­to, a dif­fe­ren­za de­gli Sta­ti Uni­ti, è or­ga­no di giu­sti­zia e non di ac­cu­sa, co­me emer­ge dall’ar­ti­co­lo 358 del co­di­ce di pro­ce­du­ra pe­na­le per cui de­ve cer­ca­re prove non so­lo con­tro ma anche a fa­vo­re dell’in­da­ga­to, anche se igno­to». Per esem­pio, de­ve chie­der­si se il Dna sia sta­to la­scia­to dall’au­to­re del de­lit­to o da chi ave­va in­te­res­se a crea­re prove con­tro un in­no­cen­te (ca­lun­nia gra­ve).

Ed è ve­ro che si può no­mi­na­re o av­va­ler­si di un con­su­len­te, ma que­sto de­ve es­se­re im­par­zia­le e non de­ve es­se­re chi ha già espres­so un giu­di­zio per­ché, fer­ma re­stan­do la bra­vu­ra e la gran­de com­pe­ten­za dei Ris, è uma­no che si pos­sa es­se­re por­ta­ti a di­fen­de­re il pro­prio pre­ce­den­te giu­di­zio. A par­te ciò, quan­do si è in pre­sen­za di un ac­cer­ta­men­to ir­ri­pe­ti­bi­le prima della di­stru­zio­ne dell’uni­co re­per­to di Dna di­spo­ni­bi­le la leg­ge pre­ve­de che il Pm chie­da al Gip di no­mi­na­re un pe­ri­to o col­le­gio di pe­ri­ti, per ac­qui­si­re una pro­va le­ga­le pie­na che so­lo il giu­di­ce può ac­qui­si­re. L’ar­ti­co­lo 111 della Co­sti­tu­zio­ne «la pro­va si for­ma nel con­trad­dit­to­rio tra le par­ti da­van­ti ad un giu­di­ce ter­zo e im­par­zia­le» e se de­ve es­se­re ter­zo e im­par­zia­le il giu­di­ce co­sì lo de­ve es­se­re anche il pe­ri­to da lui no­mi­na­to o il con­su­len­te no­mi­na­to dal Pm.

Ma se que­ste due pri­me do­man­de ri­guar­da­no principi giu­ri­di­ci, al­tre tre si so­no im­po­ste leg­gen­do le car­te pro­ces­sua­li e anche la sentenza di pri­mo gra­do do­ve è ri­co­no­sciu­to che il fur­go­ne bian­co tan­to ci­ta­to è «com­pa­ti­bi­le» ma non «ugua­le» a quel­lo del mu­ra­to­re ber­ga­ma­sco.

Co­sì co­me si sco­pre che, sem­pre da sentenza di pri­mo gra­do a pa­gi­na 111, in me­ri­to al­le uten­ze te­le­fo­ni­che, il te­le­fo­ni­no di Ya­ra «ag­gan­cia­va, co­me ul­ti­ma vol­ta, la cel­la di Brem­ba­te So­pra via Rug­ge­ri set­to­re 3» (com­pa­ti­bi­le con la pa­le­stra do­ve è scom­par­sa) e

quel­lo di Bossetti a pa­gi­na 113 della stes­sa sentenza ag­gan­cia­va, sem­pre co­me ul­ti­ma vol­ta, al­le 17,45 la cel­la di Ma­pel­lo set­to­re 3 (com­pa­ti­bi­le con la sua abi­ta­zio­ne). Ma la stes­sa sentenza di­chia­ra «in so­stan­za sia la vit­ti­ma che l’im­pu­ta­to han­no co­me ul­ti­mo ag­gan­cio la cel­la di Ma­pel­lo seb­be­ne a un’ora di di­stan­za».

Da qui la ter­za do­man­da: com’è pos­si­bi­le che la stes­sa sentenza par­li, a due pa­gi­ne di di­stan­za, di una «com­pa­ti­bi­li­tà» dei ta­bu­la­ti te­le­fo­ni­ci sep­pur que­sti non cor­ri­spon­da­no per nien­te?

La quar­ta do­man­da ri­guar­da an­co­ra il Dna. La pe­ri­zia dei Ris da­ta­ta 6 dicembre 2012 evi­den­zia da una par­te il pro­fi­lo ge­ne­ti­co di Igno­to 1 e di quel­lo dell’in­se­gnan­te di gin­na­sti­ca Sil­via Bre­na, dall’al­tra al­tri 11 profili ge­ne­ti­ci mai ugua­li a quel­li di Bossetti.

Per qua­le mo­ti­vo non si è cer­ca­to di in­da­ga­re sull’ap­par­te­nen­za de­gli al­tri profili ge­ne­ti­ci? L’omi­ci­da non po­te­va ave­re con sé qual­che complice?

Que­sta do­man­da è anche le­ga­ta al­la Le mail tra un esper­to di im­mu­noe­ma­to­lo­gia fo­ren­se e il pro­cu­ra­to­re Le­ti­zia Rug­ge­ri do­ve già nel 2012 si par­la di «fi­gli il­le­git­ti­mi», quin­di an­cor prima che sul te­ma si espri­mes­se­ro i Ris. dif­fi­col­tà che, a og­gi, si è fat­ta nel ri­co­strui­re la dinamica dell’ac­ca­du­to. In­fat­ti, ap­pa­re stra­no che Ya­ra, una ra­gaz­zi­na di 13 an­ni dol­ce e che an­co­ra gio­ca­va con Hel­lo Kit­ty, si pos­sa es­se­re av­vi­ci­na­ta al fur­go­ne dell’im­pu­ta­to, a lei sco­no­sciu­to, per ac­cet­ta­re un pas­sag­gio. Co­sì co­me ap­pa­re im­pos­si­bi­le che nes­su­no si sia ac­cor­to che una per­so­na, in mez­zo a una stra­da, stes­se ra­pen­do una ra­gaz­zi­na.

Que­sta se­con­da pos­si­bi­li­tà la stes­sa Pro­cu­ra non è mai sem­bra­ta mol­to in­cli­ne ad ac­cet­tar­la, non aven­do mai con­te­sta­to all’im­pu­ta­to il se­que­stro di per­so­na.

Va te­nu­to anche con­to che tra le 18 e le 20 di quel 26 no­vem­bre 2010 nel­la zo­na della pa­le­stra di Brem­ba­te so­no tran­si­ta­te ben 118 mi­la di­ver­se uten­ze te­le­fo­ni­che, quin­di al­tret­tan­te persone (e nes­su­na di que­ste cor­ri­spon­den­ti a Bossetti) e nep­pu­re una ha no­ta­to qual­co­sa.

La pre­sen­za quin­di di un pos­si­bi­le complice che quan­to­me­no co­no­sces­se la ra­gaz­zi­na ap­pa­re un’ipo­te­si da per­cor­re­re per cer­ca­re di ren­de­re an­co­ra più cre­di­bi­le l’in­da­gi­ne della pro­cu­ra. Tra­scu­ra­re gli 11 re­per­ti di Dna ri­te­nen­do­li, a prio­ri, non in­te­res­san­ti ap­pa­re biz­zar­ro con­si­de­ran­do che que­sti si ri­fe­ri­sco­no a pe­li, san­gue cu­te e, for­se, su­do­re o vo­mi­to.

Esi­ste poi una quin­ta e ul­ti­ma do­man­da che ri­guar­da la pe­ri­zia dei Ris con­se­gna­ta al­la pro­cu­ra di Ber­ga­mo il 6 dicembre 2012. In que­sta pe­ri­zia det­ta­glia­ta - lun­ga qua­si 300 pa­gi­ne - si ri­co­strui­sco­no scien­ti­fi­ca­men­te tut­ti i re­per­ti re­cu­pe­ra­ti sul cor­po della po­ve­ra Ya­ra Gam­bi­ra­sio. Al ter­mi­ne di que­sta pe­ri­zia si in­di­vi­dua in Igno­to 1 il pro­fi­lo ge­ne­ti­co più si­gni­fi­ca­ti­vo tro­va­to sul cor­po della vit­ti­ma. Ma Igno­to 1 in que­sta stes­sa pe­ri­zia dei Ris non era an­co­ra sta­to in­di­vi­dua­to in Bossetti, ar­re­sta­to sol­tan­to nel giu­gno del 2014, né tan­to­me­no si evin­ce dal­la pe­ri­zia che sia ri­fe­ri­bi­le a un fan­to­ma­ti­co fi­glio il­le­git­ti­mo.

E al­lo­ra per­ché già a lu­glio del 2012 il pro­cu­ra­to­re Le­ti­zia Rug­ge­ri par­la­va con la stampa di­cen­do che si sta­va bat­ten­do la pi­sta di un fi­glio il­le­git­ti­mo?

E an­co­ra co­me po­te­va es­se­re presente nel­la pe­ri­zia dei Ris una mail ( ri­pro­dot­ta sot­to nel­la pa­gi­na, ndr), giun­ta pro­prio il 6 dicembre 2012 al­le 17,52 al pro­cu­ra­to­re Rug­ge­ri, in cui un dot­to­re esper­to in im­mu­noe­ma­to­lo­gia fo­ren­se scri­ve: «Gen­ti­le d dot­to­res­sa Rug­ge­ri do­po l’in­te­res­san­te col­lo lo­quio di mar­te­dì do­ve le ho for­ni­to i da­ti s sui fi­gli il­le­git­ti­mi del no­stro ar­chi­vio ho p pen­sa­to che po­treb­be­ro es­ser­vi uti­li anche i da­ti re­la­ti­vi al­la ti­piz­za­zio­ne del Dna che a ab­bia­mo rac­col­to nel no­stro ar­chi­vio a par­ti ti­re dal 2005...».

Quin­di an­cor prima che i Ris si esprim mes­se­ro su Igno­to 1 e sul fat­to che que­sto a ap­par­te­nes­se a un fi­glio il­le­git­ti­mo, la Proc cu­ra già sa­pe­va e cer­ca­va ne­gli ar­chi­vi?

Que­sti cin­que que­si­ti ap­par­ten­go­no a al­la vo­lon­tà di fa­re estre­ma chia­rez­za per e evi­ta­re, co­me spes­so ac­ca­de pur­trop­po in It Ita­lia, che in­da­gi­ni e pro­ces­si lun­ghis­si­mi e co­sto­sis­si­mi non tro­vi­no in una sentenza c chia­ra lo sboc­co più na­tu­ra­le per­ché, è be­ne r ri­cor­dar­lo, in que­sto pro­ces­so c’è sol­tan­to u una vit­ti­ma, Ya­ra Gam­bi­ra­sio, che aspet­ta d da cin­que an­ni il col­pe­vo­le e non un col­pev vo­le.

Dop­pio ruo­lo Nel­la pa­gi­na ac­can­to, una fo­to esclu­si­va di Giu­sep­pe Gua­ri­no­ni,Gu pa­dre bio bio­lo­gi­co di Ma Mas­si­mo Bossetti ( so­pra).so Qui a la­to, la rri­pro­du­zio­ne di uun do­cu­men­to dei Ris e di uno del­la­del Pro­cu­ra di Ber­ga­moBer sul ca­so­cas Ya­ra fir­ma­ti dal co­lon­nel­lo Gia Giam­pie­tro La­go. Il co co­man­dan­te dei Ris Ris, in­fat­ti, è sta­to anc anche con­su­len­te del della Pro­cu­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.