STO­RIA

Progress - - | Obiettivi Sul Mondo | -

“Una fo­to­gra­fia non è né cat­tu­ra­ta né pre­sa con la for­za. Es­sa si of­fre. È la fo­to che ti cat­tu­ra”

(H.C. Bres­son)

La sto­ria si tra­man­da gra­zie al­le im­ma­gi­ni, istan­ta­nee che col­go­no un mo­men­to ed im­mor­ta­la­no quell’at­ti­mo de­sti­na­to a ri­ma­ne­re im­pres­so nel­la car­ta e nel­la me­mo­ria. Quel­la re­cen­te e tut­ti i suoi mo­men­ti più si­gni­fi­ca­ti­vi so­no sta­ti col­ti da un oc­chio mec­ca­ni­co pri­ma che uma­no, ma so­no co­mun­que frut­to di un istin­to e di un gu­sto che po­co ha a che ve­de­re con la tec­no­lo­gia. In quel click c’è la no­stra sto­ria e la no­stra ca­pa­ci­tà di leg­ger­la e in­ter­pre­tar­la. E da più di un se­co­lo que­sta ca­pa­ci­tà è in­di­scu­ti­bil­men­te le­ga­ta ad un mar­chio che ha fat­to la sto­ria e al­lo stes­so tem­po si è fat­to sto­ria. Cam­bia la ma­no, cam­bia­no i luo­ghi e cam­bia­no i sog­get­ti ma è lo stes­so fil rou­ge a col­le­ga­re le im­ma­gi­ni più rap­pre­sen­ta­ti­ve del­la con­tem­po­ra­nei­tà. La ca­me­ra le ren­de co­per­ti­ne e sim­bo­li di un’era. Lei­ca è que­sto ma è an­che di più, e quel plus si può am­mi­ra­re da vicino in una mo­stra par­ti­ta nel 2015 e che fi­nal­men­te sa­rà pro­ta­go­ni­sta an­che in Ita­lia. Ne­gli spa­zi del Com­ples­so del Vit­to­ria­no di Ro­ma, in­fat­ti, dal 16 no­vem­bre al 18 feb­bra­io ver­ran­no espo­ste le più im­por­tan­ti fo­to­gra­fie scat­ta­te con la mac­chi­net­ta di ori­gi­ne tedesca. “I Gran­di Mae­stri. 100 an­ni di fo­to­gra­fia Lei­ca”: non po­te­va che es­ser partito da Ber­li­no, or­mai 3 an­ni fa, que­sto tour che ha por­ta­to e con­ti­nua a por­ta­re in gi­ro per il mon­do i mo­men­ti più si­gni­fi­ca­ti­vi del­la sto­ria dell’uo­mo ne­gli ul­ti­mi 100 an­ni. Ecco al­lo­ra che mol­te di quel­le im­ma­gi­ni che ab­bia­mo vi­sto so­la­men­te sui li­bri ven­go­no rac­col­te in un’uni­ca mo­stra che fa tap­pa per ol­tre 3 me­si nel no­stro Pae­se.

Tut­ti gli aman­ti del­la fo­to­gra­fia e del­la sto­ria, bi­no­mio che nel cor­so dei de­cen­ni si è fat­to in­dis­so­lu­bi­le, pos­so­no am­mi­ra­re gli scat­ti più fa­mo­si de­gli au­to­ri più pre­sti­gio­si de­gli ul­ti­mi de­cen­ni. Da Hen­ri Car­tier-Bres­son a Gian­ni Be­ren­go Gar­din, da Wil­liam Klein a Ro­bert Frank, pas­san­do per Ro­bert Ca­pa, El­liott Er­witt e mol­ti al­tri: ol­tre 350 ope­re ori­gi­na­li che al Vit­to­ria­no ri­per­cor­ro­no i mo­men­ti più si­gni­fi­ca­ti­vi del­la no­stra epo­ca. Do­cu­men­ti ori­gi­na­li, li­bri, ri­vi­ste e mac­chi­net­te che ri­co­strui­sco­no l’iti­ne­ra­rio sto­ri­co e ar­ti­sti­co del­la Lei­ca e di ri­fles­so an­che quel­lo dell’uo­mo con­tem­po­ra­neo: tut­to per ren­de­re omag­gio al­le mac­chi­ne fo­to­gra­fi­che e a tut­ti gli ar­ti­sti che han­no uti­liz­za­to la Lei­ca da­gli an­ni ven­ti ai gior­ni d’og­gi.

Il di­sa­stro del di­ri­gi­bi­le Hin­den­burg, i rus­si a Ber­li­no e Ja­mes Dean che ru­ba il cuo­re del­le don­ne. Lei­ca era sem­pre pre­sen­te nei mo­men­ti im­por­tan­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.