“PE­TER PAN È UN LAVATIVO E I SO­CIAL PAS­SE­RAN­NO DI MO­DA”

Progress - - | Ritratti Musicali | -

Ca­pa­rez­za a tut­to ton­do rac­con­ta la ge­ne­si di “Pri­so­ner 709”, il suo di­sco più sof­fer­to e ma­tu­ro

Co­me lo sce­neg­gia­to­re ame­ri­ca­no Ch­ri­sto­pher Vo­gler in­se­gna, il viag­gio dell’Eroe ver­so la sua pie­na rea­liz­za­zio­ne con­si­ste in un cam­mi­no piut­to­sto ar­ti­co­la­to che si di­pa­na at­tra­ver­so una se­rie di tappe più o me­no dif­fi­ci­li, che lo for­gia­no, lo cam­bia­no, lo aiu­ta­no a di­ven­ta­re mi­glio­re e for­te in vi­sta del rag­giun­gi­men­to di un obiet­ti­vo più al­to. Il pri­mo pas­so di que­sto per­cor­so coin­ci­de la mag­gior par­te del­le vol­te con un even­to trau­ma­ti­co, che spin­ge l’eroe a usci­re fuo­ri dal­la sof­fi­ce co­mo­di­tà del­la sua zo­na com­fort. “Pri­so­ner 709”, l’ul­ti­mo di­sco di Ca­pa­rez­za, al se­co­lo Mi­che­le Sal­ve­mi­ni da Mol­fet­ta, clas­se 1973, sem­bra in qual­che mo­do ri­cal­ca­re lo sche­ma di Vo­gler, poi­ché il No­stro ha ini­zia­to il suo ul­ti­mo in­ten­so viag­gio crea­ti­vo pro­prio a par­ti­re da un di­sa­gio che lo ha col­pi­to nel 2015, su­bi­to do­po il suc­ces­so ri­scos­so con l’al­bum “Mu­sei­ca”. Un fi­schio co­stan­te nel­le orec­chie, l’acu­fe­ne, di­stur­bo in­cu­ra­bi­le e fa­sti­dio­so, lo ha co­stret­to a met­te­re in di­scus­sio­ne la sua car­rie­ra di mu­si­ci­sta, spin­gen­do­lo a sca­va­re den­tro se stes­so per ar­ri­va­re ad un la­vo­ro più den­so, com­ples­so e in­ti­mo ri­spet­to ai pre­ce­den­ti. Un viag­gio in 16 tappe, 16 trac­ce registrate tra Mol­fet­ta e Los An­ge­les con la col­la­bo­ra­zio­ne di Ch­ris Lord-Al­ge, che rac­con­ta­no l’evo­lu­zio­ne di un per­so­nag­gio abi­tua­to a gio­ca­re abil­men­te con le pa­ro­le e in gra­do di co­mu­ni­ca­re con chi lo ascol­ta ad un li­vel­lo mai su­per­fi­cia­le o scon­ta­to. “Pri­so­ner 709” è il ri­sul­ta­to di un per­cor­so di au­toa­na­li­si pro­fon­do e pre­ci­so, che af­fron­ta pas­sag­gi fon­da­men­ta­li nel tuo viag­gio di uo­mo e ar­ti­sta, co­me il di­sa­gio do­vu­to all’acu­fe­ne e il rag­giun­gi­men­to dell’età adul­ta: in qual­che mo­do hai ad­di­rit­tu­ra su­pe­ra­to il ge­ne­re rap, que­sto può es­se­re con­si­de­ra­to il tuo di­sco del­la ma­tu­ri­tà?

Io in real­tà ten­do sem­pre ad an­da­re pro­prio ol­tre il ge­ne­re mu­si­ca­le, nel sen­so che mi pia­ce mi­schia­re tut­to. Per quan­to ri­guar­da in­ve­ce il mio per­cor­so di vi­ta, cer­ta­men­te sa­reb­be un pro­ble­ma se non stes­si fa­cen­do qual­co­sa di ve­ro­si­mi­le con l’età che ho. Ave­re 43 an­ni ma man­te­ne­re la for­ma men­tis di una per­so­na di 20 per quan­to mi ri­guar­da si­gni­fi­ca che qual­co­sa non va. In­fat­ti, lo am­met­to, io cer­co di de­mi­tiz­za­re la fi­gu­ra di Pe­ter Pan: Pe­ter Pan è pro­prio un lavativo, una fi­gu­ra ne­ga­ti­va nel­le fia­be, uno che non si as­su­me mai re­spon­sa­bi­li­tà! A par­te gli scher­zi, l’acu­fe­ne mi ha mes­so da­van­ti a un mu­ro, fac­cia a fac­cia con tut­te le mie pau­re: pen­sa­vo che avrei fi­ni­to i miei gior­ni a fa­re mu­si­ca in ma­nie­ra spen­sie­ra­ta e in­ve­ce no, la spen­sie­ra­tez­za ora pos­so con­ce­der­me­la fi­no ad un cer­to pun­to. Que­sta co­sa è coin­ci­sa con la mia cre­sci­ta, an­che se di­ven­ta­re ma­tu­ri al­la mia età può es­se­re con­si­de­ra­to ad­di­rit­tu­ra tar­di­vo, so­prat­tut­to se con­si­de­ria­mo gli stan­dard di 20 o 30 an­ni fa, quan­do si im­pa­ra­va a di­ven­ta­re adul­ti mol­to pri­ma. Que­sti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.