SOUND STO­RE

Progress - - Vivere Il Business - by Ric­car­do Ca­vrio­li

WILD NOTION

by “NIGHT FLO­WERS”

(Dir­ty Bin­go - 2018)

Li ab­bia­mo vi­sti cre­sce­re, i Night Flo­wers, li ab­bia­mo vi­sti af­fi­na­re, via via, un song­w­ri­ting che par­ti­va da una ba­se mol­to vi­ci­na ai Pains Of Being Pu­re At Heart per ar­ri­va­re, ora, a una ma­tu­ri­tà im­pres­sio­nan­te. “Wild Notion”, il loro esor­dio, è una sum­ma di perle, di gen­ti­lez­ze ro­man­ti­che e ma­lin­co­ni­che che la­scia­no quel gu­sto agro­dol­ce in boc­ca, men­tre le lacrime si me­sco­la­no con i sor­ri­si. Ab­bia­mo sem­pre lo­da­to la vo­ce di So­phia Pet­tit, cer­to, ma co­me non esal­ta­re il la­vo­ro ma­gi­stra­le or­che­stra­to da Ch­ris Har­dy e Greg Ul­lyart, che si su­pe­ra­no nel crea­re su­bli­ma­zio­ni chi­tar­ri­sti­che iper me­lo­di­che: da re­sta­re sen­za fia­to, per­ché trop­pa pu­rez­za è in­so­ste­ni­bi­le. “San­d­ca­stles” apre le dan­ze in mo­do su­bli­me, la chia­ve d’ac­ces­so per il pa­ra­di­so e poi ecco “Night Ali­ve” con l’at­tac­co trion­fa­le e coin­vol­gen­te e le me­lo­die che scor­ro­no fluen­ti e ma­gi­stra­li. Que­sto è il mar­chio dei Night Flo­wers, che bril­la a di­stan­za di chi­lo­me­tri. Vi sono mo­men­ti più so­gnan­ti e ca­rez­ze­vo­li, co­sì co­me le­zio­ni av­vin­cen­ti di gui­tar-pop da man­da­re a me­mo­ria (“Hey Lo­ve”) e poi c’è la dop­piet­ta “Un­wound” / “Fi­reworks” che ci ri­por­ta a ca­rez­ze qua­si di ca­sa Sa­rah Re­cords. Che avreb­be­ro fat­to un di­sco bel­lis­si­mo non c’era­no dub­bi, che riu­scis­se­ro a rea­liz­za­re una ta­le de­li­zia no, non era co­sì scon­ta­to.

DO­VE

by “BEL­LY”

(Bel­ly Tou­ring - 2018)

Cer­te “reu­nion” sor­pren­do­no, è ve­ro. Am­met­to che non pensavo a un ri­tor­no dei Bel­ly, cre­den­do che la dol­ce Ta­nya Do­nel­ly aves­se or­mai de­fi­ni­ti­va­men­te chiu­so il cas­set­to dei ri­cor­di. Mi sba­glia­vo. Il ter­zo la­vo­ro del­la band di Bo­ston, in sma­glian­te for­ma­zio­ne ori­gi­na­le, fa il suo one­stis­si­mo la­vo­ro, fa­cen­do­ci rias­sa­po­ra­re pia­ce­vo­li pro­fu­mi an­ni ’90, an­che se, sin­ce­ra­men­te, i ba­glio­ri in­can­te­vo­li di “Star” e “King” ri­man­go­no una span­na so­pra, è giu­sto dir­lo. Ci man­ca­va pe­rò il pi­glio vul­ne­ra­bi­le e umo­ra­le di Ta­nya, quei fran­gen­ti acu­sti­ci ric­chi di sug­ge­stio­ni folk e i riff alt-rock che tro­va­no subito il giro vin­cen­te e c’è

da di­re che, in fat­to di me­lo­die im­me­dia­te, il di­sco si fa si­cu­ra­men­te ap­prez­za­re, an­che se, co­me di­ce­vo, man­ca la pro­fon­di­tà e an­che l’oscu­ri­tà di al­cu­ni sto­ri­ci mo­men­ti dei la­vo­ri pre­ce­den­ti. Ne ri­sul­ta co­sì un al­bum scor­re­vo­le, po­co im­pe­gna­ti­vo e adat­tis­si­mo a fare la sua bel­la fi­gu­ra live, con qual­che ri­tor­nel­lo mol­to ben strut­tu­ra­to. Ta­nya si fa più di­ret­ta, me­lo­di­ca e più “sem­pli­ce” se vo­glia­mo, non cer­ca di ri­fa­re “Feed the Tree” o “Ge­pet­to” ma piaz­za buo­ni nu­me­ri, che fa­ran­no fe­li­ci chi già la se­gui­va da so­li­sta e chi l’ha ap­prez­za­ta nei ’90 pro­prio con que­sta for­ma­zio­ne. Tra il ri­tor­no di Bree­ders e Bel­ly, beh, pos­sia­mo di­re che pro­pen­dia­mo per i se­con­di.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.