IN SALAI REVENGE, LA RA­GAZ­ZA COL FUCILE

Il film di Co­ra­lie Far­geat rac­con­ta la con­di­zio­ne fem­mi­ni­le con le ar­mi del th­ril­ler “estre­mo”

Progress - - Contents -

A vol­te ba­sta un film, un’ope­ra di ge­ne­re, pro­ba­bil­men­te fa­ci­le al­la sot­to­va­lu­ta­zio­ne, per di­re in me­no di due ore quan­to e più di me­si di ar­ti­co­li e sag­gi, di opi­nio­ni me­dia­ti­che e ri­fles­sio­ni ac­ca­de­mi­che. L’ope­ra pri­ma di Co­ra­lie Far­geat, re­gi­sta fran­ce­se che da po­co ha su­pe­ra­to i 40 ed è ar­ri­va­ta al lun­go­me­trag­gio dopo va­rie espe­rien­ze hol­ly­woo­dia­ne e qual­che cor­to, è un con­cen­tra­to di ciò che è suc­ces­so nel mon­do del­lo spet­ta­co­lo dal­la de­nun­cia di Har­vey Wein­stein a og­gi, ma non parla di quel­le mo­le­stie e di quei ri­cat­ti, sem­bra una sor­ta di ma­ni­fe­sto del mo­vi­men­to Me Too sen­za la sua osten­ta­zio­ne po­li­ti­ca­men­te cor­ret­ta. Per­ché Revenge è nien­te al­tro che un th­ril­ler du­ro, vio­len­to, a un pas­so dall’estre­mo. Un ra­pe & revenge, co­me si di­ce in ger­go, stu­pro e ven­det­ta, se­con­do una tra­di­zio­ne che par­te nien­te­me­no che dall’Ing­mar Berg­man di La fon­ta­na del­la ver­gi­ne (1960). Far­geat met­te in sce­na il cal­va­rio di Jen (una Ma­til­da Lu­tz esplo­si­va, tutt’al­tro che vit­ti­ma sa­cri­fi­ca­le), una gio­va­ne ra­gaz­za aman­te di un uo­mo spo­sa­to che la por­ta nel­la sua ca­sa di va­can­za per un wee­kend di ses­so. Ma in quel­la ca­sa so­no sta­ti in­vi­ta­ti an­che i due com­pa­gni di cac­cia dell’uo­mo, che dopo qual­che bic­chie­re di trop­po, vio­len­ta­no la don­na e ten­ta­no di uc­ci­der­la. Non riu- scen­do­ci e pa­gan­do­la, co­me ov­vio, mol­to ca­ra. A oc­chio è sem­pli­ce­men­te un film di azio­ne e vio­len­za ben con­ge­gna­to e rea­liz­za­to, con un im­pat­to si­mi­le a L’an­ge­lo del­la ven­det­ta di Abel Fer­ra­ra, ma de­ci­sa­men­te me­no grez­zo. Ep­pu­re è tutt’al­tro, per­ché non si pos­so­no non con­si­de­ra­re il con­te­sto so­cio-po­li­ti­co e la ma­no che il film lo ha rea­liz­za­to, ov­ve­ro quel­la di una don­na.

A Far­geat in­fat­ti il mec­ca­ni­smo vit­ti­ma-car­ne­fi­ce di cui è im­pre­gna­ta tut­ta la nar­ra­zio­ne me­dia­ti­ca re­cen­te non in­te­res­sa e il rea­li­smo, o me­glio an­co­ra il na­tu­ra­li­smo, del­le im­ma­gi­ni e del­le de­fi­ni­zio­ni dei ruo­li e dei per­so­nag­gi in­te­res­sa an­co­ra me­no; il suo sguar­do tra­sfor­ma gli es­se­ri uma­ni in ani­ma­li e la cac­cia da hob­by di­ven­ta te­ma e for­ma del film, co­sì Revenge più che a clas­si­ci co­me L’ul­ti­ma ca­sa a si­ni­stra (a sua vol­ta sor­ta di re­ma­ke del già ci­ta­to film di Berg­man) guar­da a La pe­ri­co­lo­sa par­ti­ta - clas­si­co sa­di­co del 1932 di Er­ne­st Schoed­sack - fil­tran­do­lo con l’uni­ver­so vi­si­vo di Mad Max. Un de­ser­to ac­ce­sis­si­mo e iper­rea­li­sta in cui da­re vi­ta a una ses­sio­ne di cac­cia al­la don­na, con ine­vi­ta­bi­le ri­bal­ta­men­to.

Un’ope­ra mol­to in­tel­li­gen­te

e mai in­tel­let­tua­li­sti­ca, un film a trat­ti tra­vol­gen­te e sem­pre si­cu­ro di ciò che di­ce e di co­me lo di­ce, con­sa­pe­vo­le di co­sa vuo­le es­se­re e co­me di­ven­tar­lo.

La di­na­mi­ca vit­ti­ma-car­ne­fi­ce di­ven­ta sar­do­ni­ca­men­te, e per que­sto in mo­do an­co­ra più si­gni­fi­ca­ti­vo dal pun­to di vi­sta po­li­ti­co, un gio­co tra pre­da e pre­da­to­re iscrit­to nel­la que­stio­ne ses­sua­le di que­sti tem­pe­sto­si an­ni ’10: le po­si­zio­ni di po­te­re so­no da­ti di na­tu­ra che so­lo una ri­bel­lio­ne può scar­di­na­re, una ri­vol­ta vio­len­ta e, co­me tut­te le ri­vol­te, cie­che e com­pren­si­bi­li al tem­po stes­so.

Ma Revenge non cer­ca l’al­le­go­ria, non guar­da ma­li­zio­sa­men­te ai mo­vi­men­ti fem­mi­ni­sti, non vuo­le es­se­re rap­pre­sen­tan­te cul­tu­ra­le di qual­co­sa di già de­fi­ni­to, per­ché al­la sua au­tri­ce in­te­res­sa che il sin­go­lo ele­men­to fil­mi­co sia un de­to­na­to­re nell’oc­chio e nel­la te­sta del­lo spet­ta­to­re. I co­lo­ri ac­ce­si e ac­ce­can­ti, tra pa­stel­lo e fluo­re­scen­za, del­la fo­to­gra­fia di Ro­bre­cht Hey­vaert che crea in­qua­dra­tu­re pul­san­ti e mo­vi­men­ti di mac­chi­na a per­di­fia­to in cui il mec­ca­ni­smo pre­da­to­rio di­ven­ta un mo­vi­men­to in­ces­san­te, per­pe­tuo, este­nua­to fi­no al­la con­fu­sio­ne (il fi­na­le è già un pic­co­lo cult); il mon­tag­gio del­la re­gi­sta con Je­ro­me El­ta­bet e Bru­no Sa­far gio­ca sui pun­ti di vi­sta - in­te­so an­che co­me luo­ghi da cui ve­de­re la pre­da o die­tro cui non far­si ve­de­re dal pre­da­to­re - se­guen­do l’al­ter­nan­za di bat­ti­to e si­len­zio, di an­sia fre­ne­ti­ca e at­te­sa che la mu­si­ca di Ro­bin Cou­dert am­pli­fi­ca; e poi il san­gue co­pio­so e ros­so co­me il de­si­de­rio, i cor­pi che non si ne­ga­no mai met­ten­do da par­te la cor­ret­tez­za po­li­ti­ca, il ses­so spin­to che già fa pre­sa­gi­re la vio­len­za fu­tu­ra ma an­che il li­mi­te sot­ti­le tra per­ver­sio­ne e aber­ra­zio­ne, in­som­ma tut­to parla del­le ra­di­ci dell’og­gi at­tra­ver­so un mix tra an­ce­stra­le e con­tem­po­ra­neo e lo fa sen­za vo­ler am­mic­ca­re al­la cro­na­ca ma con il pi­glio este­ti­co e nar­ra­ti­vo del­la mi­glior se­rie B, quel­la in cui an­che la re­gi­sta stes­sa gio­ca con il ci­ne­ma co­me un gat­to fa con il to­po. Revenge è ci­ne­ma di ge­ne­re, in­te­so co­me film che af­fon­da le sue grin­fie nell’al­veo del th­ril­ler, dei co­di­ci, del­la vio­len­za e del­la su­spen­se, ma an­che di ge­ne­re ses­sua­le, in cui at­tra­ver­so il ci­ne­ma e gli in­gra­nag­gi del­la sua mac­chi­na met­te­re in sce­na il cam­po di bat­ta­glia - ideo­lo­gi­co, ma so­prat­tut­to con­cre­to e rea­le - del rap­por­to tra i ses­si.

E lo fa cer­can­do­ne l’es­sen­za, il nu­cleo con­cet­tua­le, il Big Bang: il cor­po, la sua esta­si, il suo tor­men­to, la sua ric­chez­za di si­gni­fi­ca­ti e pos­si­bi­li­tà. Un’ope­ra mol­to in­tel­li­gen­te e mai in­tel­let­tua­li­sti­ca, un film a trat­ti tra­vol­gen­te e sem­pre si­cu­ro di ciò che di­ce e di co­me lo di­ce, con­sa­pe­vo­le di co­sa vuo­le es­se­re e co­me di­ven­tar­lo. Esat­ta­men­te co­me la don­na che ri­trae, co­me le don­ne che com­bat­to­no con­tro i cac­cia­to­ri di ogni gior­no do­vreb­be­ro es­se­re.

Revenge è l’ope­ra pri­ma del­la re­gi­sta e sce­neg­gia­tri­ce fran­ce­se Co­ra­lie Far­geat: un ac­tion th­ril­ler che non ar­re­tra di fron­te all’in­ve­ro­si­mi­le, un mix di sce­ne for­ti, im­ma­gi­na­rio pulp, vio­len­za e ven­det­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.