ESTA­TE: UL­TI­MO CA­PI­TO­LO

Set­tem­bre, il me­se no­stal­gi­co per ec­cel­len­za: l’esta­te che sci­vo­la al­le spal­le, le tem­pe­ra­tu­re che ini­zia­no ad ab­bas­sar­si, il ri­tor­no al lavoro e al­la quo­ti­dia­ni­tà…

Progress - - Sullo Scaffale - Mar­ghe­ri­ta Pi­tua­no

Per com­bat­te­re que­sto pro­gres­si­vo di­stac­co dal­la bel­la sta­gio­ne non pos­sia­mo che con­si­gliar­vi qual­che buo­na let­tu­ra. Un me­to­do per di­strar­si e per ab­brac­cia­re nel mo­do più “soft” pos­si­bi­le un au­tun­no che bus­sa al­la por­ta ma che vor­rem­mo non en­tras­se mai. Pri­ma di sa­lu­ta­re de­fi­ni­ti­va­men­te l’esta­te, pe­rò, con­ce­dia­mo­ci qual­che ul­ti­ma let­tu­ra sot­to il so­le, per rav­vi­va­re l’ab­bron­za­tu­ra e, al con­tem­po, di­strar­ci dal tem­po che scor­re e ci con­du­ce ver­so gior­na­te via via più cor­te. Per­ché, in fon­do, con un bel li­bro tra le ma­ni è im­pos­si­bi­le es­se­re tri­sti.

Bel­la Zio

Nel­le pa­ro­le di An­drea Vi­ta­li, cui Ber­go­mi

ha af­fi­da­to il com­pi­to di rac­con­ta­re la sua sto­ria, una vi­ta mi­ti­ca si tra­sfor­ma in un ro­man­zo del­la com­me­dia uma­na di cui egli è il mae­stro in­su­pe­ra­to

nel­la nar­ra­ti­va ita­lia­na

An­drea Vi­ta­li. Edi­to­re:

Mon­da­do­ri, 236 pa­gi­ne

“A 16 an­ni Bep­pe Ber­go­mi, con quei fol­ti baf­fi, sem­bra­va già un adul­to: lo chia­ma­va­no “zio” e ta­le è ri­ma­sto nel­la me­mo­ria dei ti­fo­si. La sua pa­ra­bo­la ago­ni­sti­ca pren­de av­vio nel­la tran­quil­la real­tà dell’hin­ter­land mi­la­ne­se, in una fa­mi­glia sem­pli­ce, tra le scuo­le dal­le suo­re e il tem­po li­be­ro all’ora­to­rio, sem­pre con la pal­la al pie­de. Un’in­fan­zia nor­ma­le nell’Ita­lia de­gli an­ni ‘60. Bep­pe è quel­lo che de­fi­ni­rem­mo un bra­vo ra­gaz­zo, ha un in­cre­di­bi­le ta­len­to na­tu­ra­le ep­pu­re la sua fa­mi­glia sem­bra non ac­cor­ger­se­ne: nep­pu­re quan­do, nel 1977 – ap­pe­na quat­tor­di­cen­ne – esor­di­sce nel cam­pio­na­to gio­va­nis­si­mi e per la pri­ma vol­ta fir­ma un con­trat­to da gio­ca­to­re pro­fes­sio­ni­sta. Il se­gui­to è una sto­ria no­ta: Bep­pe sa­li­rà sul po­dio più al­to da cam­pio­ne del mon­do a so­li 18 an­ni, con la ma­glia del­la na­zio­na­le. Una car­rie­ra fol­go­ran­te e un al­quan­to inu­sua­le at­tac­ca­men­to al­la ma­glia ne­raz­zur­ra lo han­no fat­to en­tra­re nel­la mi­to­lo­gia del cal­cio ita­lia­no.” Nel­le pa­ro­le di An­drea Vi­ta­li, cui Ber­go­mi ha af­fi­da­to il com­pi­to di rac­con­ta­re la sua sto­ria, una vi­ta mi­ti­ca si tra­sfor­ma in un ro­man­zo del­la com­me­dia uma­na di cui egli è il mae­stro in­su­pe­ra­to nel­la nar­ra­ti­va ita­lia­na: tra iro­nia e pa­ra­dos­so, aned­do­ti di co­stu­me, suc­ces­si e do­lo­ri, Vi­ta­li ci fa ri­vi­ve­re gli esor­di del cal­cia­to­re, ma an­che una sta­gio­ne pas­sa­ta dell’Ita­lia, qua­si fos­si­mo lì pu­re noi.

La fi­glia scom­par­sa

Jen­ny Quin­ta­na. Gar­zan­ti Li­bri. 288 pa­gi­ne

“So­no pas­sa­ti trent’an­ni. An­na Flo­res si è co­strui­ta una vi­ta lon­ta­no da ca­sa. Lon­ta­no da quel pol­ve­ro­so pae­si­no del­la cam­pa­gna in­gle­se do­ve ha giu­ra­to che non avreb­be mai più mes­so pie­de. Ma l’im­prov­vi­sa mor­te del­la ma­dre la co­strin­ge a tor­na­re. A ri­ve­de­re quei luo­ghi che la ri­por­ta­no al 1982, quan­do, in una fred­da gior­na­ta d’au­tun­no, sua so­rel­la Ga­briel­la è scom­par­sa sen­za la­scia­re trac­cia. Da al­lo­ra, la po­li­zia ha se­gui­to cen­ti­na­ia di pi­ste sen­za sco­pri­re la ve­ri­tà. E an­che An­na ha cer­ca­to ovun­que, si è po­sta in­nu­me­re­vo­li do­man­de, ha for­mu­la­to le ipo­te­si più di­spa­ra­te. Tut­to fi­ni­to nel nul­la. Ma ora An­na ne ha ab­ba­stan­za. Men­tre rior­di­na gli sca­to­lo­ni del­la ma­dre, tro­va un ri­trat­to di Ga­briel­la che sem­bra es­se­re ap­par­te­nu­to all’al­lo­ra vi­ci­no di ca­sa, un uo­mo bur­be­ro e so­li­ta­rio. È il pri­mo in­di­zio dopo una vi­ta pas­sa­ta a bran­co­la­re nel buio. Il pri­mo a con­vin­ce­re An­na che de­ve ri­pren­de­re la ri­cer­ca, for­se co­min­cian­do pro­prio dal­la pro­prie­tà di quel vi­ci­no che ha sem­pre avu­to l’aria di una per­so­na che na­scon­de qual­co­sa. Ha bi­so­gno di tro­va­re la ri­spo­sta al­le do­man­de che ha ri­cac­cia­to in fon­do al cuo­re e che ora stan­no riaf­fio­ran­do a po­co a po­co. Ha pau­ra, non può ne­gar­lo, ma lo de­ve a se stes­sa, per po­ter an­da­re avan­ti. E so­prat­tut­to lo de­ve a sua ma­dre, che non ha po­tu­to co­no­sce­re la ve­ri­tà, e a Ga­briel­la, l’uni­ca per­so­na di cui si sia mai fi­da­ta.”

Con que­sto li­bro Jen­ny Quin­ta­na si è fat­ta no­ta­re da­gli edi­to­ri di tut­to il mon­do. Un th­ril­ler che coin­vol­ge il let­to­re fin dal­le pri­me pa­gi­ne e lo tra­sci­na al cen­tro di un mi­ste­ro plu­ri­de­cen­na­le do­ve nien­te è co­me sem­bra. Un esor­dio sor­pren­den­te che met­te a nu­do le de­bo­lez­ze uma­ne e ci ri­cor­da che non esi­ste le­ga­me più for­te di quel­lo tra due so­rel­le, im­pos­si­bi­le da spez­za­re.

Le ac­que del Nord

Ian McGui­re. Edi­to­re Ei­nau­di, 278 pa­gi­ne

“Pa­trick Sum­ner è un gio­va­ne me­di­co che ha ser­vi­to nell’eser­ci­to in­gle­se du­ran­te l’as­se­dio di De­lhi. Ma nel suo pas­sa­to mi­li­ta­re c’è un even­to oscu­ro che l’ha co­stret­to al­le di­mis­sio­ni e il cui ri­cor­do lo per­se­gui­ta. Ri­ma­sto sen­za un sol­do e in fu­ga dai pro­pri fan­ta­smi, de­ci­de di im­bar­car­si co­me chi­rur­go di bor­do su una na­ve ba­le­nie­ra, la Vo­lun­teer. Nel nord del­la ba­ia di Baf­fin, tra il Ca­na­da e la Groen­lan­dia, c’è una po­li­nia (una zo­na di ma­re ar­ti­co dal mi­cro­cli­ma par­ti­co­la­re do­ve si con­cen­tra­no le ba­le­ne) no­ta co­me Nor­th Wa­ter: è qui che è in­di­riz­za­ta la Vo­lun­teer, ed è qui che il suo equi­pag­gio sco­pri­rà cos’è l’in­fer­no. Del re­sto sem­bra già una na­ve di dan­na­ti: a bor­do del­la ba­le­nie­ra, Sum­ner si ri­tro­va di fron­te un’uma­ni­tà per­du­ta e vio­len­ta. Ma so­prat­tut­to si ri­tro­va di fron­te un uo­mo bru­ta­le, che sem­bra es­se­re l’in­car­na­zio­ne stes­sa del ma­le: Hen­ry Drax, il ram­po­nie­re. Quan­do sul­la na­ve vie­ne uc­ci­so un gio­va­nis­si­mo moz­zo, pri­mo di una se­rie di bru­ta­li omi­ci­di, Sum­ner è co­stret­to a guar­da­re in fac­cia il suo pas­sa­to e a sfi­da­re nuo­va­men­te l’or­ro­re.” “Ec­co uno dei li­bri più bel­li dell’an­no”, co­sì il “The In­di­pen­dent” pre­sen­ta l’ul­ti­ma ope­ra di Ian McGui­re. Ope­ra che co­no­sce­rà an­che una ver­sio­ne te­le­vi­si­va, gra­zie al­la BBC che ha fi­nan­zia­to la rea­liz­za­zio­ne di una se­rie tv. McGui­re ha con­vin­to tut­ti, pub­bli­co e cri­ti­ca, in que­ste pa­gi­ne c’è tut­to quel­lo che qua­lun­que let­to­re vor­reb­be tro­va­re: av­ven­tu­ra, emo­zio­ne, su­spen­se. Le ac­que del Nord è un th­ril­ler, un ro­man­zo sto­ri­co e di viag­gio, un gran­de rac­con­to che tie­ne in­col­la­ti fi­no all’ul­ti­ma pa­gi­na.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.