Alex Brit­ti

Sem­pre in viag­gio con la chi­tar­ra a se­gna­re il rit­mo del cuo­re e dei pas­si, sen­za dar­lo trop­po a ve­de­re.

QMagazine - - SOMMARIO - Di Le­ti­zia Stram­bi

Baciami e por­ta­mi a bal­la­re. Un in­vi­to cui nes­su­no po­treb­be re­si­ste­re. Alex Brit­ti è qua­si un’ico­na per chi ama la chi­tar­ra co­me rap­pre­sen­ta­zio­ne di li­ber­tà espres­si­va, per chi ha la men­te aper­ta dal viag­gio e la mu­si­ca soul, dell’ani­ma, a far­gli com­pa­gnia. E’ un po’ co­me l’ade­si­vo che i fi­gli dei fio­ri at­tac­ca­va­no sul­le 2 Ca­val­li, sul­le ve­spe, sul­le bor­se Tol­fa. So­lo che lui ap­par­tie­ne a quell’epo­ca co­me a que­sto mil­len­nio in cui è cam­bia­to il rit­mo, il ta­glio di ca­pel­li, le pa­ro­le. Im­mu­ta­ta la gran­dez­za del­la mu­si­ca, la po­ten­za crea­ti­va che con­ce­de a po­chi elet­ti la per­fe­zio­ne nell’im­prov­vi­sa­zio­ne.

C’è un dualismo nel­la sua mu­si­ca, e for­se an­che in lei, un po’ co­me nel­la can­zo­ne di “pas­sio­ne e di­sin­can­to”: nel suo la­vo­ro si al­ter­na­no can­zo­ni so­la­ri al­le­gre e bal­la­te con sfu­ma­tu­re blues. Da do­ve ha ori­gi­ne que­sta dop­piez­za e co­me si è evo­lu­to nel­la sua ma­tu­ra­zio­ne di uo­mo? Nel­le per­so­ne si al­ter­na­no di­ver­si sta­ti d’ani­mo, non si può es­se­re sem­pre al­le­gri o sem­pre tri­sti, co­sì co­me un gior­no c’è il so­le e l’al­tro pio­ve, non ve­do quin­di un dualismo ma una spon­ta­nei­tà e un mo­do di far mu­si­ca mai de­ci­si a ta­vo­li­no.

Co­me si esce dal­la pe­ri­fe­ria per ar­ri­va­re a viag­gia­re, suo­na­re, co­no­sce­re il mon­do e la mu­si­ca? Con ca­par­bie­tà e pas­sio­ne, io da ra­gaz­zo ero ovun­que con la mia chi­tar­ra e un po’ di fac­cia to­sta, ov­vio che de­vi ave­re ri­scon­tri, pe­rò de­vi sem­pre com­bat­te­re e far ar­ri­va­re ciò che ami a più gen­te pos­si­bi­le.

Mi de­scri­va per­ché la chi­tar­ra rap­pre­sen­ta per lei lo stru­men­to di espres­sio­ne pre­di­let­to. Co­sa di­ce al­la sua ani­ma? Co­me l’ha in­can­ta­ta la sua “Mar­ti­na” a set­te an­ni? È si­cu­ra­men­te un rap­por­to istin­ti­vo quel­lo che mi le­ga al­la chi­tar­ra, pri­ma e la di là del­le pa­ro­le e dei ra­gio­na­men­ti. Co­me istin­ti­vo è il fa­sci­no che “Mar­ti­na” ha im­me­dia­ta­men­te su­sci­ta­to in me. Quan­do ero bam­bi­no, ne­gli an­ni ‘70, si ve­de­va­no per stra­da pa­rec­chi ra­gaz­zi con la chi­tar­ra, in ogni co­mi­ti­va, su ogni “mu­ret­to” e su tut­te le sca­li­na­te c’era sem­pre qual­cu­no che suo­na­va. Ero af­fa­sci­na­to da quel­la ma­gia e vo­le­vo far­lo an­ch’io, cam­bia­re lo sta­to d’ani­mo de­gli ami­ci. Ed an­co­ra ora que­sto istin­to è quel­lo che mi spin­ge a suo­na­re.

Le jam ses­sion so­no al tra­mon­to o i gio­va­nis­si­mi an­co­ra ama­no ri­tro­var­si per fa­re mu­si­ca co­me fa­ce­va lei e la sua ge­ne­ra­zio­ne? Non ci sa­rà mai un tra­mon­to per le jam ses­sion, ri­spet­to agli an­ni ot­tan­ta og­gi ci so­no me­no lo­ca­li do­ve si suo­na, ma in quei po­chi che ri­man­go­no si con­ti­nua a suo­na­re e a spe­ri­men­ta­re co­me al so­li­to, an­che sui pal­chi più gran­di quan­do pos­si­bi­le, nel­le cit­tà do­ve c’è un ami­co mu­si­ci­sta, io con­ti­nuo vo­len­tie­ri la tra­di­zio­ne.

Co­me è cam­bia­ta la mu­si­ca nel­la cul­tu­ra ita­lia­na? Le tra­smis­sio­ni te­le­vi­si­ve so­no mol­to im­po­ve­ri­te nei con­te­nu­ti, il ci­ne­ma sot­to cer­ti aspet­ti an­co­ra ha de­gli au­to­ri che rie­sco­no a sal­var­lo dal­la de­ri­va, la scrit­tu­ra è pie­ga­ta ver­so la sin­te­si e la per­di­ta di iden­ti­tà, e la mu­si­ca? Do­na­tel­la Ret­to­re da roc­ket­ta­ra (ma de­gli an­ni ot­tan­ta), af­fer­ma che la mu­si­ca di og­gi ha gli stes­si to­ni di piag­ge­ria del­le fic­tion, è fur­be­sca­men­te cam­bia­ta… Miss Ret­to­re è pas­sa­ta a clas­si­co “ai miei tem­pi…” Op­pu­re ha, al­me­no in par­te, ra­gio­ne? Cre­do che la mu­si­ca, la tv, il ci­ne­ma, i li­bri etc ri­spec­chi­no un po’ il pe­rio­do sto­ri­co che il mon­do sta vi­ven­do, non so­lo in Ita­lia. Nel­la mu­si­ca i ta­lent stan­no fa­cen­do da spar­tiac­que, al ci­ne­ma spo­po­la­no le com­me­die un po’ vol­ga­ri sban­can­do i bot­te­ghi­ni men­tre i re­gi­sti bra­vi de­vo­no ac­con­ten­tar­si di ciò che re­sta. For­se il più col­pi­to dal­la po­ca cul­tu­ra è pro­prio il li­bro, og­gi chiun­que scri­ve li­bri - can­tan­ti, at­to­ri, per­so­nag­gi te­le­vi­si­vi - per for­tu­na il mon­do gi­ra, ve­dia­mo che suc­ce­de.

Lei fa del­le tour­née in­stan­ca­bi­li, co­sa le pia­ce del viag­gia­re per l’Ita­lia, dei con­cer­ti ogni vol­ta di­ver­si... E co­sa non le pia­ce? Amo la buo­na ta­vo­la e lo sport, mi pia­ce mol­to man­gia­re e be­re. In Ita­lia, ovun­que vai, c’è sem­pre qual­co­sa di buo­no e di­ver­so dal gior­no pri­ma: pe­sce car­ne, pa­sta, vi­ni; cam­bia­re ta­vo­la in ba­se al ter­ri­to­rio è qual­co­sa che puoi fa­re ve­ra­men­te sol­tan­to gi­ran­do. Poi lo sport: amo cor­re­re, ho sem­pre una sac­ca con me con scar­pe e pan­ta­lon­ci­ni e spes­so - in qual­sia­si par­te d’Ita­lia mi tro­vi - co­no­sco il per­cor­so, il par­co, la pi­ne­ta o il lun­go­ma­re per an­da­re a cor­re­re. Quel­lo che non sop­por­to in­ve­ce è la ma­le­du­ca­zio­ne, og­gi c’è la cac­cia al­la fo­to col per­so­nag­gio e spes­so, so­prat­tut­to in cer­te zo­ne, di­men­ti­ca­no che il per­so­nag­gio è una per­so­na e ti chie­do­no la fo­to in qual­sia­si mo­men­to non ri­spet­tan­do quel­lo che stai fa­cen­do o la per­so­na che ti sta vi­ci­no.

Co­sa in­se­gne­reb­be con prio­ri­tà ad un fi­glio e co­sa po­treb­be im­pa­ra­re da lui per mi­glio­rar­si? In­se­gne­rei a mio fi­glio l’edu­ca­zio­ne e la cul­tu­ra. Per mi­glio­rar­mi non lo so, la­sce­rei fa­re a lui, o lei.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.