Man­gia­re è un’espe­rien­za, NON SO­LO DEL GU­STO

Co­la­zio­ni da Tiffany una gui­da a cac­cia di at­mo­sfe­re.

QMagazine - - SOMMARIO -

Un­li­bro de­di­ca­to a “chi ha an­co­ra fa­me di so­gnis e vi­ta”. “Co­la­zio­ni da Tiffany” (New­ton Comp­ton),Co è l’ultimo la­vo­ro di Isa Gras­sa­no. È un ma­nua­lem per chi è a cac­ciac di at­mo­sfe­re. Un li­bro adat­to a tut­ti co­lo­ro che si so­no com­mos­si nel ve­de­re la sce­na in cui Au­drey He­p­burn man­gia­va la sua brio­che da­van­ti al­la ve­tri­na di Tiffany, co­sì da ce­le­bra­re un ri­to, quel­lo del ci­bo, ac­com­pa­gnan­do­lo al pia­ce­re di sta­re in un luo­go spe­cia­le, che ci fac­cia sen­ti­re be­ne, un po­sto fuo­ri dal co­mu­ne. Ci so­no fa­shion ca­fè, pre­li­ba­tez­ze en plein air, sa­lot­ti del gu­sto, pic­co­le per­le di go­lo­si­tà, at­mo­sfe­re di clas­se. Ma non man­ca il fil rou­ge emo­zio­na­le. Ov­ve­ro quel­lo det­ta­to dai sen­ti­men­ti e dal de­si­de­rio di ele­gan­za. E nel tem­po che ri­ma­ne, ec­co un ex­cur­sus su co­sa fa­re, “l’idea in più”: il mu­seo da vi­si­ta­re, il ne­go­zio vintage, il quar­tie­re di de­si­gn da sco­pri­re. Un in­vi­to a go­der­si fi­no in fon­do ciò che ci cir­con­da.Viag­gia­re e man­gia­re di­ven­ta dun­que in que­sto li­bro un’espe­rien­za. Si pas­sa dal­la vil­la pa­tri­zia sul la­go nel­la Man­to­va dei Gon­za­ga, a Ce­re­sio7 di Mi­la­no, una pau­sa d’ob­bli­go per i fa­shion ad­dic­ted, dal­la li­bre­ria do­ve si man­gia (Red Mi­la­no) ai pran­zi tra le nu­vo­le in mon­ta­gna del­lo Stu­be Her­mi­ta­ge di Ma­don­na di Cam­pi­glio. Im­man­ca­bi­le per i no­stri let­to­ri una co­la­zio­ne ro­man­ti­ca a Ve­ne­zia da An­ti­noo’s Loun­ge. Scri­ve l’au­tri­ce: “In un’esclu­si­va re­si­den­za di fi­ne Ot­to­cen­to, gra­zie al pon­ti­le pri­va­to, en­tra­te a Dor­so­du­ro, tra le zo­ne più an­ti­che e ma­gi­che del­la cit­tà. Una vol­ta sce­si sul­la ter­ra­fer­ma, l’esta­si non vi ab­ban­do­ne­rà. Din­nan­zi ai vo­stri oc­chi si apre il mae­sto­so Pa­laz­zo Ge­no­ve­se, del 1892, in sti­le go­ti­co-ve­ne­zia­no, con le nu­me­ro­se fi­ne­stre che sem­bra­no pre­zio­si mer­let­ti e che af­fac­cia­no sul Ca­nal Gran­de, crean­do un gio­co di chia­ro­scu­ri”. Il ri­sto­ran­te è de­di­ca­to ad An­ti­noo, per­so­nag­gio di­ve­nu­to fa­mo­so gra­zie all’amo­re fol­le che l’im­pe­ra­to­re ro­ma­no Adria­no, cul­to­re dell’ar­te Clas­si­ca, nu­tri­va nei con­fron­ti di que­sto gio­vi­net­to. Il li­bro è de­cli­na­to al fem­mi­ni­le, per­ché l’au­tri­ce, è la blog­ger dei fa­mo­sis­si­mi po­st di viag­gio di “ami­che si par­te”, non man­ca­no quin­di tut­ta una se­rie di al­lu­sio­ni a com­pli­ci­tà tra don­ne. È co­me se Au­drey He­p­burn do­ves­se viag­gia­re. Non po­treb­be fa­re a me­no di que­sto best seller in bor­set­ta.

“Ché la Bel­lez­za, odi­mi be­ne, Fe­dro, la Bel­lez­za sol­tan­to è di­vi­na e vi­si­bi­le a un tem­po, ed è per que­sto che es­sa è la via al sen­si­bi­le, è, pic­co­lo Fe­dro, la via che me­na l'ar­ti­sta al­lo spi­ri­to”.

Tho­mas Mann da Mor­te a Ve­ne­zia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.