SO­NET­TO 18

QMagazine - - SOM­MA­RIO -

Lear, Am­le­to, Shy­lock, Ro­meo, Giu­liet­ta, Puck, Mac­be­th, Ia­go, Ariel, Mer­cu­zio, Ofe­lia e in­fi­ni­ti al­tri an­co­ra: ogni per­so­nag­gio una car­ta, e ogni car­ta uno strug­gen­te ri­trat­to del no­stro spi­ri­to. Vi­ta e mor­te, fol­lia e ra­gio­ne, ami­ci­zia e odio, ri­so e pian­to, ma­schi­le e fem­mi­ni­le. E amore, so­pra ogni co­sa e al di so­pra di ogni que­stio­ne di ge­ne­re, per quel­la “men­te an­dro­gi­na”, co­me lo de­fi­nì Co­le­rid­ge, ca­pa­ce di com­pren­de­re in sé tut­ti gli amo­ri del mon­do, sen­za ag­get­ti­vi al se­gui­to a li­mi­tar­ne i pal­pi­ti. E pro­prio quan­do pen­si che stia per ca­de­re nel ba­na­le e nel re­to­ri­co, Sha­ke­spea­re ti strap­pa il cuo­re dal pet­to e te lo met­te pul­san­te da­van­ti agli oc­chi. Co­me nei suoi So­net­ti, de­di­ca­ti in gran par­te a quel “Fair You­th” ri­ma­sto mi­ste­rio­so quan­to al­la sua rea­le iden­ti­tà ma cri­stal­li­no nel suo es­se­re uo­mo e og­get­to di pu­ro amore da par­te del Bar­do. “Vol­to di don­na di­pin­to dal­la stes­sa ma­no del­la Na­tu­ra hai tu, si­gno­re e si­gno­ra del­la mia pas­sio­ne” scri­ve Sha­ke­spea­re al suo ama­to di­vi­na­men­te so­spe­so tra car­na­li­tà e su­bli­ma­zio­ne. E in que­sta dua­li­tà ce lo ren­de og­gi Me­la­nia Gi­glio, gran­de at­tri­ce tea­tra­le che ha de­ci­so di por­ta­re in sce­na già dal­lo scor­so an­no e con gran­de suc­ces­so al Glo­be di Ro­ma un suo de­li­ca­to omag­gio ai So­net­ti e al­la lo­ro uni­ver­sa­li­tà. La piè­ce, a quat­tro vo­ci, ve­de Sha­ke­spea­re e il gio­va­ne ama­to – che a un trat­to si ba­cia­no te­ne­ra­men­te in sce­na – af­fian­ca­ti dal­la Da­ma ne­ra ter­re­na e fa­ta­le e dal­la Mu­sa del poe­ta - Me­la­nia Gi­glio stes­sa - ca­pa­ce di ri­da­re ispi­ra­zio­ne con la sua vo­ce po­ten­te e con bra­ni che van­no da Amy Wi­ne­hou­se ad Ala­nis Mor­ris­set­te pas­san­do per Mar­vin Gaye e Leo­nard Co­hen. “Ho mes­so in sce­na quel­lo che nei So­net­ti c’è già” spie­ga la Gi­glio “per­ché Sha­ke­spea­re ha in­da­ga­to ogni pos­si­bi­le aspet­to dell’amore sen­za al­cun li­mi­te, tan­to­me­no di ge­ne­re: è pro­prio la li­ber­tà con cui ne scri­ve che mi ha col­pi­to dei suoi So­net­ti”. Una li­ber­tà per mol­to tem­po ne­ga­ta, se è ve­ro che “per se­co­li le tra­du­zio­ni han­no ri­por­ta­to al fem­mi­ni­le ver­si chia­ra­men­te in­di­riz­za­ti a un uo­mo, in no­me di un per­be­ni­smo che ha per trop­po tem­po chiu­so gli oc­chi di fron­te al­la ve­ri­tà”. Sul rap­por­to tra Sha­ke­spea­re e l’omo­ses­sua­li­tà si è a lun­go fa­vo­leg­gia­to, sen­za ave­re nes­su­na pro­va cer­ta. La Gi­glio spie­ga che “an­che An­to­nio e Bas­sa­nio si ama­no: e co­me nel Mer­can­te di Venezia, an­che in al­tre ope­re tro­via­mo esem­pi gran­dio­si di amo­ri tra per­so­ne del­lo stes­so ses­so, più o me­no su­bli­ma­ti. L’im­por­tan­te, nel ri­pro­por­re in chia­ve mo­der­na que­sti ca­po­la­vo­ri, è quel­lo di ave­re ri­spet­to del­le in­ten­zio­ni dell’au­to­re an­che nell’in­ven­zio­ne e nell’adat­ta­men­to. An­che per­ché, se un at­to­re osa pen­sa­re di su­pe­ra­re con il suo ego Sha­ke­spea­re, può star cer­to che non vin­ce­rà mai”. De­vo pa­ra­go­nar­ti a un gior­no d’esta­te? Tu sei più ama­bi­le e più tran­quil­lo. Ven­ti for­ti scuo­to­no i te­ne­ri ger­mo­gli di Mag­gio, E il cor­so dell’esta­te ha fin trop­po pre­sto una fi­ne. Tal­vol­ta trop­po cal­do splen­de l’oc­chio del cie­lo, E spes­so la sua pel­le do­ra­ta s’oscu­ra; Ed ogni co­sa bel­la la bel­lez­za ta­lo­ra declina, spo­glia­ta per ca­so o per il mu­te­vo­le cor­so del­la na­tu­ra. Ma la tua eter­na esta­te non do­vrà sva­ni­re, Né per­der la bel­lez­za che pos­sie­di, Né do­vrà la mor­te far­si van­to che tu va­ghi nel­la sua om­bra, Poi­ché tu cre­sci nel tem­po in ver­si eter­ni: Fin­ché uo­mi­ni re­spi­re­ran­no o oc­chi po­tran ve­de­re, Que­ste pa­ro­le vi­vran­no, e da­ran­no vi­ta a te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.