DI­TE “SÌ” IN ITA­LIA, VI ASPET­TIA­MO

QMagazine - - EDITORIAL -

La­fe­li­ci­tà è una pre­te­sa? A quan­to pa­re in Ita­lia sem­bra di sì. Ogni vol­ta che va­do all’este­ro mol­te per­so­ne, so­prat­tut­to Nord Eu­ro­pee, ten­do­no a non ca­pi­re per­ché noi ita­lia­ni di­bat­tia­mo su tut­to con una ti­fo­se­ria da sta­dio. Per­si­no la lot­ta che ci do­ve­va ve­de­re più uni­ti, co­me po­po­lo LGTB, ci ha vi­sto pun­tua­liz­za­re su ogni emen­da­men­to, con il bat­ti­cuo­re in at­te­sa dell’ap­pro­va­zio­ne. Sen­za la pos­si­bi­li­tà di adot­ta­re il fi­glio del part­ner (che pu­re do­ve­va es­se­re un di­rit­to ac­qui­si­to) al­cu­ni di­ce­va­no che bi­so­gna­va im­pun­tar­si a co­sto di non vin­ce­re. Ov­ve­ro non ave­re la leg­ge sul­le Unio­ni Ci­vi­li af­fat­to, piut­to­sto che aver­la gam­biz­za­ta. Que­sto è un at­teg­gia­men­to che mi re­sta ve­ra­men­te dif­fi­ci­le da ca­pi­re, che per for­tu­na nel caso del­le Unio­ni Ci­vi­li non ha da­to at­to a inu­ti­li scon­fit­te. Hil­la­ry Clin­ton non era cer­to una can­di­da­ta idea­le, ma vo­ta­re Trump è una vit­to­ria? La mo­di­fi­ca del­la co­sti­tu­zio­ne non mi pia­ce, al­lo­ra ec­co­mi qui con la car­cas­sa del Go­ver­no pre­ce­den­te ad an­da­re avan­ti ver­so l’ina­ni­tà. Tut­ta­via, no­no­stan­te que­sti in­com­pren­si­bi­li bat­ti­bec­chi che fre­na­no l’eco­no­mia, qual­che vol­ta an­ni di lot­te ven­go­no co­ro­na­ti da sod­di­sfa­zio­ni im­men­se, co­me quel­la ot­te­nu­ta con l’ap­pro­va­zio­ne del­le Unio­ni Ci­vi­li. Tran­ne che per le que­stio­ni re­la­ti­ve ai fi­gli, le Unio­ni Ci­vi­li so­no in tut­to e per tut­to iden­ti­che a un ma­tri­mo­nio. Cre­do che le per­so­ne LGBT ne trag­ga­no il van­tag­gio che gli spet­ta. In­nan­zi tut­to, quel­lo del ri­spet­to, il ri­co­no­sci­men­to di un’esi­sten­za non di­stor­ta agli oc­chi dei più igno­ran­ti ob­bli- ga­ti a ri­co­no­scer­vi la ret­ti­tu­di­ne. Un’esi­sten­za de­gna di ap­pro­va­zio­ne ci­vi­le, da cui si spe­ra de­ri­vi quel­la so­cia­le. Non a caso i pri­mi a cor­re­re al co­mu­ne so­no sta­ti i gay più an­zia­ni. Per­so­ne vis­su­te nell’oscu­ri­tà di tem­pi ben più dif­fi­ci­li, abi­tua­te a sen­tir­si chia­ma­re “fro­cio”, a ri­fu­giar­si nel buio per un ba­cio nel mo­men­to più sfa­vil­lan­te del­la gio­ven­tù. Quel ri­so­li­no ri­vol­to a una gio­va­ne cop­pia che di­ven­ta­va sem­pre più ama­ro tra­sfor­man­do­si in ap­pel­la­ti­vi co­me “vec­chia chec­ca”, sus­sur­ra­ti al pas­sag­gio, but­ta­ti lì co­me se non fa­ces­se­ro ma­le. Fa ma­le in­ve­ce, e se non pos­so az­zit­tir­ti io, ho dal­la mai par­te la leg­ge che ti ob­bli­go a ri­spet­tar­mi do­ve tu non sei in gra­do per edu­ca­zio­ne, ti ob­bli­ga a in­ghiot­tir­ti gli in­sul­ti, ad ac­cet­ta­re il mio amo­re. Spe­ro che il mon­do l’ab­bia sen­ti­to for­te e chia­ro que­sto “Si” al­le Unio­ni Ci­vi­li, per­ché ci sia­mo scan­na­ti tra noi, co­me fac­cia­mo dal me­dioe­vo, ma ce l’ab­bia­mo fat­ta. Per­si­no il Pa­pa ci ha aiu­ta­to, non cer­to aval­lan­do le Unio­ni Ci­vi­li, ma im­pe­den­do al­le fran­ge cat­to­li­che in­te­gra­li­ste di pro­te­sta­re a no­me dei cri­stia­ni, a no­me suo. E seb­be­ne al­tro­ve è ar­ri­va­ta pri­ma e più sem­pli­ce­men­te que­sta leg­ge, non cre­do che nes­su­no go­da del­lo sfon­do che que­sto Pae­se con­sen­te all’amo­re, pro­prio per­ché co­sì sof­fer­to. La sa­cra­li­tà, il mi­sti­ci­smo, la sto­ria, la cul­tu­ra, la na­tu­ra so­no i te­sti­mo­ni di una ci­vil­tà con­tro­ver­sa ma al­lo stes­so tem­po uni­ca, in­car­na­zio­ne del­la pas­sio­ne e del­la bel­lez­za. Di­te “Si” in Ita­lia, vi aspet­tia­mo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.