DI­CO­NO DI LEI

QMagazine - - SFUMATURE DI GRIGIO -

FA­BRI­ZIO DE ANDRÉ:

“Se una vo­ce mi­ra­co­lo­sa non aves­se in­ter­pre­ta­to nel 1967 “La can­zo­ne di Ma­ri­nel­la”, con tut­ta pro­ba­bi­li­tà avrei ter­mi­na­to gli stu­di in leg­ge per de­di­car­mi all’av­vo­ca­tu­ra. Rin­gra­zio Mi­na per aver truc­ca­to le car­te a mio fa­vo­re e so­prat­tut­to a van­tag­gio dei miei vir­tua­li as­si­sti­ti”.

FRAN­CA VA­LE­RI

Da quan­do ha ab­ban­do­na­to le sce­ne Mi­na rap­pre­sen­ta il no­stro tem­po da un la­to co­me ico­na, dall’al­tro at­tra­ver­so le sue can­zo­ni, sem­pre all’avanguardia, spre­giu­di­ca­te e in­no­va­ti­ve. Un’ar­ti­sta che è una gran­de don­na, una don­na che è una gran­de ar­ti­sta. Que­sta è Mi­na, l’idea del­la don­na ita­lia­na.

FE­DE­RI­CO FELLINI

Mi­na ha la fac­cia del­la lu­na. Gli oc­chi so­no dol­ci e crudeli. La boc­ca chia­ma dal cie­lo le co­me­te: ba­sta un fi­schio. Poi è tan­ta. Il mio ami­co Sor­di di­ce che è “’na fa­got­ta­ta de ro­ba”.

LINA WERTMÜLLER

Mi­na mi pia­ce mol­tis­si­mo, so­prat­tut­to per la sua par­ti­co­la­re ca­rat­te­ri­sti­ca di met­te­re in­sie­me il fred­do e il cal­do, di uni­re una no­te­vo­le sen­si­bi­li­tà, una bel­la vo­ce, una gran­de abi­li­tà este­rio­re con que­sta bel­la fac­cia da me­da­glia, con que­sto aspet­to sta­tua­rio da bel­la Ita­lia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.