Gior­gia

“Que­st’in­co­ro­na­zio­ne spon­ta­nea a ico­na gay da par­te del pub­bli­co LGBT è per me mol­to im­por­tan­te per­ché mi re­sti­tui­sce il sen­so di tut­te que­ste chiac­chie­re che fac­cio da an­ni van­tan­do­mi di di­fen­de­re il be­ne, la li­ber­tà sa­cra di ognu­no di es­se­re se stes­so.

QMagazine - - SOMMARIO - Di Ca­lo­ge­ro Pir­re­ra - pho­to Eo­lo Per­fi­do

Ha trion­fa­to co­me ospi­te a San­re­mo, ri­con­fer­man­do la sua gran­de vo­ce in “E poi”, “Co­me sa­prei”, “Di so­le e d’az­zur­ro”. Gior­gia, at­tual­men­te in tour­née, ha sen­ti­to il bi­so­gno di rin­no­var­si e spe­ri­men­ta­re. Ri­per­cor­ria­mo quin­di con lei la sua car­rie­ra di can­tan­te e le sue nuo­ve scel­te.

La sua pre­sen­za al Fe­sti­val di San­re­mo 2017 co­me ospi­te è sta­ta un gran­de suc­ces­so. Una ul­te­rio­re con­fer­ma do­po la po­si­ti­va ac­co­glien­za di Oronero, di­sco di pla­ti­no, se­gno di una rin­no­va­ta ma­tu­ri­tà ar­ti­sti­ca. Il bra­no che dà il ti­to­lo all’al­bum ha l’aria di un manifesto d’in­ten­ti. È co­sì? Tor­na­re a San­re­mo do­po ven­ti­tré an­ni dal­la pri­ma vol­ta è sta­to tor­na­re a con­fron­tar­mi col tem­po, con la mu­si­ca e a rin­con­trar­mi col pub­bli­co con una co­scien­za di­ver­sa. Aver­lo fat­to col ba­ga­glio di Oronero ha avu­to un va­lo­re in più, per­ché sì, è an­che una di­chia­ra­zio­ne di in­ten­ti, è uno sguar­do al­lar­ga­to sul­la real­tà e sul re­cu­pe­ro del­la re­la­zio­ne con gli al­tri co­me scam­bio col suo va­lo­re e non so­lo co­me giu­di­zio, cri­ti­ca a tut­ti co­sti, per­fi­no in­sul­to.

Oronero ha un giu­sto mix di ele­gan­ti at­mo­sfe­re e spe­ri­men­ta­zio­ne. “Va­ni­tà” ha una for­za in­trin­se­ca, ma an­che “Mu­te­vo­le” sem­bra mol­to at­tua­le e raf­fi­na­ta. Lei che ne pen­sa? Io e il pro­dut­to­re Michele Ca­no­va, e gli au­to­ri, ab­bia­mo la­vo­ra­to al di­sco con mol­to ri­go­re, chie­den­do a noi stes­si tem­po, pas­sio­ne, qual­che spe­ri­men­ta­zio­ne e ve­ri­tà. Pen­so che sep­pur ete­ro­ge­neo nel ti­po di can­zo­ni, la­vo­ra­te sen­za tra­la­scia­re la mo­der­ni­tà e lo sti­le d’og­gi, sia un di­sco coe­ren­te e po­ten­te nel suo­no e nei con­cet­ti. I suoi ispi­ra­to­ri so­no no­ti, espli­ci­ti an­che nel­le co­ver e le stes­se col­la­bo­ra­zio­ni ci di­co­no tan­to del suo percorso e dei suoi gu­sti. Ma og­gi, se do­ves­se sce­glie­re tra co­lo­ro che so­no emer­si nel pa­no­ra­ma mu­si­ca­le di que­sti ul­ti­mi an­ni, chi pre­di­li­ge? Ascol­to mu­si­ca di ogni ti­po per far­mi in­fluen­za­re e a vol­te per “pu­li­re le orec­chie” da un ascol­to trop­po vi­gi­le e po­co di­ver­ti­to, spes­so men­tre pre­pa­ro la ce­na ascol­to mu­si­ca in­dia­na o ara­ba an­ti­ca… In Ita­lia si è crea­ta una nuo­va ge­ne­ra­zio­ne di gran­di vo­ci, so­prat­tut­to fem­mi­ni­li (Ales­san­dra Amo­ro­so, Emma, An­na­li­sa, Chia­ra, Ka­ri­ma, Aba, Ari­sa, Noemi...) e fi­nal­men­te stia­mo dan­do spa­zio al rap e al­le so­no­ri­tà hip hop. Nel pa­no­ra­ma in­ter­na­zio­na­le, tra gli ul­ti­mi di­schi che mi han­no col­pi­to, c’è Bru­no Mars e SOHN.

Ha duet­ta­to con i più gran­di ar­ti­sti ita­lia­ni e in­ter­na­zio­na­li e for­se an­co­ra qual­che de­si­de­rio ce l’ha… Qua­le pro­get­to le pia­ce­reb­be rea­liz­za­re? Chi coin­vol­ge­reb­be? Con­fes­so che le mie ori­gi­ni e la mu­si­ca che ascol­ta­vo da piccola vin­co­no sem­pre. E se pro­prio do­ves­si rea­liz­za­re un so­gno c’è Ste­vie Won­der… con le sue no­te uma­na­men­te im­pos­si­bi­li!

Il mon­do di­sco­gra­fi­co, ma­tu­ran­do in­sie­me ai tem­pi, vi­ve quo­ti­dia­ne ri­vo­lu­zio­ni, la più ecla­tan­te ri­guar­da la di­stri­bu­zio­ne. In­sie­me al so­cial mar­ke­ting c’è il ri­schio che cam­bi­no an­che al­cu­ni aspet­ti del­la stes­sa crea­zio­ne ar­ti­sti­ca e del­la pro­du­zio­ne. Co­me ar­ti­sta e au­tri­ce co­me si pre­pa­ra a que­sti cam­bia­men­ti? Noi vi­via­mo una si­tua­zio­ne com­ples­sa per­ché sia­mo den­tro al cam­bia­men­to. A scuo­la stu­di la sto­ria che sai co­me va a fi­ni­re, in­ve­ce in que­sto tem­po il cam­bia­men­to sia­mo noi. A vol­te lo su­bia­mo cer­can­do di adat­tar­ci, ma è ne­ces­sa­rio ave­re idee pro­prie per muo­ver­si in que­sto mer­ca­to, io cre­do sem­pre che nel­la crea­ti­vi­tà l’ispi­ra­zio­ne fac­cia la dif­fe­ren­za, cioè fin­ché hai qual­co­sa da di­re e la di­ci be­ne af­fi­dan­do­ti a qua­lun­que ti­po di stru­men­to per rag­giun­ge­re il pub­bli­co, che sia un ne­go­zio o un com­pu­ter. Cer­to da­gli an­ni ‘90 nel­la di­sco­gra­fia è cam­bia­to tut­to, ho vi­sto li­cen­zia­re co­sì tan­te per­so­ne, e si è co­sti­tui­to un si­ste­ma nuo­vo che cer­ca di usa­re gli stru­men­ti nuo­vi, ma pen­so ci sia mol­to da fa­re per pro­teg­ge­re l’arte, a li­vel­lo cul­tu­ra­le.

In più in­ter­vi­ste ha con­fes­sa­to di aver avu­to un rap­por­to con­flit­tua­le con la scrit­tu­ra, non si sen­ti­va ab­ba­stan­za con­si­de­ra­ta dal­la

cri­ti­ca co­me au­tri­ce, ma esclu­si­va­men­te per la sua vo­ce. Poi pe­rò, cre­scen­do, le co­se so­no cam­bia­te. Si è sem­pli­ce­men­te ar­re­sa o ha ma­tu­ra­to una nuo­va per­ce­zio­ne di quel­lo che sta­va scri­ven­do? In real­tà sta­vo cer­can­do il mio mo­do di scri­ve­re, per una vo­ce la no­ta vie­ne pri­ma di tut­to, ma si cre­sce e si cam­bia e al­lo­ra la vo­ce pre­ten­de la no­ta con la sua pa­ro­la giu­sta in suo­no, ma an­che in si­gni­fi­ca­to. È ve­ro che mi di­spia­ce­va es­se­re de­fi­ni­ta can­tan­te e mai can­tau­tri­ce, ma era­no mie vel­lei­tà ado­le­scen­zia­li di es­se­re no­ta­ta, ri­co­no­sciu­ta. Ci ho la­vo­ra­to un po’ su (e ci la­vo­ro an­co­ra, eh!) cam­bian­do al­cu­ni pen­sie­ri, e ades­so è una pre­te­sa che non ho più, an­zi so­no fe­li­ce di es­se­re de­fi­ni­ta con l’af­fet­to del pub­bli­co, can­tan­te e met­te­re al ser­vi­zio del can­to la par­te di me che scri­ve e vuo­le di­re co­sa ve­de in­tor­no a sé.

È no­to il suo im­pe­gno nel so­cia­le, una pas­sio­ne ci­vi­le che l’ha por­ta­ta, tra l’al­tro, a es­se­re am­ba­scia­tri­ce Uni­cef. Pen­sa che l’ar­ti­sta ab­bia il do­ve­re di sot­to­li­nea­re le con­trad­di­zio­ni del tem­po che vi­ve? Pen­so che l’ar­ti­sta deb­ba es­se­re at­ten­to al tem­po in cui vi­ve, ed espri­mer­si ri­spet­to a que­sto, non è det­to che per de­nun­cia­re qual­co­sa la si deb­ba rac­con­ta­re, l’arte per­met­te all’ani­ma di ascol­tar­si e un’ope­ra, che fa cre­sce­re l’ani­ma in­nal­zan­do la co­scien­za, au­to­ma­ti­ca­men­te gua­ri­sce cer­te brut­tu­re sen­za ci­tar­le. Nel mio ca­so io so­no un po’ ri­bel­le e spes­so mi so­no esposta non sen­za pa­ga­re qual­che da­zio, ma in ge­ne­ra­le mi pia­ce os­ser­va­re be­ne i fat­ti so­cia­li per ca­pi­re le per­so­ne e per im­pa­ra­re a ri­vol­ger­mi a lo­ro. In que­sto pe­rio­do ve­do co­se as­sur­de, bar­ba­re, che mi fan­no sof­fri­re, che spes­so ri­chie­do­no un’azio­ne, una pa­ro­la, ma non si de­ve per for­za es­se­re am­ba­scia­to­ri di nien­te per cam­bia­re le co­se, ci vo­glio­no le pic­co­le azio­ni quo­ti­dia­ne, an­che non vi­ste, per ri­chia­mar­ci al no­stro do­ve­re di es­se­re uma­ni, uma­ni ap­pun­to. A me pia­ce rac­con­ta­re le emo­zio­ni, i ri­svol­ti emotivi do­vu­ti a un fat­to, e spe­ro con la coe­ren­za di es­se­re una vo­ce che con pa­ci­fi­smo de­nun­cia.

Nel 2001, nel vi­deo di “Sa­ve the world” a so­ste­gno del­la con­di­zio­ne fem­mi­ni­le nel mon­do, ap­pa­ri­va cro­ci­fis­sa e coperta da un bur­qa, un gran­de ge­sto ico­no­cla­sta. Non pen­sa che ci sia, og­gi, an­cor più bi­so­gno di que­sti sim­bo­li­smi? Sì, ed è as­sur­do co­me mal­gra­do sia pas­sa­to il tem­po, sia­mo an­co­ra a do­ver ri­ba­di­re i prin­ci­pi ba­se dell’esi­sten­za, quel­li che so­no ugua­li per tut­ti. All’epo­ca di quel vi­deo mi pre­se­ro per paz­za…

Es­se­re un’ico­na LGBT in Ita­lia è una re­spon­sa­bi­li­tà. Che ne pen­sa? Co­me vi­ve que­sta in­co­ro­na­zio­ne spon­ta­nea da par­te del pub­bli­co gay? Que­st’in­co­ro­na­zio­ne spon­ta­nea è per me mol­to im­por­tan­te per­ché mi re­sti­tui­sce il sen­so di tut­te que­ste chiac­chie­re che fac­cio da an­ni van­tan­do­mi di di­fen­de­re il be­ne, la li­ber­tà sa­cra di ognu­no di es­se­re se stes­so. È un po’ co­me un pre­mio, un Gram­my! che mi di­ce che le scel­te fat­te a vol­te stra­ne a vol­te an­che sba­glia­te o con­tro­cor­ren­te ri­spec­chia­va­no, pe­rò, i miei in­ten­ti che quin­di so­no sta­ti com­pre­si! Con­ce­den­do­mi l’ono­re di es­se­re dal­la par­te di chi lot­ta per il di­rit­to di es­se­re, e io tro­vo ri­di­co­lo che ci si deb­ba de­fi­ni­re o eti­chet­ta­re in ba­se all’orien­ta­men­to ses­sua­le, a de­fi­nir­ci so­no le azio­ni di be­ne o ma­le, e in al­cun mo­do l’orien­ta­men­to ses­sua­le rien­tra nel­la sfe­ra del be­ne e del ma­le ma è sem­pli­ce­men­te del­la sfe­ra per­so­na­le, pro­fon­da, che mi im­por­ta a me se ami un uo­mo o una don­na, a me im­por­ta se ami! È tem­po per l’uma­ni­tà di cam­bia­re stra­da, tut­to ce lo di­ce per­fi­no ma­dre na­tu­ra, è tem­po di di­ven­ta­re gli es­se­ri in­tel­li­gen­ti e sen­si­bi­li che sia­mo pro­prio per na­tu­ra usan­do men­te e ani­ma in equi­li­brio, è tem­po per­ché è già tar­di per es­se­re noi.

19 mar­zo - MAN­TO­VA - Pa­laBam 22 mar­zo - BO­LO­GNA - Uni­pol Are­na 24 mar­zo - MI­LA­NO - Me­dio­la­num Fo­rum 28 mar­zo - GE­NO­VA - 105 Sta­dium 1 apri­le - RO­MA - Pa­laLot­to­ma­ti­ca 2 apri­le - RO­MA - Pa­laLot­to­ma­ti­ca 6 apri­le - ACIREALE (CT) - Pal’Art Ho­tel Acireale 8 apri­le - BA­RI Pa­laF­lo­rio 9 apri­le - EBOLI - (SA) Pa­laSe­le 12 apri­le - PE­RU­GIA - Pa­laE­van­ge­li­sti 13 apri­le - FI­REN­ZE - Man­de­la Fo­rum 15 apri­le - RIMINI - 105 Sta­dium 18 apri­le AN­CO­NA - Pa­laP­ro­mo­teo Estra 20 apri­le - VE­RO­NA - AGSM Fo­rum 22 apri­le - PA­DO­VA - Kioe­ne Are­na 23 apri­le - CO­NE­GLIA­NO (TV) - Zop­pas Are­na 26 apri­le - TO­RI­NO - Pa­la Al­pi­tour

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.