Ser­ra Yilmaz

LA DI­VER­SI­TÀ È UNA RIC­CHEZ­ZA

QMagazine - - SOMMARIO - di An­drea Ra­dic

At­tri­ce,Fer­zan Oz­pe­tek ha una gran­de pas­sio­ne per lei, pro­fon­da cul­tu­ra svi­lup­pa­ta in Tur­chia do­ve è na­ta e cre­sciu­ta e in Fran­cia do­ve ha stu­dia­to. Par­la tre lin­gue tra cui l’ita­lia­no, è in­ter­pre­te e a bre­ve si tra­sfe­ri­rà in Ita­lia, a Fi­ren­ze per­ché di­ce “amo il vo­stro Pae­se e la vo­stra cu­ci­na” tan­to che ha par­te­ci­pa­to all’ul­ti­ma edi­zio­ne di Ce­le­bri­ty Ma­ster­chef Ita­lia. Lei è Ser­ra Yilmaz è l’ab­bia­mo in­ter­vi­sta­ta a Ta­vo­la a Milano, do­ve ha ri­ce­vu­to il pre­mio “Queer of Co­me­dy” at­tri­bui­to­le dal “Festival Mix Milano”.

Il suo rap­por­to con la ta­vo­la è anche ci­ne­ma­to­gra­fi­co. “La ta­vo­la è con­di­vi­sio­ne, scam­bio cul­tu­ra­le, gra­zie a Fer­zan Oz­pe­tek la ta­vo­la­ta in “Le fa­te igno­ran­ti” è di­ven­ta­ta mi­ti­ca. Io ri­cor­do ta­vo­la­te del ge­ne­re a ca­sa mia a Istan­bul, mia non­na ma­ter­na era una cir­cas­sa, cre­sciu­ta nell’ha­rem del pa­laz­zo Ot­to­ma­no, ado­ra­va man­gia­re, cu­ci­na­re e far man­gia­re. Lei or­ga­niz­za­va del­le ta­vo­la­te ana­lo­ghe che era­no fa­mo­sis­si­me”.

Un gu­sto per la cu­ci­na che vie­ne da lon­ta­no... Me lo ha in­se­gna­to lei, mi ha tra­smes­so il gu­sto per la cu­ci­na e per la fi­si­ci­tà, co­me toc­ca­re la pasta fre­sca, Istan­bul è un cro­ce­via ali­men­ta­re e ga­stro­no­mi­co, una por­ta tra Orien­te e Oc­ci­den­te. A Milano lei ha ri­ce­vu­to il pre­mio Queen of Co­me­dy al Festival Mix Milano. Pen­so che la di­ver­si­tà sia una gran­de ric­chez­za e pur­trop­po sia­mo in real­tà an­co­ra mol­to in­die­tro, do­vrem­mo es­se­re de­ci­sa­men­te più avan­ti nell’ac­cet­ta­zio­ne del­le per­so­ne che ama­no di­ver­sa­men­te e che, so­prat­tut­to si sen­to­no di­ver­se. Dob­bia­mo ri­spet­ta­re la di­ver­si­tà non tol­le­rar­la. Si può tol­le­ra­re un er­ro­re, ma qui non sia­mo di fron­te ad un er­ro­re, quin­di la pa­ro­la giu­sta è ri­spet­to della lo­ro di­ver­si­tà che, ri­pe­to, è una ric­chez­za. In Ita­lia so­no sta­ti pas­si in avan­ti co­me sul­le unio­ni ci­vi­li, anche se io non so­no per il ma­tri­mo­nio gay. Ci scher­zo sem­pre di­cen­do que­sta sof­fe­ren­za ti­pi­ca de­gli ete­ro de­ve es­ser­ci anche per i gay.

Lei si di­ver­te a fare l’at­tri­ce? Mol­to, mi di­ver­to mol­to è per nul­la al mon­do vor­rei cam­bia­re que­sto me­stie­re fa­vo­lo­so, che mi ren­de fe­li­ce.

La pri­ma vol­ta che il re­gi­sta Fer­zan Oz­pe­tek l’ha chia­ma­ta per un film, co­me è an­da­ta? In real­tà non mi ha chia­ma­ta, ci sia­mo co­no­sciu­ti nel 1997 a Stra­sbur­go du­ran­te una ras­se­gna di ci­ne­ma tur­co, e lui mi ha det­to che gli sa­reb­be pia­ciu­to mol­to la­vo­ra­re co­me me. Non lo pre­si

per nul­la sul se­rio, spes­so i re­gi­sti di­co­no co­sì per cor­te­sia, e lui ri­ma­se col­pi­to da que­sta mia in­dif­fe­ren­za. Og­gi lo rac­con­ta lui stes­so e ri­cor­da che gli ri­spo­si in mo­do qua­si al­tez­zo­so (ri­de al pen­sie­ro).

Lei è na­ta a Istan­bul è cre­sciu­ta do­ve? So­no na­ta nel­la stu­pen­da cit­tà sul Bo­sfo­ro, ci so­no cre­sciu­ta e a Istan­bul vi­vo tutt’ora. A bre­ve mi tra­sfe­ri­rò in Ita­lia a Fi­ren­ze.

Qual è il pro­fu­mo della sua in­fan­zia? Quan­do ave­vo sei an­ni han­no aper­to nel no­stro quar­tie­re un Ke­bab, per noi era co­me la cu­ci­na ci­ne­se, un sa­po­re eso­ti­co, che ve­ni­va da lon­ta­no, non si de­ve cre­de­re che il Ke­bab fos­se co­no­sciu­to, è ar­ri­va­to a Istan­bul ne­gli an­ni ses­san­ta. Quan­do mia ma­dre mi ve­ni­va a pren­de­re al­la scuo­la ele­men­ta­re e mi portava a man­gia­re qual­co­sa lì, ri­cor­do che ero tut­ta ec­ci­ta­ta per­chè era una gran­de no­vi­tà.

Lei ha pre­so parte a Ce­le­bri­ty Ma­ster­chef, che espe­rien­za è sta­ta, co­sa c’è di ve­ro e co­sa è fin­zio­ne. Tut­to as­so­lu­ta­men­te ve­ro. Ciò che più mi è pia­ciu­to è sta­to co­no­sce­re per­so­ne mol­to sim­pa­ti­che che con­ti­nuo vo­len­tie­ri a fre­quen­ta­re.

In boc­ca al lu­po Si­gno­ra Yilmaz. Che il lu­po cam­mi­ni con me, io non vo­glio uc­ci­der­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.