CH­RI­STOF IN­NE­RHO­FER

Cam­pio­ne di sci e Cam­pio­ne di bel­lez­za e dol­cez­za

QMagazine - - DA PRIMA PAGINA - Di Pao­lo Co­lom­bo

Seai tem­pi del­le an­ti­che olim­pia­di gre­che fos­se esi­sti­to an­che lo sci, si­cu­ra­men­te una sta­tua l’avreb­be me­ri­ta­ta Ch­ri­stof In­ne­rho­fer, fi­si­co per­fet­to, scol­pi­to, qua­si fos­se di mar­mo tra i più pre­gia­ti. Chis­sà co­me lo avreb­be po­tu­to de­scri­ve­re Ome­ro in uno dei suoi poe­mi o co­me lo avreb­be­ro di­pin­to i pit­to­ri dell’an­ti­ca gre­cia, for­se in­can­ta­ti an­ch’es­si dal­lo sguar­do e da­gli oc­chi az­zur­ri del­lo scia­to­re che so­no di una dol­cez­za e di una bel­lez­za sen­za egua­li. Ma non sia­mo ad Olim­pia, tre­mi­la an­ni fa, ben­sì in Al­to Adi­ge, nel pae­si­no di Gais, cin­que chi­lo­me­tri a Nord di Bru­ni­co, nel­la ma­gia del­le val­li di mon­ta­gna. Qui in­con­tria­mo il Cam­pio­ne del­lo Sci ita­lia­no, che non è cam­pio­ne so­no nel suo sport ma an­che cam­pio­ne di gen­ti­lez­za e di dol­cez­za. Ba­sta par­la­re cin­que mi­nu­ti con lui per ri­ma­ne­re let­te­ral­men­te in­can­ta­ti non so­lo dal­la bel­lez­za, ma pu­re dal­la ge­nui­ni­tà e dal­la dol­cez­za di que­sto ado­ne di 33 an­ni. Il pal­ma­res di In­ne­rho­fer par­la da so­lo: Cam­pio­ne del Mon­do di Su­per­gi­gan­te nel 2011, due me­da­glie olim­pi­che, tre mon­dia­li ed un in­fi­ni­tà di po­di col­le­zio­na­ti in car­rie­ra.

Ch­ri­stof che co­sa è per te lo sci ?

“Lo sci è sen­za om­bra di dub­bio la mia vi­ta, è quel­lo che ho fat­to da sem­pre, uno sport bel­lis­si­mo . Amo la ve­lo­ci­tà, l’adre­na­li­na e vo­glio sem­pre es­se­re più ve­lo­ce, que­sto for­se è il mo­ti­vo che, pur aven­do 33 an­ni ho an­co­ra mol­ta pas­sio­ne per que­sto sport, for­se più di quel­la che ave­vo pri­ma, quan­do ero più gio­va­ne”.

Ma quan­do è na­ta que­sta pas­sio­ne?

“Beh, sin da pic­co­lo. Ho avu­to la for­tu­na di pra­ti­ca­re di­ver­si sport, ma del­lo sci mi so­no in­na­mo­ra­to su­bi­to. L’idea del­la ve­lo­ci­tà, del­le cur­ve, dei sal­ti che fai già da pic­co­li­no mi ga­sa­va mol­to. Sin da su­bi­to so­no ar­ri­va­ti i ri­sul­ta­ti e que­sto mi ha fat­to pro­pen­de­re per lo sci, ab­ban­do­nan­do gli al­tri sport “.

Ve­lo­ci­tà si­gni­fi­ca an­che adre­na­li­na a mil­le…

Sì sì, si­cu­ra­men­te, la ve­lo­ci­tà è il bel­lo del­la com­pe­ti­zio­ne, del­la ga­ra, la vo­glia di es­se­re il mi­glio­re quan­to ti lan­ci dal can­cel­let­to di par­ten­za. L’adre­na­li­na ti sa­le a mil­le non so­lo per la ve­lo­ci­tà, ma per l’idea del­la sfi­da. At­ten­zio­ne non è la sfi­da con­tro gli al­tri, ma una sfi­da con­tro il tem­po. Si­cu­ra­men­te non è una sfi­da con­tro me stes­so. So­no sem­pre mol­to se­re­no con me stes­so, an­che quan­do va­do a let­to al­la se­ra mi di­co spes­so che più di co­sì non po­te­vo fa­re, so­prat­tut­to quan­do ma­ga­ri il ri­sul­ta­to non ar­ri­va per po­chi mil­le­si­mi di se­con­do. Io di­co sem­pre che per­de­re aiu­ta a vin­ce­re in fu­tu­ro!

Rim­pian­ti per l’ul­ti­ma Olim­pia­de in Co­rea del Sud?

Nes­su­no, a 33 an­ni di me­da­glie olim­pi­che ne ho già vin­te due. Peg­gio sa­reb­be se aves­si vin­to tut­to ma non fos­si mai sa­li­to sul po­dio a cin­que cer­chi. A ca­sa con­ser­vo, con mol­ta ge­lo­sia, l’ar­gen­to ed il bron­zo di So­chi 2014, le guar­do spes­so e mi di­co che va be­ne co­sì. Cer­to che uno vor­reb­be sem­pre vin­ce­re, è co­me uno che ha un bel la­vo­ro, una bel­la ca­sa, ma vor­reb­be sem­pre di più. Al­la fi­ne nel­la vi­ta bi­so­gna ac­con­ten­tar­si di quel­lo che ha, lo stes­so di­scor­so va­le nel­lo sport, non bi­so­gna mai ave­re rim­pian­ti e guar­da­re in­die­tro.

Ch­ri­stof In­ne­rho­fer fo­to­gra­fa­to da Gio­van­ni Squa­tri­ti per la ri­vi­sta Sport­week

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.