Ri­tu Dal­mia

QMagazine - - SOMMARIO - Di Pao­lo Co­lom­bo

Mi­la­no ha fi­nal­men­te il suo ri­sto­ran­te di cu­ci­na in­dia­na con­tem­po­ra­nea: Cit­ta­ma­ni, un no­me che evo­ca la fi­gu­ra fem­mi­ni­le del Bud­d­ha. Un luo­go in cui l’In­dia au­ten­ti­ca in­con­tra le ec­cel­len­ze ita­lia­ne, na­to dall’estro cu­li­na­rio di Ri­tu Dal­mia e da un gran­de amo­re per l’Ita­lia.

Da co­sa na­sce que­sto amo­re, que­sta pas­sio­ne per l’Ita­lia? Mi so­no in­na­mo­ra­ta dell’Ita­lia da ra­gaz­zi­na, du­ran­te un viag­gio con la scuo­la, so­no sta­ta a Ro­ma per cir­ca un me­se e il mio più gran­de de­si­de­rio era quel­lo di man­gia­re pa­sta al po­mo­do­ro e sco­pri­re il ci­bo ita­lia­no, non mi stan­ca­va mai! Poi, gra­zie a mio pa­dre e al suo la­vo­ro, ho avu­to la for­tu­na di gi­ra­re l’Ita­lia e di sco­prir­ne le bel­lez­ze.

Le pia­ce ov­via­men­te an­che la cu­ci­na ita­lia­na ! Qua­le è il piat­to che pre­fe­ri­sce? Non sa­prei sce­glie­re, ado­ro la cu­ci­na ita­lia­na! Mi piac­cio­no gli aran­ci­ni si­ci­lia­ni, le lin­gui­ne al­le von­go­le, la pa­sta al po­mo­do­ro, la bur­ra­ta.

Uno che ama par­ti­co­lar­men­te cu­ci­na­re? A De­lhi ha ri­scos­so gran­de suc­ces­so il ri­sto­ran­te “Di­va Ita­lian”. Sì, qui cu­ci­no in­dia­no ma a De­hli va­do for­te con la cu­ci­na ita­lia­na, è la mia pas­sio­ne! Il mio ri­sto­ran­te ita­lia­no all’in­ter­no del con­so­la­to ita­lia­no a De­hli è sta­to una scom­mes­sa vin­cen­te. Un mo­del­lo che in tan­ti con­so­la­ti han­no cer­ca­to di re­pli­ca­re sen­za lo stes­so suc­ces­so.

Fi­nal­men­te a Mi­la­no ab­bia­mo un ri­sto­ran­te di lus­so con­tem­po­ra­neo in­dia­no, co­sì ave­va­te scrit­to su­gli an­nun­ci… co­me sta an­dan­do que­sta av­ven­tu­ra? Pre­fe­ri­sco non par­la­re di lus­so, Cit­ta­ma­ni è un ri­sto­ran­te ele­gan­te, col­to e di de­si­gn ma con

un cuo­re “smart ca­sual. Di­rei che sta an­dan­do be­ne, ab­bia­mo aper­to ad ot­to­bre e og­gi ab­bia­mo un’al­ta per­cen­tua­le di clien­ti abi­tua­li.

È un so­gno che per lei si è rea­liz­za­to ? Lo è as­so­lu­ta­men­te. Non ho avu­to dub­bi nel sce­glie­re l’Ita­lia e Mi­la­no per apri­re il mio pri­mo ri­sto­ran­te in­dia­no in Eu­ro­pa. Ho l’In­dia nei ge­ni e l’Ita­lia nel cuo­re, ita­lia­ni e in­dia­ni so­no mol­to si­mi­li, mol­to le­ga­ti al­la fa­mi­glia, al­le tra­di­zio­ni, al­la cu­ci­na.

Si sen­te un po’ co­me se fos­se la pro­fes­so­res­sa uni­ver­si­ta­ria, ci per­do­ni il pa­ra­go­ne, che de­ve in­se­gna­re agli ita­lia­ni la co­no­scen­za del­la cu­ci­na, dei piat­ti in­dia­ni? Quel­lo che gli stra­nie­ri co­no­sco­no dell’ali­men­ta­zio­ne in­dia­na non ri­spec­chia la real­tà. Gli ita­lia­ni pen­sa­no ad una cu­ci­na estre­ma­men­te spe­zia­ta, ma quel­lo che si cu­ci­na nel­le ca­se non è co­sì. Il ci­bo in­dia­no che il pub­bli­co ita­lia­no im­pa­re­rà a co­no­sce­re è quel­lo più au­ten­ti­co e ca­sa­lin­go: una pic­co­la ri­vo­lu­zio­ne del gu­sto che sve­la una cu­ci­na ina­spet­ta­ta­men­te de­li­ca­ta, che fa un uso estre­ma­men­te do­sa­to del­le spe­zie (un so­lo ti­po per piat­to) e ci of­fre un esem­pio di co­me, an­co­ra una vol­ta, una cu­ci­na an­ti­chis­si­ma pos­sa ri­sul­ta­re mo­der­na ed equi­li­bra­ta

Che co­sa si de­ve co­no­sce­re prin­ci­pal­men­te di que­sta cu­ci­na ? La mia cu­ci­na at­tin­ge lar­ga­men­te al­le espe­rien­ze che ho vis­su­to e met­to in me­nù ciò che io amo e i piat­ti che ri­ten­go pos­sa­no spo­sar­si con il pa­la­to ita­lia­no, sen­za stra­vol­ger­li: un as­sag­gio di Cal­cut­ta, un toc­co di Ke­ra­la, il ci­bo di stra­da di Mum­bai, in­sie­me al­le ec­cel­len­ze re­gio­na­li ita­lia­ne. Scel­go mol­ti piat­ti del­la tra­di­zio­ne ve­ge­ta­ria­na in­dia­na, e pro­pon­go il con­cet­to di “con­di­vi­sio­ne”: gli ospi­ti pos­so­no sce­glie­re in­fat­ti tra una gran­de va­rie­tà di piat­ti in ver­sio­ne sia pic­co­la che gran­de, in mo­do da gu­sta­re, spe­ri­men­ta­re e con­di­vi­de­re un’espe­rien­za fat­ta di tan­ti di­ver­si as­sag­gi.

Pos­sia­mo di­re che, do­po Ex­po 2015, con tut­te le espe­rien­ze cu­li­na­rie del­le va­rie cu-

ci­ne del mon­do, Mi­la­no è di­ven­ta­ta per ec­cel­len­za la ca­pi­ta­le ita­lia­na del buon ci­bo? Quel­le che si può di­re è che Mi­la­no, e an­cor più do­po Ex­po, è una cit­tà co­smo­po­li­ta, cu­rio­sa e pron­ta a com­pren­de­re le cu­ci­ne del Mon­do.

Re­cen­te­men­te ha det­to che la co­sa che ama di più è man­gia­re, an­co­ra più che viag­gia­re, è ve­ro? Amo sia viag­gia­re che man­gia­re, quan­do viag­gio, mi pia­ce sco­pri­re luo­ghi e sa­po­ri. E quel­lo che mi re­sta nel cuo­re mi pia­ce poi cu­ci­nar­lo e pro­por­lo ai miei ospi­ti. Ec­co per­ché a New De­hli ho un ri­sto­ran­te, Di­va Spi­ced, in cui pro­pon­go i piat­ti dal mon­do che più mi han­no col­pi­ta du­ran­te i miei viag­gi.

Lei non ha na­sco­sto mai la sua omo­ses­sua­li­tà in In­dia, do­ve il ri­co­no­sci­men­to dei di­rit­ti è tar­da­to ad ar­ri­va­re. Giu­sto per es­se­re pre­ci­sa, non ab­bia­mo an­co­ra al­cun di­rit­to le­ga­le: la bat­ta­glia in que­sto mo­men­to non ri­guar­da i di­rit­ti, ma pri­ma di tut­to il non es­se­re con­si­de­ra­ti dei cri­mi­na­li, men­tre il pas­so suc­ces­si­vo sa­reb­be quel­lo chie­de­re di­rit­ti le­ga­li. In ef­fet­ti non ho mai na­sco­sto la mia ses­sua­li­tà, e per­ché do­vrei? Non me ne so­no mai ver­go­gna­ta. Per­ché da su­bi­to ha scel­to di di­re real­men­te chi era? Non mi so­no mai na­sco­sta ma non ho mai nep­pu­re sen­ti­to il bi­so­gno di in­dos­sa­re una t-shirt per an­nun­cia­re la mia ses­sua­li­tà. La mia fa­mi­glia e gli ami­ci, ov­ve­ro le per­so­ne che real­men­te con­ta­no per me, mi co­no­sco­no per ciò che so­no. In pas­sa­to, do­po un pe­rio­do di quat­tro an­ni vis­su­to a Lon­dra so­no tor­na­ta a De­lhi e ho de­ci­so di par­la­re con i miei ge­ni­to­ri. Mia ma­dre in quel fran­gen­te si zit­tì e non dis­se una pa­ro­la. Due gior­ni do­po, in­viò una sca­to­la di man­go al­la mia com­pa­gna. Non ne ho mai par­la­to in pub­bli­co per una sem­pli­ce ra­gio­ne: vo­le­vo es­se­re co­no­sciu­ta co­me una chef di ta­len­to, ma non co­me una chef le­sbi­ca. Chi amia­mo o con chi de­ci­dia­mo di dor­mi­re non do­vreb­be es­se­re il mo­ti­vo per cui di­ven­tia­mo no­ti.

Quan­to ci si li­be­ra da pre­giu­di­zi, da dif­fi­den­ze, fa­cen­do co­ming-out ? For­se uscen­do al­lo sco­per­to, fa­cen­do “co­ming out” pos­so in­co­rag­gia­re gli al­tri ad es­se­re più co­rag­gio­si, più for­ti nel­le lo­ro scel­te. Tut­ta­via de­ve sem­pre es­se­re una de­ci­sio­ne per­so­na­le, per­ché le per­so­ne de­vo­no af­fron­ta­re rea­zio­ni di­ver­se in con­te­sti di­ver­si. Pos­so so­lo rac­con­ta­re la mia espe­rien­za per­so­na­le e of­fri­re aiu­to e sup­por­to.

La do­man­da la po­ne un gior­na­li­sta spor­ti­vo, per ora uni­co in Ita­lia ad aver­lo fat­to. È suc­ces­so nel 2008, lo fe­ci pub­bli­ca­men­te in tv e mi sen­tii fi­nal­men­te li­be­ra­to da un pe­so a 41 an­ni, è suc­ces­so que­sto an­che per lei? Co­me ho det­to, io in real­tà non ho mai na­sco­sto la mia ses­sua­li­tà, no­no­stan­te vi­va in un Pae­se in cui l’omo­ses­sua­li­tà è pu­ni­bi­le con set­te an­ni di car­ce­re. Una co­sa che so­no cer­ta di non es­se­re, è co­dar­da; non lo so­no mai sta­ta e spe­ro di non di­ven­tar­lo mai. Ho pe­rò di­chia­ra­to aper­ta­men­te la mia omo­ses­sua­li­tà per por­ta­re que­sto ca­so all’at­ten­zio­ne del­la più al­ta Cor­te del mio Pae­se, in mo­do da cam­bia­re que­sta leg­ge ri­di­co­la. Ero mol­to a di­sa­gio a ri­guar­do, non per­ché mi ver­go­gnas­si, ma per­ché si­gni­fi­ca­va an­che met­te­re le per­so­ne a cui ten­go sot­to i ri­flet­to­ri e for­se an­che in pe­ri­co­lo, ma cre­do che se, vo­glia­mo un cam­bia­men­to, dob­bia­mo tut­ti fa­re qual­co­sa di con­cre­to piut­to­sto che li­mi­tar­ci a par­lar­ne.

Det­to che, se­con­do me, gli omo­ses­sua­li han­no una mar­cia in più. Non so­no d’ac­cor­do con que­sta af­fer­ma­zio­ne, per­ché pen­so che gli omo­ses­sua­li sia­no co­me tut­ti gli al­tri es­se­ri uma­ni, con i lo­ro di­fet­ti uma­ni fon­da­men­ta­li ... Co­sa c’è di di­ver­so? An­dia­mo a la­vo­ra­re co­me gli al­tri, ab­bia­mo gli stes­si pro­ble­mi nel­le re­la­zio­ni co­me gli ete­ro­ses­sua­li .. al­la fi­ne non cam­bi la na­tu­ra uma­na so­lo per­ché sce­gli di ama­re qual­cu­no del tuo stes­so ses­so. Che co­sa ha in più de­gli al­tri chef Ri­tu Dal­mia? L’umil­tà. E la vo­lon­tà di im­pa­ra­re an­co­ra, di os­ser­va­re at­ten­ta­men­te e cer­ca­re di mi­glio­ra­re.

Che co­sa è per lei l’amo­re?

Oh ca­ro, se aves­si una ri­spo­sta a que­sta do­man­da, sa­rei mi­liar­da­ria! Ma per me è una per­so­na che sia il pri­mo pen­sie­ro quan­do mi sve­glio e l’ul­ti­mo pri­ma di dor­mi­re. L’amo­re è un sen­ti­men­to co­sì for­te da po­ter­lo sen­ti­re in ogni cel­lu­la del tuo cor­po, l’amo­re è quan­do i tuoi oc­chi si il­lu­mi­na­no mo­men­to in cui ve­di una per­so­na sor­ri­de­re, l’amo­re è quan­do l’al­tra per­so­na sta ma­le e sei tu quel­la che non rie­sce a smet­te­re di pian­ge­re… po­trei an­da­re avan­ti an­co­ra e an­co­ra.

Quan­to co­no­sce del­le lot­te che so­no sta­te fat­te in Ita­lia per ave­re le Unio­ni Ci­vi­li? Ho mol­ti ami­ci gay in Ita­lia e ho se­gui­to l’in­te­ra evo­lu­zio­ne del pro­ces­so di ri­co­no­sci­men­to del­le unio­ni ci­vi­li ne­gli an­ni.

So­gna un fu­tu­ro do­ve l’omo­ses­sua­li­tà sia vis­su­ta co­me una co­sa nor­ma­le? Pos­so par­la­re so­lo in me­ri­to all’In­dia, un Pae­se in cui l’omo­ses­sua­li­tà è raf­fi­gu­ra­ta nei li­bri an­ti­chi, sui tem­pli, ne­gli dei ed è sem­pre sta­ta nor­ma­le. Tor­ne­rà a es­ser­lo, io so­no ot­ti­mi­sta e spe­ro di es­se­re pre­sen­te quel gior­no.

Se­con­do lei è un’uto­pia? Tutt’al­tro. Pen­so sia un con­cet­to fuor­vian­te ma dif­fu­sis­si­mo sul mo­do di vi­ve­re LGBT. Si pen­sa che sia una vi­ta al­ter­na­ti­va e “di­ver­sa” men­tre per me il ful­cro del­la bat­ta­glia è af­fer­ma­re l’esat­to con­tra­rio. è una vi­ta nor­ma­le co­me tut­te le al­tre, con i suoi pro e i suoi con­tro.

Cit­ta­ma­ni One night in New De­hli

Cit­ta­ma­ni - Poo­ri ri­pie­ni con pi­sel­li, bur­ra­ta e chut­ney di po­mo­do­ro

Cit­ta­ma­ni - Cock­tail bar

Pol­po e pa­ta­te al­la Cit­ta­ma­ni

Cit­ta­ma­ni - Sa­la prin­ci­pa­le

Co­sto­let­ta di agnel­lo al tan­doo­ri e pu­rea di pa­ta­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.