ELOGIO DEL SUPERFLUO

a cu­ra di Ge­rar­do Aba­te

QMagazine - - SOMMARIO -

Mon­key Lamp di Se­let­ti, il giu­sto equi­li­brio tra uo­mo e na­tu­ra

Mon­key Lamp è una crea­zio­ne di Mar­can­to­nio Rai­mon­di Ma­ler­ba per Se­let­ti. Frut­to di un lun­go pro­ces­so di con­ta­mi­na­zio­ne tra uo­mo e na­tu­ra; ca­rat­te­ri­sti­ca che ri­tor­na co­me una co­stan­te nel la­vo­ro di Ma­ler­ba. Un og­get­to che, at­tac­ca­to ad una lia­na del­la fo­re­sta, oscil­la con iro­nia tra de­si­gn e ar­te. La scim­mia di Se­let­ti è cu­rio­sa per na­tu­ra. A ve­der­la nel­le ca­se di cit­tà, con que­sto bul­bo di lam­pa­di­na in ma­no, pa­re che si sia in­tru­fo­la­ta di na­sco­sto per fic­ca­re il na­so nell’in­ti­mo del­la spe­cie uma­na. Un toc­co di ar­re­do iro­ni­co, si­cu­ra­men­te sce­no­gra­fi­co che in­vi­ta chi lo guar­da a ri­cor­da­re sem­pre e co­mun­que da do­ve sia­mo ve­nu­ti. Prez­zo a par­ti­re da €199.

Dy­son Su­per­so­nic, l’asciu­ga­ca­pel­li più ca­ro del mon­do

So­no ser­vi­ti cin­que an­ni di stu­di, 103 in­ge­gne­ri e in­nu­me­re­vo­li te­st di svi­lup­po per rea­liz­za­re l’asciu­ga­ca­pel­li Dy­son Su­per­so­nic, il più co­sto­so al mon­do. Con un in­ve­sti­men­to di 70 mi­lio­ni di eu­ro da par­te di Mr Dy­son e ben 1625 km di ca­pel­li asciu­ga­ti du­ran­te i te­st, si trat­ta sen­za dub­bio di un asciu­ga­ca­pel­li più uni­co che ra­ro. Il pez­zo for­te di que­sto con­cen­tra­to di tec­no­lo­gia è il suo de­si­gn e il mo­to­re di­gi­ta­le (49gr) in­se­ri­to nell’im­pu­gna­tu­ra, che lo ren­do­no su­per po­ten­te e ma­neg­ge­vo­le. Tre ve­lo­ci­tà e tre tem­pe­ra­tu­re tra cui sce­glie­re, per il pia­ce­re di un’asciu­ga­tu­ra estre­ma­men­te ra­pi­da e si­len­zio­sa. Uni­ca no­ta ne­ga­ti­va, il prez­zo 399€.

Heat­works Te­tra, mai più guer­re per la­va­re i piat­ti

È ar­ri­va­ta! Non fac­cia­mo fin­ta di non aver­la at­te­sa per una vi­ta in­te­ra: stia­mo par­lan­do del­la so­lu­zio­ne al pro­ble­ma del­le guer­re at­tor­no a chi de­ve la­va­re i piat­ti in cu­ci­na. Toc­ca a te, no toc­ca a te: da og­gi toc­che­rà so­lo a lei, Het­works Te­tra. La la­va­sto­vi­glie più com­pat­ta che ab­bia­te mai vi­sto, è por­ta­ti­le e non ne­ces­si­ta di col­le­ga­men­ti idrau­li­ci. Ba­ste­rà ag­giun­ge­re a ma­no qual­che bic­chie­re d’ac­qua, me­no di 2 li­tri, e il gio­co è fat­to. Il ri­spar­mio sull’ac­qua usa­ta per un la­vag­gio a ma­no è no­te­vo­le, per due per­so­ne rag­giun­ge cir­ca 6000 li­tri all’an­no. E in più ha un look mo­der­no, stu­rut­tu­ra tra­spa­ren­te e car­rel­lo co­lo­ra­to che le do­na un toc­co di tren­dy. Sa­rà di­spo­ni­bi­le da fi­ne 2018, prez­zo $300.

La Pol­tro­na Prou­st, il Ma­de in Ita­ly fa­mo­so in tut­to il mon­do

Ci so­no og­get­ti che pri­ma di es­se­re rea­liz­za­ti so­no già de­sti­na­ti a fa­re la sto­ria, la pol­tro­na Prou­st di Ales­san­dro Men­di­ni è sen­za dub­bio uno di que­sti. Pro­dot­to di pun­ta del de­si­gn Ma­de in Ita­ly nel mon­do, rac­chiu­de in sé l’amo­re per la let­te­ra­tu­ra, l’ar­te e la ri­cer­ca. Men­di­ni, gran­de ap­pas­sio­na­to del­le ope­re di Prou­st, im­ma­gi­nò co­me po­tes­se es­se­re una pol­tro­na per lui. Da que­sto sem­pli­ce pen­sie­ro ini­ziò un lun­go la­vo­ro di ri­cer­ca che lo por­tò al­la rea­liz­za­zio­ne del­la pri­ma pol­tro­na nel 1978. Fu un tri­pu­dio di pun­ti­ni, ispi­ra­to dai Pun­ti­ni­sti pa­ri­gi­ni e in par­ti­co­la­re da un qua­dro di Paul Si­gnac. La pol­tro­na Prou­st è og­gi di­spo­ni­bi­le sia per in­ter­ni che per ester­ni in sva­ria­ti co­lo­ri, uno più re­ga­le dell’al­tro. Prez­zo a par­ti­re da €756.

Nau­ti­lus, il so­gno di un vi­sio­na­rio di­ve­nu­to real­tà

Nau­ti­lus di Bo­wers & Wil­kins è na­to per la pri­ma vol­ta in un so­gno, che ha pre­so for­ma tra il cuo­re e la men­te del fon­da­to­re John Bo­wers. La sua idea era quel­la di rea­liz­za­re il dif­fu­so­re au­dio per­fet­to, che fos­se in gra­do di re­sti­tui­re all’ascol­ta­to­re il suo­no crea­to in sa­la di re­gi­stra­zio­ne con di­sto­ri­sio­ni pros­si­me a ze­ro. È il ri­sul­ta­to di un am­bi­zio­so pro­get­to di ri­cer­ca e svi­lup­po du­ra­to 5 an­ni. Co­strui­to con gli stes­si ma­te­ria­li del­le For­mu­la Uno, è rea­liz­za­bi­le su ri­chie­sta in una gam­ma infinita di co­lo­ri. La for­ma se­gue la fun­zio­ne nel­la ri­cer­ca del­la per­fe­zio­ne so­no­ra, è pri­vo di spi­go­li per evi­ta­re dif­fra­zio­ni del suo­no, ed è di­ven­ta­to una ve­ra ico­na del de­si­gn. Oc­chio al pe­so 90kg, ma so­prat­tut­to al prez­zo €33.000.

Mon­key Lamp

Dy­son Su­per­so­nic

Pol­tro­na Prou­st

Nau­ti­lus

Heat­works Te­tra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.