IN­TER­VIEW

La Sin­da­ca di Zu­ri­go - Co­ri­ne Mau­ch

QMagazine - - SOMMARIO - Mau­ro Fan­fo­ni

Lei è la pri­ma don­na e la pri­ma di­chia­ra­ta­men­te omo­ses­sua­le elet­ta sin­da­co e con un se­con­do man­da­to nel­la più gran­de cit­tà Sviz­ze­ra: co­me ci si sen­te? Mi pia­ce mol­to es­se­re la Sin­da­ca del­la Cit­tà di Zu­ri­go e so­no mol­to fe­li­ce che i miei cit­ta­di­ni mi ab­bia­no da­to an­co­ra una vol­ta la lo­ro fi­du­cia per i pros­si­mi 4 an­ni di man­da­to, 2018 - 2022. Una don­na a ca­po di una cit­tà co­me Zu­ri­go è an­co­ra un’ec­ce­zio­ne e mi au­gu­ro che sem­pre più Sin­da­ci don­ne sia­no elet­te in Sviz­ze­ra e all’este­ro. Zu­ri­go è una cit­tà aper­ta e tol­le­ran­te e la mia vi­ta pri­va­ta non è un pro­ble­ma per la par­te pub­bli­ca: i po­li­ti­ci do­vreb­be­ro es­se­re giu­di­ca­ti in ba­se ai lo­ro at­teg­gia­men­ti e pro­get­ti, e non per le lo­ro vi­te pri­va­te.

Qua­li so­no le prin­ci­pa­li po­li­ti­che so­cia­li che sta­te pia­ni­fi­can­do per il fu­tu­ro del­la cit­tà, in ma­te­ria di LGBTQI?

Il no­stro obiet­ti­vo è pre­ser­va­re una buo­na con­vi­ven­za in una cit­tà aper­ta, di­ver­si­fi­ca­ta e so­li­da­le, svi­lup­pan­do ul­te­rior­men­te la no­stra qua­li­tà di vi­ta, per tut­ti gli abi­tan­ti di Zu­ri­go. Per quan­to ri­guar­da l’LGBTQI in ter­mi­ni con­cre­ti, ab­bia­mo am­plia­to il no­stro Uf­fi­cio per l’Ugua­glian­za di Ge­ne­re per le que­stio­ni LGBTQI e dal­lo scor­so mar­zo sia­mo la pri­ma am­mi­ni­stra­zio­ne sviz­ze­ra a so­ste­ne­re l’in­se­ri­men­to di per­so­ne trans nei luo­ghi di la­vo­ro.

Qual è la sua gior­na­ta ti­po?

L’aspet­to ec­ci­tan­te del mio la­vo­ro è de­ci­sa­men­te la va­rie­tà. So­no sem­pre in con­tat­to con una va­sta gam­ma di per­so­ne e mi oc­cu­po di una gran­de mol­te­pli­ci­tà di ar­go­men­ti: da una nuo­va Mo­stra al­le let­te­re dei cit­ta­di­ni che ri­ce­vo e che ri­guar­da­no tut­ti i pos­si­bi­li aspet­ti del­la vi­ta quo­ti­dia­na. I con­te­nu­ti e gli ar­go­men­ti nel­la mia vi­ta di tut­ti i gior­ni so­no mol­to di­ver­si. Quel­lo che ri­ma­ne ugua­le è la for­ma: mol­te riu­nio­ni e da­te di rap­pre­sen­tan­za.

Se le ve­nis­se­ro chie­sti 5 luo­ghi mu­st as­so­lu­ta­men­te da ve­de­re a Zu­ri­go qua­li con­si­glie­reb­be?

In pri­mis il Nie­der­dorf, la cit­tà vec­chia con le sue stra­de sto­ri­che e il Gross­mün­ster co­me cen­tro del­la Ri­for­ma del­la cit­tà, il cui cin­quan­te­si­mo an­ni­ver­sa­rio ver­rà ce­le­bra­to fi­no al 2019. A se­gui­re Zu­ri­ch- We­st e il quar­tie­re del­la Lang­stras­se: Zu­ri­go ha una del­le più al­te den­si­tà di lo­ca­li in Eu­ro­pa. Poi l’ac­qua: con il la­go e i due fiu­mi Lim­mat e Si­hl, Zu­ri­go è una cit­tà d’ac­qua. Ci so­no ben 25 pi­sci­ne all’aper­to in cit­tà. Al­cu­ne di lo­ro si tra­sfor­ma­no an­che in bar la se­ra.

Clas­se 1960 Co­ri­ne Mau­ch da mag­gio 2009 è Sin­da­ca di Zu­ri­go. Rie­let­ta per il se­con­do man­da­to a Mar­zo di que­st’an­no, è la pri­ma don­na e la pri­ma per­so­na di­chia­ra­ta­men­te omo­ses­sua­le al­la gui­da del­la più gran­de cit­tà del­la Sviz­ze­ra. Il suo obiet­ti­vo è quel­lo di fa­re del cen­tro ur­ba­no un mo­del­lo di so­ste­ni­bi­li­tà e ugua­glian­za a 360°, no­no­stan­te l’in­cre­men­to de­mo­gra­fi­co. In que­sta in­ter­vi­sta Co­ri­ne Mau­ch ci rac­con­ta il la­vo­ro svol­to e pro­get­ti fu­tu­ri e un “piz­zi­co” di lei.

Zu­ri­go

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.