Scom­pa­re per cin­que gior­ni Era una fu­ga col fi­dan­za­to

Era con il fi­dan­za­to. In­sie­me si so­no pre­sen­ta­ti ai ca­ra­bi­nie­ri

Quotidiano di Puglia (Brindisi) - - Da Prima Pagina - di Ma­ria­te­re­sa LANZILLOTTI

Esce di ca­sa per in­con­tra­re gli ami­ci e scom­pa­re. La fa­mi­glia si ri­vol­ge ai ca­ra­bi­nie­ri e a San Vi­to scat­ta­no le ri­cer­che. L’epi­lo­go, sta­vol­ta fe­li­ce, do­po cin­que gior­ni: la 16en­ne si pre­sen­ta in ca­ser­ma in com­pa­gnia del fi­dan­za­to di 21 an­ni. For­tu­na­ta­men­te, il gial­lo si è ri­sol­to in una sem­pli­ce fu­ga d’amo­re. Pau­ra a par­te, al­me­no il ca­so san­vi­te­se si è con­clu­so nel mi­glio­re dei mo­di e que­sto è ciò che con­ta.

Esce di ca­sa per in­con­tra­re gli ami­ci e scom­pa­re. La fa­mi­glia si ri­vol­ge ai ca­ra­bi­nie­ri di San Vi­to dei Nor­man­ni, scat­ta­no le ri­cer­che. Do­po 5 gior­ni di an­go­scia, la 16en­ne si pre­sen­ta in ca­ser­ma in com­pa­gnia del fi­dan­za­to di 21 an­ni. For­tu­na­ta­men­te, il gial­lo si è ri­sol­to in una sem­pli­ce fu­ga d’amo­re.

L’ul­ti­mo fi­ne set­ti­ma­na, la ra­gaz­za lo ha tra­scor­so a ca­sa del pa­dre, co­me da abi­tu­di­ne. Da quan­do i ge­ni­to­ri han­no de­ci­so di pren­de­re ognu­no la pro­pria stra­da, lei tor­na a San Vi­to so­lo nel wee­kend e in­sie­me al­la so­rel­li­na ri­vi­ve la vec­chia rou­ti­ne, quel­la di quan­do la sua fa­mi­glia era an­co­ra uni­ta. Poi la do­me­ni­ca o il lu­ne­dì fa rien­tro a Grot­ta­glie, nel­la ca­sa do­ve ad at­ten­der­la c’è la nuo­va fa­mi­glia.

Ma a 16 an­ni le se­ra­te non si tra­scor­ro­no tut­te tra quat­tro mu­ra. A 16 an­ni si sta fuo­ri con gli ami­ci e si cer­ca di strap­pa­re a mam­ma o pa­pà il per­mes­so di tor­na­re tar­di. Poi se la ca­sa di pa­pà è in pie­no cen­tro, si esce an­che con più fa­ci­li­tà, per­ché lui è tran­quil­lo che non ci sa­rà bi­so­gno di ac­cet­ta­re pas­sag­gi in au­to o di an­da­re fuo­ri cit­tà per di­ver­tir­si un po’.

E, co­me tut­ti i suoi coe­ta­nei, do­me­ni­ca lei è usci­ta. Sa­reb­be do­vu­ta ri­ma­ne­re fuo­ri so­lo qual­che ora, poi avreb­be do­vu­to fa­re rien­tro, co­me le ave­va rac­co­man­da­to il pa­dre. Ma nul­la. E’ scom­par­sa.

All’ini­zio il pa­dre avrà pen- sa­to che si trat­tas­se di un ri­tar­do, avrà spe­ra­to che sa­reb­be tor­na­ta e che avreb­be po­tu­to sgri­dar­la, ma nien­te. Con il pas­sa­re del­le ore, an­che la mam­ma del­la 16en­ne ha ap­pre­so del­la sua as­sen­za.

All’ini­zio pro­ba­bil­men­te i ge­ni­to­ri avran­no con­clu­so che si trat­ta­va di un al­tro col­po di te­sta. L’an­go­scia che li ha af­flit­ti a fi­ne ago­sto è an­co­ra trop­po vi­va nel­la lo­ro me­mo­ria per non pen­sa­re che l’aves­se fat­to di nuo­vo.

L’al­tra vol­ta era an­da­ta al­lo stes­so mo­do. Sa­ba­to se­ra, 26 ago­sto, la ra­gaz­za era a ca­sa del pa­dre. Era usci­ta con gli ami­ci. Sa­reb­be do­vu­ta tor­na­re al­le 21, co­me da rac­co­man­da­zio­ne. E in­ve­ce no.

Il gior­no do­po, era scat­ta­ta la de­nun­cia ai ca­ra­bi­nie­ri. L’ini­zio del­le ri­cer­che. La te­le­fo­na­ta. Dal­la pro­vin­cia di Ta­ran­to, la mam­ma era riu­sci­ta a par­lar­le a te­le­fo­no e lei le avreb­be det­to di es­se­re scap­pa­ta a Brin­di­si e di non po­ter tor­na­re per pau­ra, ti­mo­re di chis- sà chi, di chis­sà co­sa, ma que­sto sa­reb­be quan­to rac­con­ta­to dal­la ma­dre ai ca­ra­bi­nie­ri in quel­le ore.

Poi, a tre gior­ni dal­la scom­par­sa, una vol­ta che la sua fo­to ave­va ini­zia­to a rim­bal­za­re da ba­che­ca in ba­che­ca su Fa­ce­book, la 16en­ne ave­va chia­ma­to la ma­dre, la­scia­to la ca­sa dell’ami­ca di Brin­di­si ed era tor­na­ta.

Do­me­ni­ca, i suoi ge­ni­to­ri avran­no pen­sa­to “lo ha ri­fat­to, tor­ne­rà an­che que­sta vol­ta”, per­ché la de­nun­cia di scom­par- sa ai ca­ra­bi­nie­ri, il pa­pà l’ha fat­ta so­lo avan­ti ie­ri, gio­ve­dì.

E in­tan­to so­no pas­sa­ti gior­ni sen­za che nes­su­no sa­pes­se nul­la di lei. La men­te di tan­ti è an­da­ta a Noe­mi Du­ri­ni, la 16en­ne scom­par­sa a Spec­chia e ri­tro­va­ta ca­da­ve­re so­lo po­chi gior­ni fa.

I ca­ra­bi­nie­ri del­la com­pa­gnia di San Vi­to l’han­no cer­ca­ta ovun­que, sia nel­la pro­vin­cia di Brin­di­si, che in quel­la ta­ran­ti­na. Poi ie­ri l’epi­lo­go del dram­ma. Se­con­do vo­ci non con­fer­ma­te, la ra­gaz­za avreb­be pri­ma te­le­fo­na­to al­la ma­dre, e poi si è pre­sen­ta­ta nel­la ca­ser­ma san­vi­te­se ac­com­pa­gna­ta dal fi­dan­za­to 21en­ne.

Sta be­ne, e i ge­ni­to­ri ave­va­no ra­gio­ne, si è trat­ta­to di un’al­tra bra­va­ta. Men­tre per 5 gior­ni tut­ti han­no te­mu­to il peg­gio, lei era con il suo ra­gaz­zo.

La speranza di quan­ti han­no pre­ga­to e spe­ra­to che fos­se ri­tro­va­ta e che non le fos­se ac­ca­du­to nul­la di ma­le è che non de­ci­da di spa­ri­re di nuo­vo. Pau­ra a par­te, al­me­no il ca­so san­vi­te­se si è con­clu­so nel mi­glio­re dei mo­di e que­sto è ciò che con­ta.

La ca­ser­ma dei ca­ra­bi­nie­ri di San Vi­to do­ve la ra­gaz­za, di 16 an­ni, si è pre­sen­ta­ta ie­ri po­me­rig­gio in­sie­me al fi­dan­za­to di 21 an­ni. L’ado­le­scen­te ave­va fat­to per­de­re le trac­ce da do­me­ni­ca se­ra fi­no all’epi­lo­go di ie­ri po­me­rig­gio an­ti­ci­pa­to con una te­le­fo­na­ta al­la ma­dre

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.