NU­ME­RO CHIU­SO ALL’UNI­VER­SI­TÀ IL CON­FLIT­TO DI­RIT­TI-QUA­LI­TÀ

Quotidiano di Puglia (Brindisi) - - Da Prima Pagina - di To­ma­so PATARNELLO

Qual­che gior­no fa il Tar del La­zio ha boc­cia­to il nu­me­ro chiu­so che l’Uni­ver­si­tà sta­ta­le di Mi­la­no ave­va in­tro­dot­to per le fa­col­tà uma­ni­sti­che. Que­sta bat­ta­glia vin­ta da­gli stu­den­ti met­te in evi­den­za un so­stan­zia­le cor­to cir­cui­to, un con­flit­to tra di­rit­to al­lo stu­dio e qua­li­tà del­la di­dat­ti­ca.

Tut­to na­sce dall’in­tro­du­zio­ne, nel 2013, dei co­sì det­ti “re­qui­si­ti mi­ni­mi”, re­qui­si­ti che un cor­so di lau­rea de­ve ave­re per po­ter es­se­re “ac­cre­di­ta­to” dal Mi­ni­ste­ro, per po­ter cioè es­se­re ap­pro­va­to. Tra i re­qui­si­ti mi­ni­mi per le lau­ree trien­na­li vie­ne sta­bi­li­to un rap­por­to di al­me­no 9 do­cen­ti ogni 50 stu­den­ti se si trat­ta di lau­ree sa­ni­ta­rie, 75 per le lau­ree tec­ni­co-scien­ti­fi­che e 100 per le lau­ree uma­ni­sti­che-so­cia­li. Se gli stu­den­ti so­no al di so­pra del­la so­glia so­no ne­ces­sa­ri pro­por­zio­nal­men­te più do­cen­ti. I do­cen­ti “va­li­di” pos­so­no es­se­re so­lo quel­li di ruo­lo e, co­sa mol­to im­por­tan­te, ogni do­cen­te può es­se­re con­teg­gia­to in un so­lo cor­so di lau­rea an­che se in­se­gna in due (o più) cor­si di lau­rea. Se que­ste con­di­zio­ni (ed al­tre) non ven­go­no ri­spet­ta­te i cor­si ven­go­no chiu­si. Tut­to ciò se­con­do il prin­ci­pio per cui in clas­si trop­po nu­me­ro­se non può es­se­re ga­ran­ti­ta la qua­li­tà del­la di­dat­ti­ca. Con­di­vi­si­bi­le, ma il ri­sul­ta­to di que­sta scel­ta è che il nu­me­ro di cor­si di lau­rea ed il nu­me­ro di stu­den­ti che vi pos­so­no ac­ce­de­re è li­mi­ta­to dal­la di­spo­ni­bi­li­tà di do­cen­ti. Ed è la ra­gio­ne per la qua­le l’Uni­ver­si­tà di Mi­la­no (e mol­te al­tre) han­no do­vu­to im­por­re il nu­me­ro chiu­so a qua­si tut­te le lau­ree, so­prat­tut­to trien­na­li, do­ven­do esclu­de­re at­tra­ver­so i te­st di in­gres­so mi­glia­ia di ra­gaz­zi a cui di fat­to vie­ne ne­ga­to il di­rit­to al­lo stu­dio. La so­lu­zio­ne sa­reb­be sem­pli­ce. Au­men­ta­re il nu­me­ro di do­cen­ti. Pec­ca­to che, a par­ti­re dal­la fa­mi­ge­ra­ta Leg­ge Gel­mi­ni (leg­ge del 30 di­cem­bre 2010, n. 240) è co­min­cia­to un de­li­be­ra­to pro­gram­ma di ta­gli ai fondi di fi­nan­zia­men­to or­di­na­rio (FFO) del­le uni­ver­si­tà che ha por­ta­to ad una ri­du­zio­ne, in 7 an­ni, di ol­tre il 30% dei pro­fes­so­ri uni­ver­si­ta­ri e, com­ples­si­va­men­te, al ta­glio dell’ FFO di più di 3 mi­liar­di di eu­ro.

L’Ita­lia è tra i pae­si eu­ro­pei con il mi­nor nu­me­ro di lau­rea­ti e non è dif­fi­ci­le ca­pi­re che se ri­ma­ne an­che tra gli ul­ti­mi nel­la clas­si­fi­ca eu­ro­pea per il fi­nan­zia­men­to al­le uni­ver­si­tà e al­la ri­cer­ca que­sto pae­se è de­sti­na­to ad un ine­so­ra­bi­le de­cli­no. Non pos­sia­mo e non dob­bia­mo com­pe­te­re con i pae­si emer­gen­ti sul bas­so co­sto del­la ma­no­do­pe­ra. Sa­re­mo sem­pre per­den­ti ed è un gio­co al ri­bas­so, al mas­sa­cro del­le fa­sce più de­bo­li. Dob­bia­mo pun­ta­re sul “va­lo­re ag­giun­to” del­la co­no­scen­za e dell’in­no­va­zio­ne. Dob­bia­mo, cioè, fa­re l’esat­to op­po­sto di quel­lo che ab­bia­mo fat­to fi­no­ra, dob­bia­mo in­ve­sti­re sul­le uni­ver­si­tà e sul­la for­ma­zio­ne qua­li­fi­ca­ta. I pae­si più avan­za­ti co­me Sta­ti Uni­ti e Ger­ma­nia lo han­no già fat­to rad­dop­pian­do il fi­nan­zia­men­to al­la ri­cer­ca e al­le Uni­ver­si­tà e lo han­no fat­to nel mo­men­to più dif­fi­ci­le, all’ini­zio del­la cri­si del 2007/2008. Una scel­ta del ge­ne­re è ob­bli­ga­ta , vi­ta­le per un pae­se co­me il no­stro che non ha ma­te­rie pri­me ed è fon­da­men­tal­men­te un pae­se tra­sfor­ma­to­re. In que­ste con­di­zio­ni il ca­pi­ta­le uma­no è l’uni­ca ve­ra ric­chez­za. Non ci man­ca­no cer­ta­men­te crea­ti­vi­tà e idee, quel­lo che ci man­ca so­no i mez­zi per svi­lup­par­le con fi­nan­zia­men­ti ade­gua­ti.

Qual­cu­no po­treb­be pen­sa­re che di­dat­ti­ca e di­rit­to al­lo stu­dio c’en­tra­no po­co o nien­te con gli in­ve­sti­men­ti in ri­cer­ca e in­no­va­zio­ne. Nien­te di più sba­glia­to. Ri­cer­ca e for­ma­zio­ne so­no in­dis­so­lu­bil­men­te le­ga­te. Non si può fa­re buo­na di­dat­ti­ca se non si fa buo­na ri­cer­ca. Po­ten­zia­re l’una si­gni­fi­ca po­ten­zia­re an­che l’al­tra. Bi­so­gne­reb­be av­via­re un pia­no di re­clu­ta­men­to per re­cu­pe­ra­re (al­me­no) i do­cen­ti che l’Uni­ver­si­tà ha per­so ne­gli ul­ti­mi an­ni. Un pia­no ba­sa­to sul me­ri­to che va­lo­riz­zi i no­stri tan­tis­si­mi gio­va­ni bril­lan­ti ai qua­li of­fri­re l’op­por­tu­ni­tà di con­tri­bui­re al­la rinascita dell’Ita­lia. So­no ra­gaz­zi che ab­bia­mo for­ma­to con ri­sor­se pub­bli­che (un lau­rea­to, ma­ga­ri an­che con il dot­to­ra­to, co­sta al­lo Sta­to tra i 100 e i 300 mi­la eu­ro) e che “re­ga­lia­mo” ai no­stri con­cor­ren­ti, in pri­mis, USA, UK e Ger­ma­nia. Au­men­ta­re il cor­po do­cen­te del­le uni­ver­si­tà non si­gni­fi­ca so­lo po­ten­zia­re la ri­cer­ca per es­se­re più com­pe­ti­ti­vi nel mar­ca­to glo­ba­le del­la co­no­scen­za, ma si­gni­fi­ca an­che es­se­re in gra­do di tra­sfe­ri­re più ef­fi­ca­ce­men­te que­sta co­no­scen­za ai più gio­va­ni. A tut­ti e non so­lo ad al­cu­ni.

Se an­che il nu­me­ro di do­cen­ti non fos­se un fat­to­re li­mi­tan­te, una del­le prin­ci­pa­li pre­oc­cu­pa­zio­ni le­ga­te al­la ri­mo­zio­ne dei nu­me­ri chiu­si è quel­la di crea­re schie­re di lau­rea­ti di­soc­cu­pa­ti. Que­sto è una pre­oc­cu­pa­zio­ne le­git­ti­ma ma il pro­ble­ma non è li­mi­ta­re il nu­me­ro di lau­rea­ti, il pro­ble­ma è au­men­ta­re il nu­me­ro di oc­cu­pa­ti con la lau­rea. Il mer­ca­to del la­vo­ro, quel po­co che c’è og­gi in Ita­lia, è orien­ta­to a fi­gu­re po­co qua­li­fi­ca­te sul­le qua­li po­ter fa­re po­li­ti­che di bas­so sa­la­rio. I no­stri pic­co­li e me­di im­pren­di­to­ri che rap­pre­sen­ta­to più del 90% del tes­su­to pro­dut­ti­vo ita­lia­no ve­do­no un lau­rea­to co­me un co­sto non co­me un a ri­sor­sa. Bi­so­gna ri­bal­ta­re que­sta lo­gi­ca, cam­bia­re la men­ta­li­tà so­prat­tut­to del­le pic­co­le im­pre­se - la gran par­te a ca­rat­te­re fa­mi­lia­re - in cui il “pa­ron” è spes­so un ex ope­ra­io che si è mes­so in pro­prio ma fa­cen­do esat­ta­men­te quel­lo che fa­ce­va pri­ma con po­ca o nes­su­na in­no­va­zio­ne. Que­sto po­te­va fun­zio­na­re quan­do il mar­ca­to “ti­ra­va”. Og­gi non fun­zio­na più. Og­gi l’in­no­va­zio­ne è l’ar­ma vin­cen­te. L’in­no­va­zio­ne si può ave­re so­lo con una uni­ver­si­tà vi­va, con una ri­cer­ca all’avan­guar­dia e con una for­ma­zio­ne uni­ver­si­ta­ria qua­li­fi­ca­ta e ac­ces­si­bi­le ai più. Al­tri­men­ti il de­sti­no del no­stro pae­se è se­gna­to co­me lo è quel­lo dei no­stri gio­va­ni che, per dir­la con Dut­ch Na­za­ri gio­va­ne e bril­lan­te can­tau­to­re rep­per, ri­schia­no di di­ven­ta­re “una ge­ne­ra­zio­ne cre­sciu­ta con la men­ta­li­tà da ric­chi ed il fu­tu­ro già scrit­to da strac­cio­ni”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.