La mam­ma: «Lei sfug­gi­va, ho chie­sto aiu­to ma i ser­vi­zi so­cia­li non mi han­no ascol­ta­ta»

Quotidiano di Puglia (Brindisi) - - Attualita’ -

Vuo­le un fu­ne­ra­le so­brio, sen­za ec­ces­si, Im­ma Riz­zo. Chie­de che per Noe­mi non si fac­cia nien­te di più di quel­lo che si fa nel cor­so di una nor­ma­le ce­ri­mo­nia fu­ne­bre: pre­ga­re. Nien­te gi­gan­to­gra­fie, nes­sun rom­bo di mo­to­ri, nes­su­na sce­na ecla­tan­te a di­sto­glie­re l’at­ten­zio­ne da quel­la che ri­ma­ne una tra­ge­dia in­ti­ma, pri­va­ta. Di cer­to, pe­rò, do­vrà aspet­ta­re: non pri­ma di mar­te­dì pros­si­mo, che è la da­ta in cui si svol­ge­rà l’au­top­sia da par­te del me­di­co le­ga­le Ro­ber­to Va­glio.

So­lo ie­ri mam­ma Im­ma ha rot­to il si­len­zio che ha ca­rat­te­riz­za­to que­sti gior­ni di do­lo­re. Lo ha fat­to in­sie­me al­la fi­glia Be­ne­det­ta, la so­rel­la di Noe­mi, nel cor­so del­la tra­smis­sio­ne “Quar­to gra­do”, in on­da su Re­te 4. Ha lan­cia­to ac­cu­se pe­san­tis­si­me. Non so­lo nei con­fron­ti del pre­sun­to re­spon­sa­bi­le e del­la sua fa­mi­glia, ma an­che ver­so gli as­si­sten­ti so­cia­li che, di­ce, non l’han­no ascol­ta­ta. «Gli as­si­sten­ti so­cia­li non so­no in­ter­ve­nu­ti. Dal 19 lu­glio mi ave­va­no pro­mes­so che sa­reb­be­ro in­ter­ve­nu­ti per aiu­tar­mi e fa­re un pia­no rie­du­ca­ti­vo per mia fi­glia... e in­ve­ce non è suc­ces­so. Per­ché ve­den­do la si­tua­zio­ne con mia fi­glia che mi sta­va un po’ sfug­gen­do di ma­no - ha ag­giun­to la don­na - ho chie­sto aiu­to ai ser­vi­zi so­cia­li. Ma non per- as­su­mo tut­te le mie re­spon­sa­bi­li­tà». Ades­so, ag­giun­ge, «non la ve­do più en­tra­re in ca­sa per col­pa lo­ro... la de­vo­no pa­ga­re tut­ti in que­sta fa­mi­glia, tut­ti. So­no tut­ti com­pli­ci».

Du­re an­che le pa­ro­le di Be­ne­det­ta, che de­fi­ni­sce il fi­dan­za­to del­la so­rel­la «un ma­ni­po­la­to­re». «Io gli ho det­to: “Se ti ri­ve­do all’in­ter­no del mio pae­se, chia­mo di­ret­ta­men­te i ca­ra­bi­nie­ri”, e lui mi ha mi­nac­cia­to», di­ce la so­rel­la di Noe­mi. «Mi ha det­to in dia­let­to: “Quan­do ti tro­vo ti mo­stro io”. Mi avreb­be fat­to qual­co­sa? È una per­so­na mol­to fur­ba, mol­to in­tel­li­gen­te e so­prat­tut­to un ma­ni­po­la­to­re im­pec­ca­bi­le. Al­tri­men­ti mia so­rel­la non sa­reb­be fi­ni­ta in quel­le con­di­zio­ni. Pro­prio per que­sto mo­ti­vo, mia so­rel­la vo­le­va por­tar­lo sul­la giu­sta stra­da, è pas­sa­ta al­la mor­te». Era un rap­por­to “ma­la­to”, in­som­ma, quel­lo tra Noe­mi e il 17en­ne: «Se­con­do me, una per­so­na che si com­por­ta co­sì, che ti proi­bi­sce di truc­car­ti e di usa­re il cel­lu­la­re, di usci­re con gli ami­ci, di usci­re con tua so­rel­la... quel­la per me non può nean­che es­se­re con­si­de­ra­ta una per­so­na».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.