Brin­di­si, ec­co il pri­mo ko In fi­na­le va l’Avel­li­no

Quotidiano di Puglia (Brindisi) - - Da Prima Pagina - Re­na­to RU­BI­NO

LO SPORT

BRIN­DI­SI - Vir­tus Francavilla e Catania pro­met­to­no spet­ta­co­lo e tan­ta vo­glia di vin­ce­re. Lo sta­dio “Fa­nuz­zi” di Brin­di­si, cam­po di gio­co del Francavilla per que­sto av­vio di sta­gio­ne, sa­rà tea­tro que­sto po­me­rig­gio (ore 16.30) di un mat­ch mol­to at­te­so, tra quel­li in pro­gram­ma per la quar­ta gior­na­ta, tra due for­ma­zio­ni che gio­ca­no al cal­cio e che vo­glio­no far­lo nel mi­glio­re dei mo­di. La vit­to­ria è in­di­spen­sa­bi­le per en­tram­be, sia pur per mo­ti­va­zio­ni un po’ dif­fe­ren­ti. La Vir­tus di mi­ster D’Ago­sti­no mi­ra a con­qui­sta­re mol­to pre­sto po­si­zio­ni tran­quil­le di clas­si­fi­ca, striz­zan­do l’oc­chio, ma­ga­ri, a quel de­ci­mo po­sto o più su che vor­rà di­re an­co­ra una vol­ta play off. E bloc­ca­re una squa­dra mol­to for­te co­me il Catania si­gni­fi­che­reb­be au­men­ta­re l’au­to­sti­ma. Gli et­nei, da par­te lo­ro, non si na­scon­do­no e pun­ta­no drit­to a vin­ce­re il cam­pio­na­to per ap­pro­da­re di­ret­ta­men­te in se­rie B per­ché in “ro­sa” han­no 23 ti­to­la­ri nel ce­ro sen­so del­la pa­ro­la. Per ren­de­re me­no aspro il per­cor­so de­vo­no ini­zia­re a vin­ce­re e con­vin­ce­re an­che in tra­sfer­ta. E dal­le di­chia­ra­zio­ni del­la vi­gi­lia, le in­ten­zio­ni so­no chia­re, cioè espu­gna­re il “Fa­nuz­zi”. Ol­tre al­le in­ten­zio­ni del­le due squa­dre, so­no si­mi­li, in li­nea di mas­si­ma, an­che i mo­di di gio­ca­re. Po­treb­be es­se­re una par­ti­ta a “spec­chio”, con le due con­ten­den­ti di­spo­ste in cam­po col mo­du­lo 3-5-2.

«Vo­glia­mo vin­ce­re», ha det­to mi­ster D’Ago­sti­no in con­fe­ren­za stam­pa, «ma è lo stes­so pro­get­to che han­no i si- ci­lia­ni e, for­se, in av­vio sa­rà una par­ti­ta un po’ no­io­sa per­ché ci sa­rà una na­tu­ra­le fa­se di stu­dio. Ma, in cor­so d’ope­ra, sia noi che lo­ro sa­re­mo pron­ti a tro­va­re le mi­glio­ri so­lu­zio­ni per vin­ce­re il mat­ch e da­re an­che spet­ta­co­lo, so­prat­tut­to quan­do le squa­dre sia al­lun­ghe­ran­no».

La Vir­tus Francavilla ha pre­pa­ra­to il mat­ch al­le­nan­do­si sia sul cam­po di mas­se­ria Mar­tuc­cio, a Mesagne, che al “Fa­nuz­zi”, do­ve ie­ri po­me­rig­gio ha svol­to la se­du­ta di ri­fi­ni­tu­ra. La squa­dra sta mi­glio­ran­do set­ti­ma­na do­po set­ti­ma­na e an­che la com­pat­tez­za tra i re­par­ti sta tro­van­do il suo na­tu­ra­le equi­li­brio. Sa­ran­no di- spo­ni­bi­li tut­ti gio­ca­to­ri, tran­ne Vio­la per in­for­tu­nio e Giam­pao­lo per squa­li­fi­ca. Tan­te al­ter­na­ti­ve, quin­di, per D’Ago­sti­no, nel­la scel­ta dei ti­to­la­ri. I dub­bi so­no sem­pre i so­li­ti, sull’out di de­stra e in at­tac­co. «Sì», ha det­to D’Ago­sti­no, «ho dei dub­bi ma so­lo per­ché ho la for­tu­na di po­ter sce­glie­re su più op­zio­ni mol­to va­li­de per uno stes­so ruo­lo. Pen­so che con­tro il Catania, sull’out di de­stra di cen­tro­cam­po, ho bi­so­gno di qual­cu­no che sap­pia fa­re sia la fa­se di­fen­si­va che quel­la of­fen­si­va. Da quel­la par­te lo­ro so­no mol­to for­ti con Mar­che­se o chi gio­che­rà».

Pos­si­bi­le, quin­di, che a de­stra, per la Vir­tus, gio­chi dall’ini­zio Ste­fa­no Pi­no. Mi­ster D’Ago­sti­no, per l’at­tac­co, non esclu­de che pos­sa dar fi­du­cia an­co­ra ad Ay­i­na al fian­co di Sa­ra­ni­ti. «Ay­i­na», ri­pren­de il mi­ster, «lo scor­so an­no ha gio­ca­to po­co. Sta fa­cen­do be­ne, co­me gli al­tri, e pen­so che ha le stes­se pos­si­bi­li­tà dei com­pa­gni di gio­ca­re sin dal pri­mo mi­nu­to».

Dall’al­tra par­te, il Catania, che do­vrà fa­re a me­no di mi­ster Lucarelli per squa­li­fi­ca, po­trà re­pli­ca­re la stes­sa for­ma­zio­ne che ha stra­paz­za­to il Lec­ce. In più, avrà sem­pre da uti­liz­za­re l’ar­ma del bom­ber Ri­pa, an­co­ra non al me­glio. In set­ti­ma­na, tra l’al­tro, la squa­dra et­nea ha ri­ce­vu­to una gran­de inie­zio­ne di fi­du­cia dal suo men­to­re, An­to­ni­no Pul­vi­ren­ti, che ha in­con­tra­to la stam­pa do­po tan­to tem­po di as­sen­za per le no­te vi­cen­de per­so­na­li. «Il Catania del fu­tu­ro lo im­ma­gi­no in se­rie B e poi in se­rie A. Que­sto è il mio so­gno». Sa­rà dav­ve­ro un bel­lo spet­ta­co­lo an­che sul­le tri­bu­ne, con mi­glia­ia di ti­fo­si fran­ca­vil­le­si che so­ster­ran­no la lo­ro squa­dra. E per og­gi è pre­vi­sta an­che la gior­na­ta “For­za Vir­tus Francavilla”, in cui non so­no va­li­di gli ab­bo­na­men­ti. Ar­bi­tre­rà il mat­ch Ro­bi­lot­ta di Sa­la Con­si­li­na.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.